6 luglio 2010

Le Rivoluzioni Occulte degli Illuminati

illuminati, occhio onniveggente
 di G. Cosco

"Il mondo si divide in 3 categorie di persone: un piccolissimo numero che fa produrre gli avvenimenti; un gruppo un pò più importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che giammai saprà ciò che accade." Così si espresse Nicholas Murray Butler.

Giova ricordare chi fu tale personaggio. Il Dr. Nicholas Murray Butler è stato presidente dell’Università di Columbia, presidente della Carnegie Endwment for International Peace, membro fondatore, presidente della Pilgrims Society e membro del Council on Foreign Relations (CFR) e capo del British Israel.

Taluni autori denunciano con crescente insistenza che è in atto una cospirazione super-politica, "religiosa" o esoterica. I fili della storia, asseriscono questi studiosi, si tirano nelle logge massoniche e nei consigli di amministrazione delle multinazionali e delle grandi banche. La Rivoluzione Francese fu una congiura massonica, preparata da "società di pensiero" – uguali a quelle studiate da Augustin Cochin (1876-1916) – e da altri gruppi di pressione. 

La Rivoluzione bolscevica fu una congiura giudaico-massonica. Diversi storici ne sono convinti. Il "Times" (marzo 1920) confermò il complotto: "Si può considerare ormai come accettato che la rivoluzione bolscevica del 1917 fu finanziata e sostenuta principalmente dall’alta finanza ebraica attraverso la Svezia: ciò non è che un aspetto della messa in atto del complotto del 1773".

Estrema importanza assume, sempre al riguardo della rivoluzione russa del febbraio del 1917, il fatto che, non affatto casualmente, il governo fosse costituito principalmente da massoni, tra questi risaltava Kerensky.

E’ anche rivelatore il libro Rossija Nakanune Revoljucii di Grigorij Aronson, pubblicato nel 1962 a New York e che riporta alcune missive di E. D. Kuskova, moglie del massone Prokopovic, legato da grande amicizia al confratello Kerensky. In una di esse, datata 15 novembre 1955, si legge: "Avevamo la nostra gente ovunque (...). Fino a oggi il segreto di questa organizzazione non è stato mai divulgato, eppure l’organizzazione era enorme. Al tempo della rivoluzione di febbraio tutta la Russia era coperta da una rete di logge."

L’iniziato Jean Marques Rivière scrisse:
"L’esoterismo, con la sua forza sul piano ideologico, guida il mondo." 

Il lato occulto della storia contemporanea è complesso e variegato. Insospettabili vip del mondo che conta sono affiliati ad oscuri ordini esoterici. L’ex presidente Bush sarebbe stato iniziato nel 1943 alla setta degli Skull and Bones (Teschio e Ossa - v. correlati) dell’Università di Yale, fondata nel 1832. George Bush ha diretto anche la Cia. La Skull and Bones assieme a società come il Rhodes Trust, secondo l’autorevole rivista inglese Economist (dicembre 1992), sono la moderna risorgenza degli Illuminati di Baviera di Jean Adam Weisshaupt (1748-1830).

Anche suo padre Prescott sarebbe stato membro della sètta Skull and Bones. Di essa farebbero parte le più potenti famiglie degli Stati Uniti (EIR Special report, American Leviathan, p. 181). Tra queste vale la pena di menzionare "la famiglia Harriman, a capo della Morgan Guaranty Trust, è Skull and Bones da generazioni. Petrolio: ci sono i Rockefeller. Studi legali di grido. Poltrone alte della Cia…" (M. Blondet, Gli Adelphi della Dissoluzione. Strategie culturali del potere iniziatico, Edizioni Ares, Milano 1994, pag. 232).

E’ anche molto interessante scoprire che, secondo quanto scrive lo storico Antony C. Sutton in America’s Secret Establishment (liberty House Press. Bilings 1986, pagg. 207 e segg.), la Skull and Bones sarebbe collegata al movimento New Age e ad essa, asserisce ancora Sutton, non sono estranei aspetti satanisti

Marylin Ferguson nel suo libro The Aquarian Conspiracy, una vera e propria Bibbia del movimento New Age, mette assieme Huxley con Teilhard de Chardin, Carl Gustav Jung, Maslow, Carl Rogers, Roberto Assagioli, Krishnamurti, ecc. tra i personaggi, che sono da considerare come padri spirituali della New Age. Aldous Huxley e suo fratello Julian, quest’ultimo fu il primo dirigente dell’ U.N.E.S.C.O., erano anche membri di importanti affiliazioni mondialiste, tra queste ricordo l’anglosassone Fabian Society.

Sui vertici del mondialismo (v. correlati), lo stesso René Guenon, che era un 33° grado del Rito Scozzese Antico Accettato e un 90° del Rito Egiziano di Menphis-Misraim, ebbe ad affermare: "…dietro tali movimenti non potrebbe esserci qualcosa di altrimenti temibile, che forse neanche i loro stessi capi conoscono, e di cui essi a loro volta quindi, non sono che dei semplici strumenti? Noi ci accontenteremo di porre questa domanda senza cercare di risolverla qui." (cit. da "Il Teosofismo", edizioni Arktos, 1987, vol. II, pag. 297).

Ritornando alla Skull and Bones, la sua importanza può essere compresa se si riflette che nel 1917 essa diresse, tra l’altro, quel centro finanziario denominato 120 Brodway, finanziatore del bolscevismo in Russia (EIR Special report, cit., pag. 182) e del nazismo in Germania che, tra l’altro, portò al potere (Ibid., pag. 183).

Non stupisca se a questi livelli parole come destra e sinistra non hanno significato, più esattamente non si bada a razze, religioni o ideologie: sono solo mezzi da utilizzare per raggiungere il fine ultimo, su scala mondiale, con l’antica strategia del divide et impera.

A questo punto non meraviglia venire a conoscenza delle trattative segrete intercorse tra George Bush e alte personalità del governo dell’Iran, che poi hanno portato allo scandalo dell’Irangate. Accordi resi possibili da Khomeini e dal suo entourage comprendente gran parte dei suoi ministri, il capo della polizia, il comandante dell'esercito, il procuratore generale del tribunale islamico, il capo della polizia segreta, ecc., sarebbero stati affiliati alla Grande Loggia dell’Iran, sottoposta alla Gran Loggia d’Inghilterra.

L’appartenenza alla Grande Loggia dell’Iran delle personalità iraniane citate, è attestata dalla lettera che il segretario della Grande Loggia, Ahmad Aliabadi, ha fatto pervenire al Gran Maestro della Grande Loggia dell’Iran, Sharif Iman il giorno 16 novembre 1975. Il documento è stato pubblicato da Nuova Solidarietà (12 marzo 1988, pag. 4), e da Chiesa Viva (n. 199, pag. 8).

E’ noto che l’ex presidente George Bush senior è esponente di rilievo della sinarchia internazionale, figura di spicco del C.F.R, della Trilaterale (v. correlati), della potente Pilgrims Society oltre che della Skull and Bones.

E’ anche interessante accennare ad un articolo, firmato M. Dornbierer, apparso il 29 gennaio '91 sul giornale messicano Excelsior che spiegava lo "smisurato sionismo" di Bush documentando la sua origine ebraica secondo quanto indicato nell’Enciclopedia ebraica castigliana. Bush è inoltre un W.A.S.P. (White Anglo-Saxon Protestant), ovvero un americano convinto che la sua origine razziale e convinzioni religiose lo pongano al di sopra degli altri uomini (Epiphanius, Massoneria e sètte segrete: la faccia occulta della storia, Ediz. Ichthys, Roma, pag. 97).

Scrive Blondet che:
"... secondo Sutton, lo storico della Skull and Bones, la stessa locuzione ‘Nuovo Ordine Mondiale’ descrive il fine ultimo che gli affiliati alla società segreta di Yale s’impegnano a perseguire. I membri si impegnerebbero a giungervi con la gestione di conflitti artificialmente generati, come quello tra nazismo e comunismo.... Per Sutton, tale filosofia segreta dell’Ordine rivelerebbe la sua origine tedesca (che Sutton ritiene di poter provare): gli iniziati sarebbero dei tardi seguaci di Hegel, votati a far progredire il mondo attraverso opposizioni, tesi e antitesi, per poi comporle in una sintesi superiore. Si ricordi che anche Karl Marx era hegheliano (benché "di sinistra") e vedeva nel comunismo la sintesi della lotta tra Capitalismo e Proletariato. L’ipotesi, affascinante, può essere superflua. A noi sembra sufficiente evocare uno dei motti, delle insegne della Massoneria, che suona: Ordo ab Chao, l’Ordine (nasce) dal Caos." M. Blondet, Complotti. I fili invisibili del mondo. I - Stati Uniti, Gran Bretagna, Il Minotauro, Milano 1995, pagg. 84-85).
L’idea del "Nuovo Ordine del Mondo" è perseguita con accanimento. Del presidente Bill Clinton, scrive Epiphanius (op. cit., pag. 497): "la sua educazione l’ha ricevuta nella britannica Oxford, dove venne ammesso nel super elitario ‘Rhodes Group’, una società dell’area del potere affine alla Skull and Bones, come scrisse l’Economist inglese nel suo numero del 25 dicembre 1992. L’Economist elencava una decina delle maggiori società d’influenza del mondo occidentale rivelando la loro comune derivazione dall’Ordine degli Illuminati di Weisshaupt fondato nel 1776. Clinton appartiene anche al C.F.R., alla Commissione Trilaterale e al Bilderberg.

Blondet ci informa che Clinton portò con sé Les Aspin (CFR) che, tra l’altro, firmò la "Dichiarazione di Interdipendenza", che è, in sostanza, - una mozione del Congresso che nel 1962 proponeva di cancellare dalla Costituzione ogni dichiarazione di sovranità nazionale, poiché ostacolo all’instaurazione di un "Nuovo Ordine Mondiale." (Complotti. I fili invisibili del mondo. I, op. cit., pagg. 103-104).

"Il Rhodes Group" – ci fa sapere ancora Epiphanius, alla nota 145, pag. 497, del suo 'Massoneria e sette segrete' (cit.) – "nacque nel 1891 per iniziativa di Lord Cecil Rhodes, ricchissimo personaggio legato ai Rothschild, assieme a Lord Milner, Lord Isher, Lord Balfour e un Rothschild, intorno all’idea-guida di organizzare una federazione mondiale di cui U.S.A. e Impero britannico sarebbero stati il centro propulsore. Il mezzo per attuarla consisteva in una selezione elitaria dei quadri protagonisti degli ambienti universitari, politici, finanziari. Attorno a questo nucleo iniziale permeato delle idee mondialiste e socialiste della Fabian Society, sorsero i gruppi della Round Table che a loro volta, nel 1919, diedero vita ai due odierni pilastri del potere mondialista, cioè gli Istituti Affari Internazionali britannico (R.I.I.A.) e americano (C.F.R.). Il Rhodes Group, al pari della Skull and Bones, controlla il C.F.R., (che a sua volta controlla la Trilaterale), il governo-ombra americano il cui comitato direttivo annovera personaggi in grado di gestire bilanci superiori a quello annuale lordo americano."

Tornando al progetto del Nuovo Ordine Mondiale, già il 17 febbraio del 1950 il banchiere James Warburg, alla Commissione Esteri del Senato, era stato fin troppo chiaro quando aveva affermato: "Che vi piaccia o no, avremo un governo mondiale, o col consenso o con la forza." Anche con le stragi. 

Il Palazzo Federale Alfred P. Murrah ad Oklahoma, USA, fu fatto saltare in aria da una tremenda esplosione il 19 aprile del 1995. Le vittime furono 168. Furono sospettate dell’attentato e arrestate tre persone: Timothy McVeigh, Terry Nichols e James Nichols. L’FBI iniziò "col dichiarare che il meccanismo esplosivo era una auto-bomba imbottita di 1.000 libbre di esplosivo. Poi era un’auto con 1.400 libbre. In seguito un camion con 4.000 libbre. Adesso è un furgone per traslochi con 5.000 libbre di esplosivo." (Nexus New Time, N. 1, Padova 1995, pag. 14).

Ted Gunderson, ex dirigente FBI, al contrario di quanto volle far credere il Dipartimento di Giustizia USA, e cioè che si trattò di "una singola semplice bomba fertilizzante", affermò che: "la bomba era un congegno elettroidrodinamico a combustibile gassoso (bomba barometrica), che non è possibile sia stata costruita da McVeigh... la bomba era un sofisticato congegno A-neutronico, usato dall’esercito americano..."  (Ibid.).

Sam Cohen, padre della bomba neutronica, il 28 giugno dello stesso anno, al TG della KFOR-TV, dichiarò: "Non mi interessa quanto fertilizzante e gasolio hanno usato, non sarebbe mai stato sufficiente. Cariche di demolizione, piazzate sulle colonne chiave, hanno fatto lo sporco lavoro." (Nexus New Time, N. 2, Padova 1995, pag. 9).

Antefatto: non è stato molto pubblicizzato che "il 28 marzo 1994, l’Assemblea Legislativa dello Stato dell’Oklaoma passò una risoluzione che colpiva quello che veniva percepito come un programma di governo mondiale. Fu il primo e, forse, il solo Stato ad approvare tale legislazione" (Ibid., pag. 10). Di seguito riporto alcuni estratti relativi alla decisione dell’Assemblea Legislativa dell’Oklahoma:
Risoluzione N. 1047:Una risoluzione in relazione alle forze militari degli Stati Uniti e alle Nazioni Unite; si presenta una petizione al Congresso affinché cessi determinate attività concernenti le Nazioni Unite...
Considerato che non c’è appoggio popolare per l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale o di una sovranità mondiale di qualsiasi tipo, sia sotto le Nazioni Unite o sotto qualsivoglia organismo mondiale in qualsiasi forma di governo globale;
Considerato che un governo globale significherebbe la distruzione della nostra Costituzione e la corruzione dello spirito della Dichiarazione di Indipendenza della nostra libertà e del nostro sistema di vita.
...sia deliberato dalla Camera dei Rappresentanti della seconda Sessione della 44ma legislatura dell’Oklaoma:
Che al Congresso degli Stati Uniti sia con la presente rammentato di:
(...). Cessare ogni supporto per l’instaurazione di qualsiasi forma di governo globale.
Che al Congresso degli Stati Uniti è, con la presente, rammentato di astenersi dal prendere qualsiasi ulteriore iniziativa verso la fusione economica o politica degli Stati Uniti in un organismo mondiale o qualsiasi altra forma di governo mondiale.
(Fonte: Newsgroup alt. conspiracy, via Pegasus computer networks, Australia). (Ibid.).

Cosa dire di questi fatti? Quale oligarchia misteriosa dirige, in segreto, i vari governi delle nazioni? Lascio al lettore il compito di arrivare a delle conclusioni. Alla luce di certi accadimenti i governi, la politica e gli stessi politici assumono contorni sbiaditi, sfumati. Misteri che travasano nella storia altri misteri. Pochissimi sanno che "Il fascismo non è nato in Italia e in Germania. Ebbe la sua prima manifestazione in Russia, col movimento dei ‘Cento Neri’, completo già all’inizio del ‘900 nelle sue azioni e nei suoi simboli: la violenza politica, l’antisemitismo feroce, i neri stendardi col teschio."  M. Blondet, Complotti. I fili invisibili del mondo. II - Europa, Russia, Il Minotauro, Milano 1996, pag. 83

Chi tira i fili della storia? Ricercare certe dinamiche è cosa ardua specie quando riguarda la sfera politica e ciò che sembra del tutto casuale, in molti casi, è stato attentamente preparato. Franklin Delano Roosvelt, presidente americano e 33° del Rito Scozzese, nonché appartenente alla Pilgrim Society e al C.F.R., il governo-ombra americano, affermò: "In politica nulla accade a caso. Ogni qualvolta sopravviene un avvenimento si può star certi che esso era stato previsto per svolgersi in quel modo."

Una oscura oligarchia sembrerebbe tirare le fila di burattani, solo apparentemente, alla ribalta della scena politica. Aveva ragione Benjiamin Disraeli, statista inglese del secolo scorso, quando disse: "Il mondo è governato da personaggi ben diversi da quelli creduti da coloro i quali non sanno guardare dietro le quinte."  Neppure i partiti contano poi molto. Essi stessi sono a loro volta manovrati, usati, in relazione a degli scopi precisi.

René Guenon ci informa nell'articolo Réflexions à popos du pouvoir occulte pubblicato con lo pseudonimo di Le Sphinx sul numero dell’11 giugno 1914, pag. 277, della rivista cattolica France Antimaconnique, che:
"... un ‘potere occulto’ di ordine politico e finanziario non dovrà essere confuso con un ‘potere occulto’ di ordine puramente iniziatico… Un altro punto da tenere presente è che i Superiori Incogniti, di qualunque ordine siano e qualunque sia il campo in cui vogliono agire, non cercano mai di creare dei ‘movimenti’ (…). Creano solo degli stati d’animo (état d’esprit), ciò che è molto più efficace, ma, forse, un poco meno alla portata di chiunque. E’ incontestabile che la mentalità di individui e collettività può essere modificata da un insieme sistematico di suggestioni appropriate; in fondo, l’educazione stessa non è altro che questo, e non c’è qui nessun ‘occultismo’ (…). Uno stato d’animo determinato richiede, per stabilirsi, condizioni favorevoli, e occorre o approfittare di queste condizioni se esistono, o provocarne la realizzazione."
Al riguardo dei movimenti rivoluzionari sempre il Guénon, nel suo libro L’Esoterismo di Dante (Ediz, Atanòr, Roma 1971), spiega: "...tali movimenti sono talvolta suscitati o guidati, invisibilmente, da potenti organizzazioni iniziatiche, possiamo dire che queste li dominano senza mescolarvisi, in modo da esercitare la loro influenza, egualmente, su ciascuno dei partiti contrari."

Sul fenomeno del terrorismo delle Brigate Rosse e su quello di estrema destra, il giudice Pietro Calogero, uno dei magistrati che più ha studiato il problema, ammetteva l’esistenza di: "una rete di collegamenti che si raccoglie intorno a un centro di interesse unitario, che permette ai due terrorismi di procedere insieme nell’assalto dello Stato."

Fantapolitica e tendenza al complottismo? Tutt’altro. Ecco due esempi italiani. Leggete cosa la rivista americana Eir scriveva:
"Il 2 aprile 1993 il capogruppo Dc alla Camera Gerardo Bianco e il suo collega al Senato Gabriele De Rosa presentano un esposto alla procura di Roma chiedendo di appurare se c’è una cospirazione politica per distruggere l’ordine costituzionale italiano (...). Gli scandali erano un tentativo da parte delle forze anglo-americane, segnatamente la Fra Massoneria, di orchestrare una destabilizzazione della nazione italiana per distruggere il sistema politico esistente e insediare un nuovo ordine, a loro più gradito."  F. Andriola e M. Arcidiacono, L’anno dei complotti, Baldini e Castoldi, Milano 1995, pagg. 25-26.
Ai cronisti, che chiedevano a Mancino cosa vi fosse dietro le stragi italiane, Mancino rispose: "Non escludo un ruolo della finanza internazionale." (Ibid., pagg. 16-17). Strategie occulte della secret fraternity bancaria internazionale. 
David Rockefeller "credendo di parlare a orecchie fidate, nel ‘91... ha ammesso: 1) che una cospirazione esiste ‘da quaranta anni’; 2) che essa ha lo scopo di instaurare nel segreto un governo mondiale e la sovranità nazionale dei banchieri; 3) che il nemico dei cospiratori è ‘l’autodeterminazione nazionale'" M. Blondet, Complotti. I fili invisibili del mondo. I, op. cit., pagg. 97-98

Articolo pubblicato sul blog: Il Blog di Sigerson
Link diretto all'articolo:
Post correlati: Tag Poteri Occulti
Post correlati: Tag Globalismo

La Faccia Nascosta della Storia



La Congiura degli Illuminati

1 commento:

  1. Anche questi sono della partita, anzi ne tirano le fila :
    ".. L’ex vescovo del Guatemala Gerard Bouffard (nella foto) ha affermato che il Vaticano è “il vero controllore spirituale” degli Illuminati e del Nuovo Ordine Mondiale, mentre i Gesuiti, tramite il Papa Nero, il padre generale Peter Hans Kolvenbach , controllano effettivamente la gerarchia vaticana e la Chiesa Cattolica Romana. Il vescovo Bouffard, che ha lasciato la Chiesa ed ora è un “Cristiano Rinato” che vive in Canada, ha raggiunto la sua conclusione dopo aver lavorato sei anni in Vaticano, con l’incarico di trasmettere la corrispondenza giornaliera riservata tra il Papa ed i dirigenti dell’Ordine dei Gesuiti. Monsignor Peter Hans Kolvenbach il Papa Nero controlla tutte le più importanti decisioni prese dal Papa e questi a sua volta controlla gli Illuminati, ha dichiarato il vescovo Bouffard, nel corso della trasmissione radiofonica di Greg Szymanski, The Investigative Journal, .... dove le registrazioni di queste dichiarazioni possono essere ascoltate nella loro interezza.

    “So che questo è vero", sostiene il vescovo Bouffard, "in quanto ho lavorato per anni in Vaticano ed ho viaggiato con Papa Giovanni Paolo II. Il Papa prende ordini di marcia da mons. Kolvenbach, i Gesuiti sono tra i leader del Nuovo Ordine Mondiale, con il compito di infiltrarsi in altre religioni ed tra le leadership di vari governi, allo scopo di realizzare un unico governo mondiale ed un'unica religione mondiale,.."

    http://nwo-truthresearch.blogspot.it/2011/04/ex-vescovo-del-guatemala-accusa-i.html

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE