11 agosto 2010

NEW AGE Infiltration of the TRUTH MOVEMENT - K. Thompson

new age, nwoAnticorpi.info

New Age e NWO di Keith Thompson è un avviso di pericolo ed un convinto atto di accusa indirizzato ad alcuni tra i più noti esponenti del 'truth movement', tra cui Peter Joseph, Michael Tsarion e Jordan Maxwell. 

Molti divulgatori, occultisti, documentaristi secondo l'autore costituirebbero in realtà solo uno strumento persuasivo adoperato dal movimento mondialista. E' credibile che i fautori della mondializzazione si stiano servendo del cinema, della letteratura, di internet e del truth movement per indurre la popolazione a familiarizzare con il paradigma culturale e teologico che ispira la loro agenda, riportando in auge concetti quali il panteismo, l'astrologia, la simbologia occulta, e via dicendo?

YouTube rimuove regolarmente il documentario, quindi ci risulta impossibile proporlo in questa sede. Restiamo in attesa che sia messo a disposizione magari su un altro sito di video hosting.

10 commenti:

  1. Se posso dire la mia, video come questi sono l'estremo colpo di coda di visioni fondamentaliste del cristianesimo tipiche della cultura wasp.
    Insomma, chi scrive queste cose ha un punto di vista manicheo e legge gli avvenimenti con gli occhi velati della propria ideologia, cosa che mal si addice ad un vero "truthseeker".

    Ci sarebbe moltissimo da dire in proposito, e non lo dico da newagers quale NON sono, però questo modo di interpretare la realtà è a dir poco ridicolo, tanto quanto sarebbe dare agli shamani del nord america dei satanisti perchè non cattolici in senso europeo.

    Ora, mi limito ad una domanda: ma se vogliono farci divenire tutti "newagers" perchè la tv continua con la sua opera per farci diventare ogni giorno più materialisti?
    Si può veramente credere che questi mandino tv, giornali e programmi ministeriali da una parte per poi far breccia con affermazioni ridicolizzate dai grandi mezzi tramite Jordan Maxwell, Michael Tsarion o David Wilcock?
    Ma andiamo...

    Ribalto l'accusa che questo articolo fa ai "complottisti alternativi" verso i "complottisti wasp" (fondamentalisti cristiani o atei scientisti che siano): la vostra è solo la vecchia caccia alle streghe che ha cambiato faccia, tenere lontano le persone con il contatto diretto con la divinità è sempre stato il punto numero uno della "loro" agenda. Cui podest?

    Sintesi

    RispondiElimina
  2. la tua reazione è comprensibile, andrea. la tua animosità lo è molto di meno. chi scrive l'articolo adopera il condizionale, tu invece non sei molto avvezzo all'uso di questa forma verbale.
    dunque chi sarebbe il manicheo?

    RispondiElimina
  3. Non mi sembrava di essere stato "animoso", ma prendo atto della critica e chiedo scusa.
    Resta il fatto che la vera disinformazione io la vedo in visioni tipo questa, e non in quelle che qui si denuncia.
    Se poi questa disinformazione è solo frutto delle convinzioni religiose pregresse dell' autore o di malafede io non lo so. Tendo a propendere per la prima ipotesi, senza escludere il fatto che a qualcuno questa visione fa molto comodo.

    Sarà che le mie esperienze personali mi hanno portato a vederla così, con pochi condizionali... come magari altri non mettono il condizionale quando dicono che il fuoco è caldo... fatto sta che su certi siti di complottismo cattolico ho letto cose come "lo yoga è satanismo" e quando sento dire cose così, a me viene un po' di paura...

    Non vorrei ritrovarmi legato ad un palo di fronte a folle urlanti con fiaccole in mano...

    RispondiElimina
  4. vedi che sei sarcastico? non sarai tu quello influenzato da convinzioni pregresse?

    ancora non capisco perchè parli di disinformazione. la vera disinformazione si cela nella testata, non nella singola notizia.

    io credo si tratti, invece, di una voce fuori dal coro che merita la stessa attenzione rispetto alle argomentazioni dei truthseeker che attualmente "vanno per la maggiore".

    in passato abbiamo pubblicato molti post e documentari aventi per protagonisti i personaggi chiamati in causa nel documentario.

    il nostro blog non supporta alcuna fede o ideologia. siamo convinti che non esistano verità assolute. proprio per questo cerchiamo di condividere con chi ci legge i punti di vista che ci sembrano più interessanti e utili, anche come esercizio per mantenersi elastici intellettualmente, e non pubblicheremo mai roba del tipo "lo yoga è satanismo."

    ciao

    RispondiElimina
  5. Io non so perchè te la prendi.

    Non ho attaccato il blog... ho solo espresso la mia opinione sulla mentalità che si cela dietro ad interpretazioni come queste delle teorie "meno compatibili" con la visione ateo-materialistica-scientista corrente o cattolica-fondamentalista delle dinamiche del potere occulto e dell' evoluzione della storia dei prossimi anni.
    Puoi rileggere ciò che ho scritto e puoi vedere che non ho mai detto "questo blog supporta...".

    Non farne un fatto personale, perchè non ho mai inteso farlo.

    Tra l'altro ti farà piacere sapere che la serie di documentari proposta l'ho vista integralmente tempo fa, in inglese quando non era stata ancora tradotta. Proprio per "elasticità mentale".
    Resta il fatto che non ne condivido le accuse (ad esempio il fatto che Zeitgeist sia uno strumento del NWO... Zeitgeist è sicuramente MOLTO incompleto, ma quel poco che dice, ad esempio sul mito solare è pressapoco corretto, senza nulla togliere alla grandezza del personaggio storico e divino, Gesù... prendere però atto della metafora solare che gli è stata cucita sopra non significa essere "agenti del NWO") e, pensando di far cosa gradita, ho espresso la mia opinione.
    Allo stesso modo non condivido le teorie sociologiche di Tsarion, che vedo in opposta antitesi alle mie, oppure vedo enormi è problemi di incomprensione nelle teorie di Icke, il quale comunque stimo, come anche stimo Phelps per le ricerche che fa pur non condividendo il suo pensiero religioso... però porto rispetto per i tasselli di puzzle che questi apportano... interpretazioni come queste invece sbarrano la strada ad eventuali altri tasselli dando di "agenti del nemico" a chi dissente...
    A me questa mentalità non piace, e sono sicuro che ai "controllori" fa molto comodo invece.

    Io non metto in dubbio che la vostra mente sia aperta quanto la mia o di più, ho apprezzato molti articoli postati in questo spazio, e li ho commentati positivamente, ma se commenti di disappunto per quelli che non condivido non sono apprezzati, basta dirlo.

    Del resto ho sempre saputo di aver il "superpotere" di far imbestialire i cattolici ogni volta che apro bocca... e non vedo il male in un pizzico di autoironia ogni tanto, lo ammetto.

    Sintesi

    RispondiElimina
  6. Abbi pazienza, andrea, ma non capisco in che punto ti avrei dato l’impressione di essermela presa. Ho solo tenuto a puntualizzare che ciò che per alcuni equivale a disinformazione, per altri può essere un punto di vista interessante, che vale la pena di conoscere.

    Ad usare un tono stizzito, per non dire “animoso”, mi sembra che sia stato tu. Io ho voluto puntualizzare che qui non supportiamo alcuna tesi aprioristicamente, ma cerchiamo per quanto ci è possibile di fornire punti di vista alternativi, non perché ritenuti verità assolute, ma perché ci auguriamo che la somma di ognuna di tali informazioni “parziali” possa contribuire alla formazione di una opinione “consapevole” da parte di chi ci legge.

    Riguardo zeitgeist, mi limito ad invitarti a considerare il fenomeno da un punto di vista più ampio. È innegabile infatti che da qualche anno la chiesa (che non sostengo, non difendo, non giustifico) sia bersagliata da un attacco mediatico senza precedenti (scandalo ici, scandalo pedofilia, sex crimes and vatican, codice da vinci, zeitgeist, religious e molte altre produzioni minori) nel quale si denunciano storture ed aberrazioni sempre esistite in seno alla chiesa ma che – guarda caso – sono emerse tutte insieme nel giro di un triennio.

    Zeitgeist in se è un film notevole, ed ha contribuito al “risveglio” di molti. Il parallelismo tra la astrologia e le diverse religioni, “costruite” sulle medesime basi “pagane” è molto interessante ma non esaustivo, secondo me. Joseph lo adopera per confutare l’esistenza stessa di gesù, mentre in realtà dimostra soltanto che gli insegnamenti e le figure di molti grandi maestri del passato (tra cui gesù) furono avocate dal sistema e sfruttate per fini di controllo religioso, applicandovi sopra una sorta di antico "franchising" basato sul culto del sole.

    Tornando al film zeitgeist, dovremmo prendere atto che si è diffuso (e quindi è andato ad iscriversi) proprio nell’ambito della vasta operazione mediatica di cui sopra. Ma neanche questo dato sarebbe stato troppo rilevante, se la linea anticattolica di zeitgeist non fosse giunta in concerto con quella dei mass media tradizionali, gli stessi media che – credo che su questo siamo d’accordo – sono “influenzati” dai poteri forti.

    Inoltre la terza parte di addendum credo “guasti” un po’ la fiducia nella buona fede di Joseph. Come mai zeitgeist non fa alcun riferimento al nuovo ordine mondiale? Non stigmatizza l’idea dell’avvento di un nuovo ordine mondiale, ma si limita a criticare lo “status quo”?

    Secondo il mio personale punto di vista il venus project – propagandato nell’ultima parte di addendum – potrebbe tranquillamente essere il Nuovo Ordine Mondiale mascherato da eldorado (se ti va leggi il post Critica al movimento zeitgeist …).

    Credo che se fai il truthseeker e il divulgatore, il fatto che a un certo punto ti dia a propagandare un progetto politico, e addirittura ti aggreghi ad esso, ebbene, non credo che deponga molto a favore della tua imparzialità e credibilità.

    Tutte queste considerazioni saranno state elaborate anche dall’autore del documentario, quando ha deciso di accusare Joseph di essere uno strumento (più che agente, termine che implica consapevolezza) del NWO.

    Qualsiasi commento espresso con rispetto ed educazione è bene accetto, SOPRATTUTTO quelli dissenzienti. Sono la moneta con cui il blog ci ripaga, perché spesso ci aiutano ad imparare o vedere qualcosa di cui eravamo all’oscuro. Inoltre il blog è moderato, sicchè se i commenti come il tuo fossero sgraditi, non sarebbero pubblicati.

    Riguardo il discorso sull’anticattolicesimo, con tutto il rispetto credo che questo tuo astio (per non dire “animosità”) sia un po’ fuori tempo e di maniera, sinceramente. La chiesa è già al tappeto. Che conti meno di zero è cosa ormai evidente. ora cerchiamo di usare i superoteri per fare imbestialire i mondialisti ;)

    RispondiElimina
  7. Che la chiesa proprio in questo momento sia bersagliata in maniera strumentale è evidente. Ciò però, e forse sbaglio io in questo, non mi fa sorgere l'idea che "il nemico del mio nemico è mio amico" (nè in un senso, nè nell'altro... ossia non solidarizzo nemmeno con le truppe "maltesi" del cosiddetto Anticristo solo perchè non ho in simpatia la storia vaticana)... non fosse altro perchè io non ho nemici miei.

    Sono tra l'altro consapevole dei limiti di Zeigeist al punto che invece di aprire la porta ad una più ampia conoscenza della storia della spiritualità umana, esso possa portare all' ateismo. Per questo ho posto anche io l'accento sui suoi limiti... mi piace vederne però anche le virtù.
    Diciamo che è molto più utile per un pubblico preparato che per un pubblico alle prime armi...

    Ora però vengo al tema del Venus Project, non tanto in sè, quanto come idea.
    Si parla di una società dove le macchine svolgono tutti i lavori usuranti, una economia basata sulle risorse anzichè sul denaro, e di una sorta di comunione dei beni.
    Ora, sarà che forse di lavoro faccio il taglialegna, e quindi la prospettiva di far lavorare le macchine al posto mio (cosa che dal punto di vista tecnologico ed energetico, se si aprissero chessò i brevetti di Tesla sarebbe del tutto realizzabile), alletta quantomeno la mia schiena.
    Se quello fosse il NWO, dove si firma?

    Purtroppo quello non è il NWO che ha in testa l'elites... o almeno quella parte dell' elites meglio conosciuta come "Nobiltà Nera" o "Illuminati".
    Però quella particolare elites ha piacere che si associ ad ogni istanza di cambiamento al loro progetto, così da cacciarci nell' immobilismo.
    Anzi, così facendo, diventiamo noi stessi i principali nemici di quei cambiamenti che loro NON vogliono.
    Inoltre hanno particolare piacere a far credere di essere gli unici attori in gioco negli eventi che si susseguono a ritmo crescente in questi anni di tribolazioni.

    Gioverebbe ricordare che in un passato molto remoto sono già esistite civiltà globali, e non è detto che l'idea in sè sia malvagia, lo è solo l'uso che se ne fa.

    Un'arma può essere usata per liberare un popolo o per sopraffarlo... un governo mondiale può essere strumento di unione o di repressione...

    Stupirebbe molti sapere quanti tra i veri "saggi" che hanno abitato questo misero pianeta hanno come scopo l'unione dei popoli anzichè la frammentazione... se poi qualcuno preferisce il "divide et impera" quale strumento migliore ha a disposizione se non il pervertire l'idea di unità così che tu stesso la rifiuti e la combatti per loro?

    Ora, con questo non voglio dire che io non so che il NWO come loro lo intendono, non prenderà forma (o almeno non ci proverà), lo farà eccome... ma l'alternativa non deve essere la guerra perpetua tra stati nazione come è stato fino ad oggi...

    Vabbè, il discorso è complicato e rischio di essere visto come "agente" vero e proprio... non fraintendetemi, al momento opportuno non mancherà il supporto della mia spada nella lotta a chi vuole microchippare e marchiare.

    Teniamo sempre a mente però l'avvertimento di Nietzche, quando disse che "chi combatte i mostri deve fare attenzione a non divenire un mostro lui stesso" perchè "se guardi l'abisso alla fine l'abisso guarda in te".

    Ricordiamoci chi siamo veramente e che la salvaguardia della propria anima e dignità personale viene prima di tutto, perchè come disse il Maestro Gesù: "Che giova all'uomo conquistare il mondo intero, se poi perde la sua anima?"

    Scusate la prolissità.
    Namasté.

    Sintesi.

    RispondiElimina
  8. A me il venus project ha fatto pensare all’aforisma di Tomasi di Lampedusa: “cambiare tutto affinchè nulla cambi.”

    qualcosa mi dice che a monte di una simile organizzazione sociale finirebbe per manifestarsi, prima o poi, una elite di persone potenti o influenti o ricche che tenderebbe a strumentalizzare il sistema, né più e né meno di come è stato fatto nei confronti dell’utopia politica della democrazia.

    Già il fatto che qualcuno si arroghi il diritto di "progettare" nuovi sistemi politico – sociali - economici ai quali la popolazione dovrebbe limitarsi ad aderire dal basso, secondo me è una riproposizione in chiave attuale degli stessi antichi schemi che ci hanno condotto fino a questo punto.

    Giustamente asserisci che qualsiasi strumento, compresi i sistemi sociali, assuma valenza positiva o negativa a seconda dell’uso che ne viene fatto. Ora, secondo te, sulla base delle informazioni che ad oggi possediamo, quante probabilità esistono che un sistema sociale ipertecnologico come quello teorizzato da fresco finisca sotto il controllo indiretto di una elite?

    Per quanto mi riguarda sono convinto che la chiave di un mondo migliore risieda in una politica di decentramento a tutti i livelli e nello smantellamento del luogo comune secondo cui diversità sia sinonimo di conflitto, e quindi di guerre e divisioni.

    La diversità nel rispetto reciproco è secondo me irrinunciabile. E' sinonimo di libertà, e poi ci fa confrontare, crescere, ci educa alla umiltà ed al rispetto e alimenta il progresso e la evoluzione. La diversità esiste a prescindere dalla valenza che le si attribuisce. Esiste in natura ed in ognuno di noi, dato che la mia percezione della realtà non potrà mai essere identica alla tua.

    Il problema è che qualcuno si è storicamente adoperato per alimentare nelle persone l’idea che la diversità debba coincidere con la intolleranza e quindi con una lotta per la prevalenza di una visione rispetto alle altre.

    A mio modo di vedere, l’ideale da perseguire è una benevola unione nella diversità e nella frammentazione, non una omologazione sociale, culturale e “spirituale”, che non alimenti più alcun confronto, magari sotto il controllo di un computer e di un unico potere irraggiungibile.

    La frase di nietzche – che condivido totalmente - stavo per citarla anch’io proprio un paio di commenti fa. Se ci fai caso, concedendo il beneficio del dubbio al documentario oggetto di questo post, potrebbe applicarsi ai truthseeker di cui sopra. Quella di Gesù credo sia un distillato di saggezza ed illuminazione.

    a presto, amico

    RispondiElimina
  9. Replico ad Andrea:
    "Ora, mi limito ad una domanda: ma se vogliono farci divenire tutti "newagers" perchè la tv continua con la sua opera per farci diventare ogni giorno più materialisti?"

    Per impadronirsi e manipolare entrambi gli schieramenti.
    Ne' piu' ne meno come funziona in Italia con PDL e PD.Avevamo Berlusconi-capitalista e Prodi-Goldman-Sachs-Bilderberger (meno capitalista?)
    ;-))
    Le terze e quarte vie a loro non piacciono mai,guardacaso.

    RispondiElimina
  10. il vecchio magheggio della finta alternativa ...

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE