10 ottobre 2011

Gli Ingredienti sulle Etichette Alimentari

etichette alimentaridi M. Adams
Traduzione di NewsTarget.com

Il mito: L’elenco degli ingredienti nei prodotti alimentari è studiato per informare i consumatori circa il contenuto del prodotto.
La realtà: l’elenco degli ingredienti è usato dai produttori per indurre i consumatori a credere che gli alimenti acquistati siano più sani di ciò che sono. 

Questo articolo esamina alcuni trucchi comunemente usati da molte industrie alimentari, e contiene una serie di utili informazioni per aiutare i consumatori a leggere le etichette con il giusto scetticismo.

Se la Scheda Nutrizionale Informativa presente nella confezione del prodotto alimentare elenca ogni sostanza contenuta nel prodotto, come potrebbe ingannare i consumatori?

Tra i trucchi più comuni vi è quello di distribuire gli zuccheri presenti tra molti ingredienti così che le quantità di zuccheri non compaia nei primi tre dell’elenco. Per esempio un’azienda può usare una combinazione di saccarosio, fruttosio, sciroppo di cereali, sciroppo di grano, zucchero di canna non raffinato, destrosio e altri zuccheri per essere sicura che nessuno di essi sia presente in quantità sufficiente da arrivare nelle prime posizioni dell’elenco degli ingredienti (ricorda che gli ingredienti sono elencati in ordine di proporzione nel prodotto, con i più presenti elencati per primi).

Ciò inganna i consumatori sul fatto che il prodotto non sia composto principalmente da zucchero. E’ un modo per spostare lo zucchero più giù nella lista degli ingredienti, non informando sul contenuto reale di zucchero presente nello intero prodotto. 

Un altro trucco consiste nel gonfiare l’elenco con minuscole quantità di ingredienti ridondanti. Si può vederlo nei prodotti per la cura personale e nello shiampo, dove le aziende dichiarano di fornire shampoo alle erbe che in realtà hanno un contenuto di erbe quasi inesistente.

Le aziende possono gonfiare l'elenco ingredienti con “salutari” bacche, erbe o super-cibi che, molto spesso, sono presenti solo in minuscole quantità.

La presenza - ad esempio - della “spirulina” in coda all'elenco è praticamente insignificante. Non c’è abbastanza spirulina in quel prodotto che possa produrre reali effetti sulla tua salute.

Questo trucco è chiamato “etichetta imbottita” ed è comunemente usato dai produttori di “junk-food” che vogliono saltare sul carro dei prodotti biologici senza in realtà produrre cibi sani.

Un terzo trucco è nascondere ingredienti dannosi dietro nomi dal suono innocente, che inducano a credere che siano sani. Il nome dell’estremamente cancerogeno nitrito di sodio (conservante E250), per esempio, suona perfettamente innocente, ma è ben documentato che sia causa di tumori al cervello, cancro al pancreas, cancro al colon e molti altri tipi di cancro.

Il carminio suona come un innocente colorante per alimenti; in realtà è fatto con le carcasse frantumate di scarafaggi rossi della cocciniglia. Naturalmente, nessuno mangerebbe yogurt alle fragole se sulla etichetta ci fosse indicato “colorante rosso per alimenti a base di insetti."

Allo stesso modo, estratto di lievito suona come un ingrediente salutare, ma in realtà è un trucco usato per nascondere il glutammato monosodico (MSG, un esaltatore chimico di sapore, per dare gusto ai cibi eccessivamente elaborati) senza avere l’obbligo di indicarlo nella etichetta.
Molti ingredienti contengono glutammato monosodico nascosto, e personalmente ho scritto parecchio al riguardo. Praticamente tutti gli ingredienti idrolizzati contengono alcune quantità di glutammato monosodico nascosto.

Non lasciarsi ingannare dal nome del prodotto 
Sai che il nome del prodotto alimentare non ha nulla a che fare con ciò che c’è dentro? 
Aziende alimentari producono alimenti come il “Guacamole Dip” (salsa di avocado) che non contiene avocado! Sono preparati, invece, con olio di soia idrogenata e colorante chimico verde. Ingenui consumatori comprano tali prodotti pensando di prendere salsa di avocado, quando in realtà stanno comprando colorante verde; squisito e dietetico veleno.

I nomi dei cibi possono includere parole che descrivono elementi non presenti nel prodotto. Un cracker al formaggio non deve necessariamente contenere formaggio. Qualcosa di “cremoso” non deve contenere crema. Un prodotto alla frutta, non ha bisogno di contenere nemmeno una singola molecola di frutta. Non lasciarti ingannare dai nomi dei prodotti stampati sulla confezione. Questi nomi sono ideati per vendere i prodotti, non per descrivere gli ingredienti contenuti in essi.

La lista degli ingredienti non include gli inquinanti 
Non esiste l'obbligo di includere nello elenco degli ingredienti i nomi di inquinanti chimici, metalli pesanti, bisphenol-A, PCBs (bifenile policlorurato), perclorato o altre sostanze tossiche già reperite negli alimenti. Come risultato abbiamo che le liste degli ingredienti non elencano realmente tutto il contenuto degli alimenti, ma ciò che di cui produttori intendono informarti.

Gli elenchi di ingredienti furono il risultato di un accordo tra governo e industria privata. All’inizio, le aziende alimentari erano restie a indicare gli ingredienti. Chiesero che fossero considerati “proprietà riservata” con la motivazione che svelare i segreti della produzione, avrebbe distrutto i loro affari. 

E’ un’assurdità, naturalmente, poiché le aziende alimentari intendevano solto tenere all’oscuro i consumatori. E’ per questo che ancora oggi non è stato reso obbligatorio segnalare i vari inquinanti chimici, pesticidi, metalli pesanti e altre sostanze che hanno un notevole e diretto impatto sulla salute dei consumatori. (Per anni le aziende alimentari hanno combattuto contro l'obbligo di segnalazione degli acidi grassi, ed è solo dopo una protesta delle associazioni di consumatori che la FDA alla fine le ha obbligate ad includerli negli ingredienti sulle etichette).

Manipolare la quantità delle porzioni 
Le aziende alimentari hanno capito anche come manipolare il concetto di porzione al fine di far apparire i loro prodotti privi di ingredienti nocivi come gli acidi grassi saturi (o resi tali mediante idrogenatura). 

La FDA, ha creato per loro un sotterfugio: è permesso che ogni alimento che contenga meno di 0.5 grammi di acidi grassi per porzione possa essere dichiarato sull'etichetta a contenuto di zero acidi grassi.

La logica della FDA è che 0.5 = 0.
Ma una matematica approssimativa non è il solo trucco giocato per proteggere gli interessi commerciali delle industrie su cui la FDA dovrebbe vigilare.

Sfruttando questo trucchetto dei 0.5 grammi, le aziende riducono arbitrariamente le porzioni dei loro cibi e livelli ridicoli – giusto per tenere gli acidi grassi sotto i 0.5 grammi per porzione. Così loro dichiarano in grande sulla confezione “Zero Acidi Grassi”. In realtà, il prodotto può essere pieno di acidi grassi, ma la porzione è stata ridotta ad un peso appropriato per il nutrimento di uno scoiattolo, non certo di un essere umano.

Il numero delle porzioni 
La prossima volta che prendi un prodotto in drogheria, controlla il numero di porzioni indicato sulla Scheda Nutrizionale. Troverai probabilmente dei numeri talmente elevati da risultare non attendibili. Un produttore di biscotti, per esempio, può dichiarare che un biscotto costituisca un’intera “porzione” di biscotti. Ma conosci qualcuno che, in realtà, mangia solo un biscotto?

Se un biscotto (una porzione) contiene 0.5 grammi di acidi grassi saturi, il produttore è autorizzato a dichiarare che l’intero pacco di biscotti sia “privo di acidi grassi”. In realtà, il pacco può contenere 30 biscotti, ognuno con 0.5 grammi di acidi grassi, che porta a 15 grammi totali per l’intero pacco (30 biscotti x 0.5 grammi per biscotto in realtà fa un totale di 15 grammi).

Tu prendi un pacco di biscotti che contiene 15 grammi di acidi grassi saturi (che è una dose enorme di veleno) mentre l'etichetta dichiara che quello stesso prodotto non contenga acidi grassi saturi.

E' solo un esempio di come le aziende alimentari usino la Scheda Nutrizionale Informativa e l’elenco degli ingredienti per ingannare, piuttosto che per informare i consumatori.

Ecco alcune ulteriori dritte per decifrare con successo gli ingredienti delle etichette:

1 - Ricorda che gli ingredienti sulle etichette sono elencati in ordine quantitativo. Questo significa che i primi 3 ingredienti contano molto di più di tutti gli altri. I primi 3 ingredienti sono quello che stai mangiando.

2 - Se l’elenco degli ingredienti contiene lunghe parole chimiche che non riesci nemmeno a pronunciare, evita il prodotto. Potrebbe contenere elementi chimici tossici. Perché vuoi mangiarli? Introduci ingredienti che conosci.

3 - Non farti ingannare da fantastici nomi di erbe o altri ingredienti che appaiono molto in basso nella lista. Alcuni produttori di alimenti che includono “goji” (bacche di Lycium) verso la fine dell’elenco le usano solo come trovata pubblicitaria da apporre sull’etichetta. La reale quantità di goji nel prodotto è probabilmente esigua.

- L’elenco degli ingredienti non deve obbligatoriamente segnalare inquinanti chimici. I cibi possono essere contaminati con pesticidi, solventi, acrilamidi, Acido di Perfluorooctanoic, perclorati (combustibili per razzi) e altri tossici chimici. Il miglior modo di limitare l’ingestione di elementi tossici chimici è comprare biologico, o cibi freschi poco trattati.

5 - Cerca parole come “germogliato” o “naturale” che di solito contraddistinguono cibi di alta qualità. Chicchi e semi germogliati sono più sani dei non germogliati. Gli ingredienti naturali sono generalmente più sani di quelli trattati o cotti. I chicchi interi sono più sani di quelli arricchiti. 

6 - Non farti ingannare dalla parola “grano” quando si tratta di farina. Tutta la farina derivata dal grano può essere chiamata “farina di grano”, anche se è stata trattata, sbiancata e privata dei suoi nutrienti. Solo la farina di grano a “chicco intero” è realmente sano. (Molti consumatori, sbagliando, credono che tutti i prodotti di “farina di grano” derivino dal chicco intero. E' falso. I produttori alimentari ingannano i consumatori con questo trucchetto.

7 - Non farti ingannare con il luogo comune che i prodotti integrali siano più sani dei prodotti naturali. Lo zucchero scuro è solo una trovata pubblicitaria – è zucchero bianco con colorante marrone e aroma aggiunto. Le uova integrali non sono diverse da quelle bianche (eccetto per il fatto che i loro gusci appaiono scuri). Il pane integrale può non essere più sano del pane bianco, a meno che non sia fatto con chicchi di grano interi. Non farti ingannare dai cibi 'integrali'; sono trovate pubblicitarie dei giganti della produzione alimentare per indurre i consumatori a pagare di più per i soliti prodotti. 

8 - Attenzione all'inganno delle piccole porzioni. I produttori usano questo trucco per ridurre il numero di calorie, grammi di zucchero o di acidi grassi che i consumatori credono siano contenuti nei prodotti. Molte porzioni sono arbitrarie e non hanno un fondamento reale.

9 - Vuoi sapere realmente come acquistare i cibi? Scarica la nostra guida "Honest Food Guide" (link), un onesto rapporto sul cibo che è stato scaricato da oltre 800.000 persone. E’ in sostituzione dell’assai corrotto e manipolato Food Guide Pyramid della USDA (United States Department of Agricolture), che è poco più di un documento di marketing a favore delle fattorie industriali e delle grandi corporazioni dell’alimentare.

La Honest Food Guide è un rapporto nutrizionale indipendente che rivela esattamente cosa mangiare e cosa evitare per migliorare la propria salute.

Articolo pubblicato sul sito Natural News
tradotto da NewsTarget e riproposto da Disinformazione
Link diretti: http://www.naturalnews.com/021929_groceries_food_products.html
http://www.disinformazione.it/etichette_ingannevoli.htm

Nota
A proposito di etichette: ci piacerebbe sapere quali siano gli enti preposti al controllo della veridicità delle liste di ingredienti riportate sulle confezioni, e con quali modalità venga svolto tale controllo. Ho cercato in rete, ma non sono riuscito a trovare articoli che trattassero questo argomento.
C'è qualcuno tra i lettori che possa illuminarci? Grazie.

Post correlati: Società Ammalata: Cibi, Bevande e Farmaci
Post correlati: Industria Casearia e Fabbisogno di Calcio
Post correlati: Il Mondo Secondo Monsanto - M.M. Robin
Post correlati: Fluoro, Bugie e Acqua Potabile
Post correlati: Forni a Microonde e Salute: Effetti da Considerare
Post correlati: 7 Modi Segreti con cui ci Stanno Avvelenando
Post correlati: Società Ammalata: Mercurio e Vaccini
Post correlati: Vaccini: I Rischi per la Salute
Post correlati: Vitamina D, Altro che Vaccini
Post correlati: Integratori Naturali Contro la Depressione
Post correlati: Ansia: Cause e Rimedi Naturali
Post correlati: Chelazione Naturale (e molto altro) con il Coriandolo
Post correlati: I Segreti del PH
Post correlati: 10 Disintossicanti Naturali
Post correlati: Nuove Conferme sull'Aspartame
Post correlati: Tag Salute

Quello che le Etichette non Dicono - Libro


Etichette: Istruzioni per l'Uso - Libro

Sappiamo che cosa stiamo comprando quando facciamo la spesa per il nostro mangiare?


Guida Tascabile agli Additivi Alimentari! - Libro
La verità su oltre 350 aromi, coloranti e conservanti

2 commenti:

  1. Prendila con le pinzette ma credo che la lista degli ingredienti debba essere controllata dai NAS.
    Quando un prodotto deve approdare nel mercato, dovrebbe prima essere presentato con tanto di lista ingredienti ai NAS, i quali, confermata la validità della stessa, danno poi l' approvazione.
    Grazie per l' articolo.

    RispondiElimina
  2. stando così le cose, mi auguro che tutti i controlli abbiano luogo inderogabilmente prima che i prodotti siano distribuiti nei negozi. il che tutto sommato non mi sembra gran che credibile, specie in paesi come l'italia.
    grazie dell'informazione, anonimo.
    ciao

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE