28 ottobre 2011

Interpretazione Esoterica dell'Attuale Momento Storico

Synthesis per Anticorpi.info

Per fare una analisi esoterica bisogna partire da una esposizione di principi esoterici, esposizione parziale ed incompleta come chi scrive. Dirò quindi cose che probabilmente ho già detto in altri miei scritti su questo sito, e me ne scuso.

La Legge cosmica come premessa

Esiste l'Uno, assoluto e infinito.
Esso è ovviamente non duale, e comprende, risolvendolo, ogni possibile dualismo al suo interno. Ma se l'Uno deve manifestarsi, esso può farlo solamente tramite una scissione tra Sé e Non Sé, altrimenti la Coscienza, senza un referente, non può svilupparsi.

Quindi da una concezione non duale passiamo ad una duale.

La prima è la realtà, perché alla fine dei giochi solo l'Uno è reale, il resto è solo Maya, illusione. Ma tale illusione è il luogo in cui viviamo e con cui dobbiamo fare i conti (sciocchi sono coloro che credono di potervi sfuggire semplicemente ignorando questo fatto).
Essa, la fisicità in cui viviamo, può non esser vista solo come una 'prigione per Anime', come fanno i mistici, essa può esser vista anche come una 'scuola per Anime', come fanno gli occultisti.

Abbiamo quindi un mondo illusorio ma per noi concreto fatto di dualismo che scaturisce da una sorgente reale ma per noi astratta che è Unità.

Analizziamo quindi questo dualismo.

Esso non è solo Bene e Male, Bene e Male sono solo due suoi aspetti.
Il dualismo è tutto intorno a noi: è nella corrente elettrica, impossibile da concepire una lampadina che si accenda collegata solo al polo positivo o a quello negativo; il dualismo è nell'alternarsi del ritmo giorno-notte senza il quale la vita vegetale non potrebbe svilupparsi; il dualismo è nei sessi: la tradizione esoterica sostiene che un tempo l'umanità era androgina, ma in quel tempo non disponeva di un corpo fisico ma esclusivamente eterico. Un giorno, sostiene sempre la tradizione esoterica, l'umanità tornerà ad essere androgina ma ancora una volta sarà perché gradualmente avrà trasceso il presente corpo fisico denso, al momento attuale, sull' illusorio piano fisico, è necessaria l'interazione di un maschio e di una femmina affinchè ci possa essere riproduzione.

E poi c'è il punto di vista morale di questo dualismo: Bene e Male.

Senza conoscere il Bene e Male l'Anima umana non può fare scelte tra i due, e quindi non può evolvere: uno stato come l'Eden biblico può essere piacevole, ma sicuramente non è responsabilizzante, e quindi non può produrre ulteriore evoluzione, e qui si aprirebbero interessanti speculazioni che per adesso tralasciamo.

Abbiamo stabilito quindi il dualismo come fatto sui piani di manifestazione, seppur abbiamo definito questi ultimi come illusori di fronte all'Uno, Dio, Assoluto e non duale.

Cerchiamo allora di definire il Bene ed il Male.

Ci sarà chi comprende questi termini come assoluti e chi come relativi. Poi ci saranno coloro che dal primo gruppo daranno dei relativisti ai primi scagliando anatemi, e chi dal secondo gruppo bollerà come fondamentalisti i primi. E' il gioco, duale, delle parti.

Partiamo da un esempio: la violenza.

E' buona, cattiva o relativa?
Marco picchia Sabrina, io assisto alla scena e decido di intervenire. Cerco di far ragionare Marco ma lui come una furia ritorna su Sabrina con violenza inaudita. Ho due scelte: posso bloccarlo con violenza e se necessario stordirlo, o posso lasciarlo fare. Possiamo presumere che se io tiro una padella in testa a Marco per fermarlo, così che quando si riprenderà possa esser ricondotto a più miti consigli?

Posso presumere che questa volta la violenza sia stata positiva?
Se al contrario io lasciassi che Marco infierisse su Sabrina, e lo perdonassi troppo presto, giungendo alle estreme conseguenze, posso dedurne che un perdono troppo tempestivo può esser stato un male in tal caso?

Qui arriviamo alla spiegazione esoterica di Bene e Male.

Bene e Male non sono più concetti assoluti e ben definiti, dividerli così, dare a qualcosa come la violenza o il perdono un significato assoluto sarebbe troppo dualistico per la mente di un esoterista; al contrario il Bene ed il Male diventano delle forze, di per sè neutrali, mal riposte, nel tempo, nello spazio o nell'intesità.

Non c'è più Bene e Male, ma Grazia e Severità (le due colonne massoniche: Boaz e Jachin, oppure lo Yin&Yang orientale). Un eccesso di Grazia è Male non meno che un eccesso di Severità; un giusto equilibrio tra queste due forze è, di contro, Bene.

La Legge del Karma, in altri luoghi chiamata 'Legge della Retribuzione', in altri ancora 'Terzo principio della termodinamica' chiede poi che a ogni azione corrisponda una reazione uguale e contraria, o detto in altre parole, se il pendolo ha raggiunto una estremità da una parte esso dovrà toccare anche l'altra estremità prima di tornare alla posizione iniziale.

L'attuale società capitalistica
Analizziamo la società presente. Non la situazione mondiale, ma la situazione della civiltà occidentale, capitalista e materialista. E' evidentemente squilibrata, ma da che parte? Un eccesso di Yin o un eccesso di YangDi Yin diranno i cospirazionisti. Di Yang dico io.

"Ma come", diranno alcuni di voi, "gli Illuminati sono ovunque, controllano tutto, questo è sicuramente un eccesso di Yin!"

Eh no, signori.
Nella nostra società si diventa obesi e si muore di diabete, si muore di colesterolo per la troppa carne o i troppi dolci, si muore in autostrada per l'eccessivo alcool.

La nostra società è una società che chiede "Di più!", vuole emozioni forti, vuole sesso estremo, uso estremo di droghe o diete piene di zuccheri. Siamo sommersi dal porno e dal cibo-spazzatura, siamo avidi, siamo egoisti, siamo eccessivi in ogni campo. Persino nella libertà di espressione siamo eccessivi, tanto che la prima risposta a chi denuncia un qualsivoglia complotto è "si, ma su internet qualunque idiota può arrivare e dire ciò che gli pare", ed il che, è vero (ed io forse sono la smoking gun di questo!)

Parole come disciplina e responsabilità ci disgustano. Alla parola 'decrescita' associamo l'idea di un complotto; autorevoli truthseeker sostengono che l'idea che dobbiamo sviluppare una politica che sia armoniosa con l'ambiente, che dobbiamo abbassare i consumi, che dobbiamo ridurre l'inquinamento sia un complotto ai danni dei loro diritti: il Sacro Diritto al SUV, l' undicesimo comandamento. God Bless America.

Ancora una volta, siamo squilibrati.
E se non lo capiamo, attireremo a noi una nuova società squilibrata... yin stavolta.
Benvenuti nel NWO.

Brevissima digressione storica
La presente società è il frutto di uno squilibrio precedente; il medioevo fu caratterizzato da una civiltà estremamente yin: si moriva di fame e di stenti, si praticava l'ora et labora, ci si mostrava timorosi nei confronti di un potere assoluto non solo politico, ma soprattutto religioso e spirituale.

Severità in ogni campo. Persino Dio, fu concepito come "Severo Giudice", a discapito del "Padre" enunciato da Gesù, che è Amore. Il cristianesimo, espressione di quella società estremamente yin preferì la severa concezione ebraica e veterotestamentaria rispetto alla concezione di Dio che venne fornita dall'equilibrato Cristo, formalmente "Nostro Signore".

Quella società yin, andando a ritroso, era la risposta alla perversione della tarda società pagana, la quale pervertì la sua attitudine solare-maschile-yang in una società di sprechi, orge, ubriachezza ed incesti.

E chissà per quanto si potrebbe andare avanti mostrando i movimenti di quel pendolo.

Le forze in gioco
Ho già accennato dell'esistenza della Fratellanza Bianca e la Fratellanza Nera; è sbagliato presumere che esse siano delle organizzazioni terrene, ossia dire "il partito-setta-religione-chiesa-istituzione X fa parte della Fratellanza Bianca, mentre il partito-setta-religione-chiesa-istituzione Y fa parte della Fratellanza Nera". Al contrario, sono due forze, due 'associazioni di anime' che si trovano trasversalmente in ogni dove.

Sia la Massoneria che la Chiesa Cattolica sono due organizzazioni prettamente umane e non sono espressione di una o l'altra forza, ma è anche vero che entrambe, come ogni cosa, persino la più insignificante, è perennemente permeata da queste forze, che sono l'essenza del dualismo che ho enunciato essere la causa principale della manifestazione.

La Chiesa Cattolica incarna il principio Yin: essa inneggia, almeno un tempo, alla povertà e all'astinenza dai piaceri della vita. Nel tempio cattolico troviamo all'ingresso l'acquasantiera, l'acqua è il loro elemento magico. Esotericamente l'acqua è collegata alla Luna (e di conseguenza a Saturno: Jehovah), la quale muove le maree e allo stesso tempo è collegata al principio emotivo dell'uomo.

Chi si approccia a Dio tramite la Chiesa, almeno quando essa era potente, si predisponeva a una vita di grande auto-mortificazione e abnegazione, si approcciava al Divino con aspirazione e devozione, non provava a studiarlo e a capirlo, ma solo a conformarsi a quelli che supponeva essere i suoi ordini. E' una via mistica, Bakti yoga, e quindi emotiva.

La Massoneria incarna il princpio Yang: essa ha combattuto, almeno un tempo, per la libertà religiosa e di parola. Entrando nel tempio massonico noi troviamo all'ingresso tre candele, il fuoco è il loro elemento magico. Esotericamente il fuoco è collegato al Sole, il quale è il "Portatore di Luce" (e di conseguenza a Venere: Lucifero).

Nella tradizione esoterica le entità che regalarono la scintilla pensante all'uomo vengono chiamati I Signori della Fiamma, quindi è evidente che il fuoco (insieme all'aria che ne è il combustibile) è collegato al pensiero: chi si approccia al Divino tramite la massoneria e l'esoterismo in genere lo fa cercando di penetrare nei segreti e nelle Leggi divine, vuole diventare un Conoscitore. E' una via occulta, Agni e Raja Yoga, quindi mentale.

Ognuna di queste due vie è una via di approccio al divino, una estremizzazione della prima diventa inquisizione, fanatismo, rogo di libri, caccia alle streghe; uno squilibrio della seconda diventa ateismo, materialismo, egoismo, Magia Nera. Due estremizzazioni delle due producono guerra, e lo vediamo ogni giorno.

Se fossero intese in maniera equilibrata entrambe guiderebbero l'uomo alla pace interiore ed esteriore.

Il mondo che verrà
Io sono dell'idea che la guerra tra le due istituzioni sia stata vinta culturalmente dalla Massoneria, ma militarmente dalla Chiesa. O - più precisamente - sono convinto che le forze che in passato hanno storpiato il bellissimo ed equilibrato messaggio di Gesù Cristo, di fatto conquistando la sua Chiesa, abbiano in seguito conquistato anche la Massoneria, la quale era la resistenza bianca, nei tempi più neri dell'Epoca Buia.

Ma il nostro futuro è più determinato da noi e dal nostro comportamento rispetto che dalle decisioni e dai rapporti di forza nella "sala di comando" delle inscrutabili elites mondiali.

Oggi abbiamo una società enormemente squilibrata, e non c'è bisogno di ipotizzare alcun complotto per pensare che sia giunta al capolinea. Qualcuno può anche averci messo un pò di impegno nell' accelerare il processo, ma nessuno può dire senza beneficio del dubbio se essi siano la causa dell' Onda che arriva o semplicemente dei surfisti esperti che scrutano il cielo e sanno dove tirerà il vento.

Abbiamo vissuto in una società sprecona e sporcacciona, abbiamo abusato dell'eccesso di Grazia, ci stiamo per scontrare con un Divino muro di Severità.

La prossima società, il Nuovo Ordine Mondiale (morto un Ordine se ne fa un altro, no?) o per complotto o per esigenza, sarà più parca, più povera, più attenta all'ambiente, più Severa.

Alle Leggi di Dio non si scappa.

Spetta a noi decidere se vogliamo questo con le buone o con le cattive.
Spetta a noi decidere se poi, dopo la stretta di Severità iniziale sapremo riportare il pendolo in una posizione equilibrata o ci butteremo ancora una volta nell'eccesso opposto.

Quando saremo liberi da questo Ordine che crolla, e liberi anche dal prossimo Ordine che dopo essere edificato prima o poi crollerà anch'esso, avremo imparato le due lezioni e ci comporteremo in modo sano e morigerato, oppure ci abbufferemo sulla torta della libertà dimostrando, ancora una volta, che non sappiamo controllare noi stessi?

Sapremo usare la nostra libertà per l'amore del prossimo o dimostreremo, parafrasando Lenin, che la libertà è una merce troppo preziosa per essere sprecata in mano al popolo?
---

Chiarificazione sul tema NWO 
Io non difendo il NWO descritto dai cospirazionisti. A quello preferisco il comunitarismo e l'autonomia locale. Dico solo che un governo mondiale non è di per se un male; può esser veicolo di pace se rispetta le autonomie locali, diventa un male se diviene un regime totalitario, questo si.
Superare poi le divisioni nazionali è in grande ciò che in piccolo deve fare ognuno di noi superando l'egoismo in virtù dell' altruismo: in questo senso l'idea di un governo mondiale, graduale e federalista, è più in linea con "le cose divine" che il nazionalismo.
Post correlati: Tag Essoterismo

Lo Sguardo Esoterico


15 commenti:

  1. Sospetto non sia altro
    il nostro mondo vario
    che sèguito di taglio
    nell’assoluto denso
    se produsse ferita in carne viva
    od orizzonti su vuoti non visibili
    non sappiamo come sapere prima
    bastò un fendente unico
    quello fu il miracolo
    il secondo l’ennesimo dei colpi
    non furono che apparente
    suddivisione d’infrangibile
    oppure per noi che amiamo
    contare l’inesauribile
    moltiplicazione di ente singolare
    mistero è che lama e mano
    sfuggono dalla flagrante azione
    siamo genìa di quell’intaglio
    mosso da un intento primo
    in bilico tra un desiderio
    d’onnipotenza e annientamento
    umano che si ritrae
    dopo estenuante indagine
    e quieto contempla il varco
    è essere che sa farsi lieto.


    Un saluto

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  2. Cose profetizzate da NIetzsche, nell'Anticristo.
    e dall'apocalisse....
    Il Nuovo dio che verrà a governare con "pugno di ferro".
    Il Nazismo fu solo un anticipazione.... di quello che ci attende.

    RispondiElimina
  3. buongiorno
    questo articolo è estremamente interessante; mi permetta però di esprimere delle perplessità sul bisogno assoluto di una dualità compensativa.... non è vero- a mio modestissimo avviso- che "Senza conoscere il Bene e Male l'Anima umana non può fare scelte tra i due, e quindi non può evolvere", perchè essa in questa palestra di vita, evolve esclusivamente per imparare a vivere e svilupparsi in questo e soltanto questo specifico contesto. Se l'anima o come si voglia definire la scintilla divina in noi, deve mirare ad un suo miglioramento , esso deve essere inteso in senso assoluto e non relativo alla realtà attuale (unica di cui si possa fare esperienza in questa scuola di vita sfibrata). Inoltre mi preme sottolineare che se uno squilibrio ci deve essere, credo sia male minore che esso appaia squilibrato in un senso opposto all'attuale (senza l'annullamento umano medievale). Grazie per il confronto. daniele bruno l'eretico

    RispondiElimina
  4. Caro Syntesis, dici bene, solo l'Uno è reale, la dualità è maya.
    Tuttavia io radicalizzerei ulteriormente il discorso: la dualità, anche in questa manifestazione, è un'interpretazione accattivante ma illusoria, risiede solo nella mente. In realtà non esiste altro che ciò che è, ciò che accade, che è una mera apparizione, accadimento in una Pura Consapevolezza che non conosce alcuna separazione, che non è mai stata separata dai suoi contenuti, compresi i concetti di dualità e separazione, come uno specchio è incondizionato ma non separato dai riflessi che ospita. Dualità, bene e male, yin e yang, io e l'altro, shiva e shakti, vita e morte, ecc. sono bellissimi concetti con cui la mente si gingilla ad interpretare il mondo, in quanto è stata condizionata a farlo sin dall'infanzia ed è in linea perfetta con il suo funzionamento (elaborato un concetto la mente crea immediatamente il suo opposto). La dualità ha sicuramente una sua utilità pratica e per questo, anche smascherata, non deve essere abbandonata ma vissuta come un semplice artificio pratico, efficace ma non reale. La manifestazione è ciò che è, un Tutto Organico emanazione di un unico Principio Cosciente. Per questo non c'è altra liberazione del risveglio dal sogno della dualità.

    RispondiElimina
  5. Tante sciocchezze si sarebbero potute condensare in un testo più breve.

    RispondiElimina
  6. Mammamia che banalità tutte insieme... Coll'equivalenza Saturnus/YEVH si è toccato un livello di bassura ignobile. Risate a crepapelle invece nell'accoppiamento colonne massoniche/Yin Yang.

    Di solito questo sito offre molto ma molto di meglio, peccato.

    RispondiElimina
  7. Un conto è fare riflessioni sul pendolo della storia, sulle polarità, e fin qui le tue sono anche interessanti.
    Altro è il passaggio finale sul governo mondiale.
    Cioè l'idea comunista ad esempio ha dimostrato che un concetto teoricamente apprezzabile (il non sfruttamento dell'uomo sull'uomo) poi tradotto in realtà non ha prodotto liberazione ma schiavitù.
    Cosi' il governo mondiale: dai solo un bimbo potrebbe credere che poi in tale fantomatico governo non comanderebbero i poteri forti, le banche, le multinazionali, i militari.
    Il tutto naturalmente condito con tante belle parole per non far capire alla gente la realtà.
    Sul nazionalismo: ma secondo te la guerra in libia, ad esempio, è stata creata dai nazionalismi? Dai su.
    Sul concetto stesso di governo mondiale: ti pare che oggi come oggi ci sia troppo nazionalismo?
    O non c'è forse troppo potere sovranazionale, ad esempio "i mercati", questi benedetti mercati che hanno potere di vita e di morte e impongono agli stati politiche contro i loro popoli?
    Il governo mondiale sarebbe una globalizzazione ancora più completa, mi pare che quella attuale abbia già prodotto molti danni senza aggiungere ulteriori dosi.

    RispondiElimina
  8. @Ultimo anonimo:

    Se le colonne massoniche non rappresentano cabalisticamente le due forze universali maschile e femminile (quindi forza 2-4-7 sephiroth e forma 3-5-8), simboleggiate in oriente dallo yin&yang, dicci tu, cosa simboleggiano?

    @Risveglio Globale

    L'articolo è una interpretazione esoterica, e l'esoterismo tenta di andare oltre alla visione limitata di una singola vita umana: esso cerca di studiare la vita dell' Anima e la sua evoluzione. Da questa prospettiva non fa alcuna differenza se a governare sono i poteri forti o quelli deboli: conta quanto si può imparare da ogni esperienza, coscienti che se ci accade una cosa (es: regime militare) è perché il nostro karma di gruppo così richiede per poter essere compensato.
    Il succo del discorso è: se non abbiamo saputo gestire l'abbondanza, la natura ci darà penuria, così che la prossima abbondanza la sapremo usare meglio.
    Il karma non è fatto per esser simpatico.

    Riguardo al nazionalismo, mi ripeto: esso fomenta la divisione mentre la spiritualità tende all' Unità, alla nondualità; se fine ultimo dell' evoluzione è tornare all' Uno, e ciò implica che io e te dovremo essere uno, come faremmo a divenire uno se conserviamo un numero enorme di nazioni? Non oggi, non domani, ma il processo di unificazione è inarrestabile. Poi può esser fatto bene o male, e sono il primo a dire che quello di oggi è il peggior modo possibile.
    Personalmente stato a Genova a manifestare nel 2001, da sempre noGlobal (contro questa globalizzazione) e a dalla parte di tutti i movimenti di liberazione nazionale, ma la risposta alla globalizzazione è l' internazionalismo e la fratellanza tra i popoli, non il nazionalismo fascistoide.

    RispondiElimina
  9. Bell' articolo!
    Gran coraggio ,cimentarsi nel tema del bene e nel male é sempre molto difficoltoso ma te la sei cavata bene...ih ih ih

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Io sogno un mondo senza frontiere, senza stati, senza governi, e, in massimo grado, senza un governo mondiale. Pensare che possa esistere un governo mondiale che non sia soggetto a derive autoritarie è un po' da ingenui, non vi pare? Accentrare tutto, anche storicamente, ha sempre implicato la nascita di terribili totalitarismi, come accadde per tutti i regimi comunisti. Questo è il mega-bug insito nelle teorie marxiste, già messo in evidenza da Proudhon, contemporaneo di Marx.
    Una società autenticamente anarchica, ovvero organizzata in modo non-gerarchico, basata semplicemente sul rispetto, sulla fratellanza e la mutua solidarietà, non basata sulla dittatura della maggioranza ma sul consenso, è possibile solo a seguito di un salto di coscienza. E questo salto di coscienza parte da ognuno di noi, iniziando a vedere ciò che non va, ciò che deve essere abolito per vivere finalmente in un mondo "decente". E' ora di comprendere che qualsiasi organizzazione gerarchica, qualsiasi centralizzazione del controllo, non può che portare ad aberranti totalitarismi ed abusi. Non c'è alternativa perchè qualsiasi sistema gerarchico è corrotto, basandosi a livello sostanziale sul controllo e sullo sfruttamente dell'uomo sull'uomo.
    Per me un governo mondiale è un incubo e davvero preferisco un mondo frammentato con sacche di semi-libertà ad un mondo "unito" molto somigliante a un enorme carcere planetario. Il mio sogno è invece un mondo di esseri umani uniti senza la dittatura di stati, governi, polizie, eserciti, ecc. Non dimentichiamo che sognare è creare.

    RispondiElimina
  11. Anche io voglio un paradiso in terra, ma per quanto mi sforzi di sognarlo, nulla sembra cambiare.
    E' vero che sognare è creare.
    Ma siamo ormai 7 miliardi di persone, credi veramente che la maggioranza non pensi ogni giorno ad un mondo di pace?
    E' vero, molti sembrano essere "addormentati", forse ipnotizzati..
    Io ormai non capisco più niente.
    Le leggi cosmiche funzionano veramente?
    Qualcosa cambierà VERAMENTE il nostro futuro?
    Io mi rifiuto di lavorare oggigiorno, veramente... sono mantenuto per adesso ma quanto potrà durare la mia situazione?
    Dovrò piegarmi anche io a questo schifo di sistema?
    IO MI RIFIUTO!
    E' tutto quanto sbagliato, tutto diverso da come dovrebbe essere..
    Se non posso suicidarmi per tornare dall'altra parte (rinascerei di nuovo per ricominciare tutto d'accapo), che altro posso fare?
    Resistere a denti stretti?
    Il mondo è veramente una "università" in cui impariamo ad amare?
    Io mi sento a disagio, non è come vorrei che fosse... vorrei tornare un bambino spensierato... sapere che la realtà non è così bella come ti aspettavi...
    Morirò anche io come un povero schiavo ridotto a lavorare per vivere (o meglio vivere per lavorare).
    Qualcuno mi dia delle risposte.
    Perchè sono qui, cosa ho fatto per meritarmi questo?
    Questo male così profondo, così gratuito non ha senso.
    Sono solo parte di un grande videogioco?
    Sono stanco di vivere non ce la faccio più.

    RispondiElimina
  12. @Anonimo

    Il paradiso in terra può nascere SOLO quando l'uomo stesso sarà perfetto, NON prima.
    E se nascesse prima sarebbe una fregatura, perchè annullerebbe ogni possibilità di crescita.

    7 miliardi di persone non vogliono un mondo di Pace, ma vogliono un mondo della loro pace: ogni religione vuole essere riconosciuta come la sola veritiera, ogni nazione vuole essere la più forte, e chi ha subito la guerra non brama la pace ma brama la vendetta... e poi ci sono le masse che se ne fregano di tutto questo e vogliono solo il benessere personale o al massimo familiare, essi vogliono essere i più ricchi del vicinato.

    Il tutto allora, essendo noi così, non è diverso da come dovrebbe essere: è esattamente come noi lo abbiamo fatto, e se è così, è perchè NOI siamo così.

    La risposta non è quindi cambiare il mondo, è cambiare sè stessi.
    Niente "arriverà" a cambiare il futuro, perchè il futuro lo costriamo noi, e se anche qualcosa "cambiasse il futuro" noi riporteremmo tutto come era perchè NOI siamo così.
    Per adesso, almeno.

    La risposta, ancora, è cambiare noi stessi e solo su questo ci è permesso di lavorare.

    Non vuoi lavorare perchè ti sembra inconcludente? forzati di farlo perchè così svilupperai Volontà.
    Ti fanno arrabbiare le ingiustizie?
    combattile per diventare forte ma ricordati di perdonare chi le compie per imparare ad essere Umano.

    Il tempo guarisce poi ogni cosa e porta ogni cosa al compimento: l'universo è un meccanismo perfetto e non un videogioco.

    RispondiElimina
  13. l'alternativa al sistema duale-lineare-e piramidale è un nuovo paradigma di pensiero fondato su unitario-circolare-frattale. Poteri e doveri a rotazione, nessun privilegio di caste alcune, intera autonomia delle realtà locali,comunitarismo in una pressochè totale autoregolamentazione dei propri spazi, doveri e responsabilità, ed in funzione degli spazi altrui. la società frattale rispecchierebbe la ricerca degli intenti di unitarietà, ad ogni livello: spirituale e psicologico, quindi non duale, nn frammentato, ma unico ed unitario, politico e sociologico, ogni realtà locale dalla più piccola alla più grande eprimerebbe lo stesso concetto basato sù: indipendenza politica e culturale, totale autonomia produttiva ed energetica, modellamento delle regole generali interne, interconnessione con i cerchi frattali. ecc. ecc. Watcher

    RispondiElimina
  14. @Watcher

    L'idea di una società frattale mi piace, soprattutto perchè contiene il concetto di autoregolamentazione ma in comunità, e non in individualismo.
    Ora, i frattali, come Ermete, ci dicono che ciò che è in alto è come ciò che è in basso, quindi servirebbe anche una autorità generale garante della pace tra comunità (nessuno vuole uno scenario stile guerra tra bande), e questo potrebbe fornirlo un sistema di rappresentanza delle comunità, un consiglio delle comunità, ma che funga solo da risoluzione delle controversie portate dal basso e non da proposizione dall' alto. Il che però porta con sé i semi della decrescita.
    Non c'è molta differenza tra questa società e quella delineata dal "Libro verde" di Gheddafi, sai?
    E ora magari abbiamo qualche elemento in più per capire perchè lo hanno dovuto demonizzare per anni fino a farlo linciare.

    Il problema però è: se tu uscissi domani con queste (o altre) proposte, quanti arriverebbero a dire che stai attuando i piani del NWO perchè la tua idea è poco (o troppo) nazionalistica/globalista/no-globalista/progressita/conservatrice/cattolica/laica/newage/pagana/capitalistica/socialistica/comunistica/decrescista/goldstandardista/umanista/ambientalista?

    A me piace fare l'avvocato del diavolo (in senso figurato), e tra i "profani del complotto" racconto i complotti, ma dove ci sono i "veterani del complotto" devo mettere il dito in questa piaga ideologica, mi dispiace esser tedioso, ma anche in quell' ambiente qualcosa non va.

    La soluzione è solo una: Fratellanza ed Unità.
    E, ovviamente, conoscenza ed adesione alle Leggi del Cosmo: i frattali sono una buona base per iniziare e la tua idea a me personalmente piace.


    PS: il FMI pare abbia offerto 44mld di aiuti per l' Italia. Il tempo a disposizione prima del default sta scadendo, e scadrà, prima o dopo, questa mossa sembra far presagire che sarà più prima che dopo.
    E' ora di prepararsi al peggio.

    RispondiElimina
  15. @Syntesis
    molte molte molte grazie
    mi hai aiutato a fare un pò di chiarezza
    ottimo articolo che condivido a pieno
    LiberaMente

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE