3 febbraio 2010

Amica Diffidenza

cavallo di troia, trucco, inganno
Viator

Molti argomenti di cui tratteremo scaturiscono dalla certezza che la nostra sia un'epoca più buia del Medio Evo. Grazie a potenti strumenti scientifici e tecnici il Potere ha neutralizzato le facoltà critiche della maggioranza degli individui, dunque l'attitudine alla diffidenza da riservare ad ogni nozione propagata dall'alto verso il basso; dai pochi verso i molti.

Hanno sottratto alla gente la capacità di immaginare un'alternativa.
In che modo, è presto detto. Fino al Diciannovesimo Secolo il controllo mentale fu esercitato principalmente tramite uno stringente sistema di imposizioni di stampo religioso.

Oltre che con la suggestione, la prevaricazione e il supporto dei poteri temporali, la dittatura della religione fu conseguita mediante un capillare presidio del territorio. Per farsi un'idea è sufficiente visitare ogni località del mondo occidentale, dalle metropoli ai villaggi più sperduti. Ovunque vi sia traccia di una seppur minuscola aggregazione umana, si troverà anche una parrocchia.

Poi qualcosa mutò. Con l'avvento della tecnologia la funzione fu avocata dai mass media, strumenti capaci di manipolare le menti con la massima efficienza ed economia.

Ciò introduce il tema di questo post: la diffidenza.

Oggigiorno una sana diffidenza è imprescindibile. Siete invitati a diffidare di tutto. Di qualsiasi cosa leggiate o vediate e ascoltiate dai mass media. Diffidate, perché qualsiasi concetto - nessuno escluso - vi venga proposto, suggerito, consigliato con l'ausilio dei mass media in realtà è unicamente un attentato alla vostra libertà intellettuale ed alla vostra salute mentale e fisica.

Prima di tutto, diffidate.

Di ogni informazione, da qualsiasi fonte provenga. Cercate di non dare nulla per scontato. Analizzate i meccanismi che muovono il mondo in cui vivete; chiedetevi perché una elite di gente ricca e potente tenga tanto ad informarvi attraverso i notiziari, se per rendervi un servizio senza secondi fini o piuttosto per innescare una reazione che vi induca a formarvi una determinata opinione da cui scaturirà un preciso comportamento sociale.

Chiedetevi se vi fossero altre possibili formulazioni per presentarvi una notizia, e se vi accorgete che in effetti vi è stata posta in modo strano o confuso, non sentitevi inadeguati, non pensate che il difetto risieda in voi. Chiedetevi piuttosto come mai tra le innumerevoli possibili forme espositive di cui dispongono i professionisti dell'informazione, ne sia stata usata una che non risulti pienamente comprensibile.

Diffidate di ciò che viene detto, ma prestate altrettanta attenzione alle omissioni, tutto ciò che - benché degno di considerazione - sia ignorato o minimizzato dai mass media.

Diffidate dei luoghi comuni che attraverso spot pubblicitari, fiction e talk show implicitamente vi vengono presentati come paradigmi culturali, unici ragionevoli stili di vita e visioni del mondo a cui appare logico e naturale doversi conformare.

Diffidate della televisione, ma non solo. Diffidate dei giornali, dei libri che siete stati obbligati a studiare a scuola, diffidate del web e dei paladini mediatici (left gatekeeper, di cui si parlerà in un prossimo post).


Diffidate di questo stesso blog.
La rete oggigiorno passa per un medium libero, ed è proprio questa fama che ne sta facendo un potenziale nuovo cavallo di troia; la nuova frontiera della manipolazione; ciò che la televisione fu per la generazione che ci ha preceduti, ossia una diabolica macchina per il lavaggio del cervello.

Riassumendo: diffidate. E nel dubbio, rifiutate. Questa è la prima regola di sopravvivenza del mondo odierno. Tenetela sempre bene a mente, e non ve ne pentirete.


Post correlati: Perchè la Gente Crede Quasi a Tutto (Persuasione)
Post correlati: Il Bluff dell'Informazione 
Post correlati: Vendere la Schiavitù
Post correlati: Bill Hicks - Marketing


LETTURE CONSIGLIATE



Controllo Mentale


1 commento:

  1. Grazie mille, seguiro' il consiglio.

    Ghost

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE