3 febbraio 2010

Le Chiavi della Percezione (Persuasione)

medicina, sigarette, fumo, pubblicità, spot
Viator

La cosiddetta scienza della persuasione vide la luce all'inizio del Ventesimo secolo sotto forma di applicazione pratica degli studi di Sigmund Freud nel campo dell'ingegneria sociale.
 
Colui che ne codificò i criteri applicativi per poi dedicarsi alla loro attuazione fu però Edward Bernays, nipote del celebre psicanalista ed autore del famigerato trattato Propaganda, in cui descrisse l'umanità come 'un gregge che ha bisogno di essere guidato a sua insaputa.'

Bernays ottenne il primo incarico negli USA da parte del Consiglio per la Informazione del Pubblico. Si trattò di "vendere la Prima Guerra Mondiale alle popolazioni occidentali tramite l'idea di fare il mondo sicuro per la democrazia" (O'Shea).

Tra le altre cose, Bernays rese popolare negli USA l'abitudine di fare colazione con il bacon, e per quasi 50 anni - forte del supporto dell'AMA (Associazione Medici Americani) - riuscì a persuadere gli americani che le sigarette giovassero alla salute.

Tutte le attuazioni di Bernays si svilupparono da un unico caposaldo, secondo il quale se un messaggio venga ripetuto un numero elevatissimo di volte, alla fine esso entra a far parte della coscienza collettiva sotto forma di "realtà oggettiva."

I successori di Bernays colsero dunque l'enorme importanza, in tal senso, ricoperta dai mass media, ed in particolare dei neonati cinema e televisione. Negli anni successivi le tecniche di persuasione occulta furono elaborate, ampliate e perfezionate in funzione del conseguimento di obiettivi via via sempre più radicali, mediante campagne diluite nel lungo periodo ed enormemente articolate.

Ciò premesso si può capire come all'alba del XXI secolo il libero arbitrio individuale e la facoltà di autodeterminazione democratica dei popoli risultino gravemente pregiudicati dalle sovrastrutture culturali inculcate dai professionisti della persuasione.

Come sappiamo, per decrittare un codice è necessario possederne la chiave. La chiave in crittologia consiste in un'informazione usata come parametro, punto di riferimento al quale rapportare il codice per 'convertirlo' in linguaggio comprensibile.

La persuasione non è che un linguaggio cifrato. Un linguaggio che chiunque - una volta in possesso delle chiavi appropriate - può decrittare, riconoscere e interpretare. Tra le altre cose, questo blog si prefigge di svelare quante più chiavi di decrittazione possibili, desunte personalmente o ascoltando le idee di altri blogger e giornalisti indipendenti.

Buona decodificazione.


Post correlati: Perchè la Gente Crede Quasi a Tutto (Persuasione)
Post correlati: Scioccare e Sorprendere - Alan Watt
Post correlati: Il Bluff dell'Informazione 

LETTURE CONSIGLIATE



L'Istituto Tavistock


2 commenti:

  1. Sto pensando parecchio riguardo al tipo di messaggio trasmesso, e alla criptazione. Avrei bisogno di capire, o avere un parere su questa considerazione: "Se il messaggio è criptato, in che modo è utile a coloro che lo creano e decidono di propagarlo? In che modo persuade le persone, che consciamente non sono in grado di capirlo? La cosidetta fase di "rivelazione del metodo" è atta a decriptare il messaggio, in modo che si diffonda nelle masse? Mi piacerebbe avere uno scambio di idee su questi temi.
    Thanks!

    RispondiElimina
  2. anonimo, ci occupiamo di due tipi di messaggi criptati: quelli creati dalle società segrete, e congegnati affinché le masse non riescano a decrittarli (in questo caso l'utilità sta proprio nel poter comunicare - celebrare tra 'confratelli' senza che i 'profani' o 'non iniziati' intuiscano alcunché di tali messaggi).

    quelli creati dai 'padroni della comunicazione' per condurre le masse da un punto A ad un punto B, senza che queste ultime si avvedano di essere state guidate, illudendole così di avere compiuto quel 'percorso' autonomamente.

    per approfondire la prima tipologia, potresti dare un'occhiata ai post contenuti nei tag 'simbologia' e 'ritologia'. per approfondire la seconda quelli nei tag 'persuasione' e 'decoder'.

    ciao

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE