16 marzo 2011

Io Sono Anumano

umano e anumano
di R. Del Frate

La nuova parola con cui mi definirò da oggi in avanti è anumano, cioè An (imale) umano, perchè la definizione di umano, mi spiace tanto, oramai mi sta troppo stretta con tutti i sadici, superficiali, guerrafondai, imbecilli, feroci assassini che la usano abitualmente, e sentono come propria.

Perché sono prima di tutto un animale, ospitato da una ineguagliabile natura, soggetto come tutti gli altri esseri alle sue leggi, ed al suo rispetto e poi di razza umana…e non solo un umano, staccato dal tutto e despota alieno e stupratore di qualunque cosa decida di occuparsi.

GLI UMANI
Proviamo per un attimo a vederci come i Navji di Pandora vedevano gli umani ed il gioco è fatto: alieni, ostili, feroci, irrispettosi della sacralità della vita e della natura di un pianeta non loro, pronti a violentare e possedere ogni cosa a loro capriccio ed interesse. Così convinti di doverlo fare, da nemmeno domandarsi se lo possono fare. Qui sta il punto: nessuno degli umani che governano la terra si chiede se può fare quello che fa: se glielo lasciano fare, lo fa e basta (vero, signori nuclearisti? - n.d.A.). Il tuo vicino di casa fa lo stesso. La logica è la stessa. Questo riguarda la maggior parte di questa razza (gli umani), che sono costretti a creare leggi per arginare la loro stessa ferocia, gli uni dagli altri.

GLI ANUMANI 
Di fattezze quasi identiche, stesse corporatura e fisionomia, ma totalmente diversa per la base di pensiero, esiste anche un’ altra razza: la razza anumana: che anche senza leggi certe cose non le farebbe mai; che non si scannerebbe mai per denaro o per delle percentuali in borsa, che non inquinerebbe mai sistematicamente l’acqua dei fiumi e del mare per ridurre i costi ed aumentare i profitti, che non violenterebbe mai le proprie moglie e sorelle, che non farebbe mai a pezzi dei suoi cuccioli per venderne gli organi a chi li può comprare.

E’ una razza i cui individui sentono instintivamente di appartenere ad un gruppo, ad un tutt’uno universale, che vedono gli altri come simili e fratelli, così come gli animali e le piante… Individui che ringraziano la Terra, prodiga di frutta e messi, che ringraziano per l’acqua dei ruscelli e per lo spettacolo delle nuvole del cielo. Che credono in uno sviluppo eco-sostenibile e che sono pronti a rimboccarsi le maniche per nuove città a bassissimo impatto naturale, e per una divisione equa del patrimonio del pianeta, attenta al suo non esaurirsi e nella continua ricerca di una qualità di vita migliore per tutti, nel rispetto del pianeta, di quel pianeta che sentono come loro e come madre primordiale.

Purtroppo questa seconda razza è assai meno numerosa, è molto più restia ad aggregarsi se non in piccoli gruppi intersociali, e per sua natura evita come la morte ogni posto di comando ed autorità, ritenendola ingiusta fin dal suo inizio, credendo solo nella cooperazione e non nell’accumulo di risorse e consenso sociale.

Per questo e per mille altri motivi è fiaccata, calpestata dall’altra razza (umana), che la sfrutta con le armi o la manipolazione del pensiero, con tremende armi di distrazione di massa, e la riduce sempre o sulla soglia della schiavitù o dell’estinzione, in zone politicamente o geograficamente improduttive, facendosene beffa con le sue leggi di consumo e di oligarchia.

All’origine delle due razze così esteriormente simili ma diverse interiormente potrebbe essere la sempre più diffusa teoria, che mi vede come sicuro affermante, dell’origine comune della razza sapiens, di cui inutilmente si sono cercati i resti fossili.

L’ipotesi, dapprima derisa, ma ormai sempre più possibile come unica e verosimile, è quella di una manipolazione genetica da parte di una razza predatrice proveniente dallo esterno, su un individuo primate \ umanoide, a cui questa razza esterna avrebbe in parte conferito il proprio dna.

Tutto quello che nella storia da bambini evitano di insegnarci è scritto in migliaia di tavolette cuneiformi sumere, con ogni genere di particolari inconfutabili (troppi da descrivere qui…), su questa razza esterna (Gli Anunnaki) ed il nuovo essere misto.

A parte le implicazioni religiose, che metterebbero a zero l’importanza del clero e delle sacre scritture di ogni religione in quanto derivanti o addirittura ricalcanti questo storico avvenimento avvenuto circa 10.000 anni or sono, un’altra caratteristica ha sempre offeso i sapiens: difatti la nascita, anzi la costruzione dell’homo sapiens sarebbe nata non tanto come propaggine filiale di un dio, quanto come manovalanza da “soma” dei nuovi arrivati, che usavano i loro “figli” per scavare gallerie nell'estrazione di materiali e per lavori pesanti, non degni alla loro razza “eletta”…

Quindi non saremmo che una progenie di schiavi, creati in laboratorio, per business. Altro che figli di dio; figli di figli di puttana.

Ora, col passare del tempo probabilmente i ceppi di dna alieno \ terrestre si sono uniti in un genoma misto, che come venne scritto aveva un diverso 'attaccamento' da individuo ad individuo: ed è lecito pensare quindi che la razza anumana, ancora vicina alla sua terra, agli animali, tendenzialmente pacifica e vegetariana, sia di fatto quella parte della popolazione terrestre attuale che ancora conserva maggiormente il genoma terrestre naturale, mentre l’altra (Umana), feroce e sopraffattrice, carnivora e insensibile per lo stesso pianeta (che non considera intimamente suo ma solo un’altra proprietà tra le tante da sfruttare) e sprezzante verso la sacralità della vita (di “questa” vita che conosciamo), quella in cui il dna alieno predomini tuttora maggiormente …

Da ciò possiamo desumere e spiegare una gran parte dei miti del passato, dalla misteriosa scomparsa “in blocco” dei Neanderthal, a Caino ed Abele, alla lotta eterna tra il bene ed il male, Il diavolo e dio, ed anche le divinità e le filiazioni \ relazioni tra dei ed eroi dell’antichità.

P.S.
Sono decine di anni che seguo queste teorie; non è una moda momentanea, ma una costante domanda che mi sono posto. Fin da ragazzo studiavo su quanto mi veniva sottomano, possibili risposte. Con l’avvento e l’apporto di internet c’è stata una esplosione culturale in proposito, e la verità dubito potrà essere negata per molto; o quantomeno tenuta lontana dalla gente. 

C’è un’enorme bibliografia in proposito e se credete sia solo fantascienza non sapete quanto vi sbagliate: in realtà sono tra le parti più storicamente documentate negli scritti sumeri, assiro \ babilonesi e di cui si hanno propaggini anche nella lingua madre delle lingue indoeuropee: il sanscrito

A chiunque voglia addentrarsi in un nuove ricerche in tal senso lascio il nome di uno studioso di lingue antiche, Zecharia Sitckin, morto da poco, che in oltre 50 anni di studi è arrivato a conclusioni che vengono contrastate con ogni mezzo dall’ortodossia storico \ religiosa, ma che nonostante tutto stanno prendendo sempre più piede nelle stesse università americane di antropologia, storia e lingue antiche.

E’ una cosa molto, molto lunga, ma incredibilmente affascinante da seguire….

E ci serve per capire molte cose….

A me è servito molto…

Ve lo assicuro.

Articolo tratto da una nota di Facebook e pubblicato sul sito Oltre la Corte

Link diretti all'articolo:

Post correlati: Persone Prive dello Spirito?
Post correlati: Natura Divina e Natura Demoniaca
Post correlati: Il Patto col Diavolo
Post correlati: Anatomia della Distruttività Umana
Post correlati: Il Signore delle Mosche - W. Golding
Post correlati: Furbo e Più Furbo (Cultura della Furbizia)
Post correlati: Il Diritto al Delirio - E. Galeano
Post correlati: Lloyd Pie: DNA ed Origine della Specie
Post correlati: Z. Sitchin: Nibiru e gli Anunnaki

Il Manuale dell'Errante Vol. 1


Il Libro Perduto del Dio Enki


2 commenti:

  1. Come non essere d'accordo con questo articolo!
    L'evidenza è sotto i nostri occhi ogni giorno.
    A volte penso che sia meglio essere un animale che un umano .
    Oramai è un dato di fatto 8 persone su 10 guarda soltanto ai soldi!!! Senza pensare che un aborigeno riesce a sopravvivere anche se c'è una crisi economica;
    Questo dovrebbe far riflettere (per carità non dico che bisogna tornare all'età della pietra!) soprattutto gli uomini di scienza, che dalla mia esperienza personale sono quelli più incapaci di capire una cosa del genere.

    BISOGNA PERNSARLA IN MANIERA DIVERSA IL PROFITTO DEI POCHI NON PORTA A NULLA DI BUONO!

    ------Astarotte----

    RispondiElimina
  2. dal ceppo madre degli Homo Sapiens Sapiens si sviluppò un ceppo degenerato, crudele e anomalo che ragiona secondo logiche di profitto per il profitto fine a se stesso... l'Homo Oeconomicus... gran parte delle situazioni critiche e di olocausto ambientale sono state generate da questa specie... ora, dopo secoli una nuova specie stà emergendo all'alba del terzo millennio per porre rimedio... sono gli Homo Eco-Sapiens 3.0 esseri di grande consapevolezza e responsabilità che umilmente hanno preso in cura e custodia i sistemi integrati biologici e chimici della Terra consapevoli di essere al pari degli altri esseri viventi... gli Oeconomicus hanno ora paura di scomparire e per questo sono più pericolosi e tirano fuori le loro ultime armi di distrazione e di distruzione... ma hanno gli anni contati...

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE