26 febbraio 2011

Bill Hicks: Amore, Rabbia e Comicità

bill hicksViator
Anticorpi.info

Bill Hicks vedeva se stesso come una fiamma ardente. Shiva il distruttore che usa l'arma della comicità per scuotere la gente, aprirle gli occhi e scaraventarla senza complimenti di fronte alle illusioni, ipocrisie ed incongruenze del sistema.

Inizialmente emulo di Woody Allen, Hicks raggiunse la piena espressività sviluppando uno stile unico nel suo genere - al contempo idealistico e disincantato, fatto di battute sboccate e politicamente scorrette alternate a concetti pieni di speranza e profondità.

Il ritmo forsennato con cui si ostinò a condurre la propria attività professionale fu ascrivibile principalmente a due ragioni.

In primis alla sua innata vocazione retorica che fece di lui un animale da palcoscenico fin dalla più tenera età, inizialmente in collaborazione con una spalla e poi come stand up comedian. Si esibì per la prima volta a 13 anni e andò avanti fino ad una manciata di settimane dalla scomparsa (avvenuta maledettamente presto, ad appena 32 anni, per un tumore al pancreas) quando salutò i suoi fan nella ultima esibizione al Caroline's di New York.

In secondo luogo a una incontenibile urgenza - si direbbe precognitiva - di raggiungere il maggior numero di 'coscienze' nel minor tempo possibile, in quanto profondamente convinto di avere qualcosa di importante da dire.

Non sono pochi quelli che - anche in Italia - hanno disinvoltamente razziato il suo repertorio, 'dimenticando' di attribuirgli i dovuti riconoscimenti. Ma alla fine i plagi sono venuti a galla, e la memoria dell'artista americano è stata rivalutata in tutto il mondo con ammirazione e rimpianto.

Attualmente Hicks starà prendendo allegramente per il culo qualche anima boriosa  nei reami dell'aldilà, magari sulle note di Wild Thing di Jimi Hendrix, o più probabilmente si starà esibendo altrove, tutto intento a sollecitare il risveglio di un pigro auditorio in qualche piccolo club fumoso alla periferia del Creato.

Per ricordarlo, proponiamo due brevi estratti dai suoi show.

Ringraziamo i canali YouTube: MANAFRU e MOT1





It's just a ride, Bill Hicks

Post correlati: Bill Hicks - Marketing
Post correlati: Le Cose Come Stanno - Carlin - Hicks
Post correlati: Il Sogno Americano - G. Carlin
Post correlati: Salvare il Pianeta? - G. Carlin
Post correlati: Tag Satira

Il Lato Comico della Tua Mente




Rido Ergo Sum


Una passeggiata nella storia del pensiero attraverso le battute e gli aneddoti dei grandi filosofi

3 commenti:

  1. Evidentemente è stata una perdita dal punto di vista culturale, oltre che umano ed artistico. Non conosco Hicks, ma non vedo altra occasione, a questo punto, di prendere l'anniversario della sua morte per cominciare ad esplorare la sua opera.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Solo una parola: grande

    RispondiElimina
  3. Imperdibili lo sketch sulla morte di JFK e quello in cui impersona Satana intento ad incu**** vari esponenti della politica americana. Grande Billy!

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE