29 novembre 2011

Una Fastidiosa Impressione

non-vedo-non-sento-non-parlo
Frankpro
Anticorpi.info

Ho questa fastidiosa impressione, ultimamente. Se siamo noi, popolazione del nostro pianeta, ad essere lassisti - diciamo così - su una data questione – mettiamo per esempio in merito all'uso del petrolio quale fonte di energia primaria - “loro”, le elite dominanti, non solo ci asseconderanno continuando a sostenere quel mercato, ma ad un certo punto si sentiranno in dovere di evidenziarci il pericolo insito nella nostra scelta.

Ad esempio, favorendo l'accadimento di incidenti in giro per il mondo che ci occorrerebbero per “mettere bene a fuoco” il problema (è proprio il caso di dirlo, nella fattispecie del petrolio), allorchè lo si possa apprendere dagli schermi mediatici.

Voglio dire che fino ad oggi abbiamo continuato (abbiamo voluto continuare) a credere che fossero 'loro' ad indirizzare le scelte globali, così come di conseguenza abbiamo creduto che dovevamo stare lì a subircele, tutte quelle scelte. La mia impressione ultima, invece, è il frutto indisponente  di questo capovolgimento del punto di vista.

D'altra parte, se è vero che siano tutti in rete, cioè che siamo connessi ad un campo di energia intelligente, di cui siamo parte e con il quale co-creiamo, giorno dopo giorno, come potrebbe essere che una ristretta minoranza del 'campo' sia in grado di muovere delle forze, di operare cambiamenti tali da influenzare la maggioranza, in maniera univoca ed egoistica?

E' anche una questione strettamente “quantitativa”, se vogliamo.

Non sarà invece che la ristretta minoranza, la quale possiede però la Consapevolezza, è stata messa in condizione di agire affinchè la maggioranza si possa rendere conto, prima o dopo, delle 'scelte inconsapevoli' che continua a sostenere?

Esiste un principio nel buddismo (Esho-Funi) che parla dell'inseparabilità di uomo e ambiente: è interessante dunque, alla luce di questo principio, riconsiderare, per un attimo, verso chi puntare il dito.

D'altra parte anche la non-scelta è in definitiva una scelta vera e propria: se non lo sembra, almeno nei confronti di sé stessi, alla vita poco importa.

Se me ne vado in giro per un bosco, ignaro, ed incontro un orso che mi vuole mangiare, io non è che posso stare lì a dirgli "scusi signor orso, lei non ha mica il diritto di mangiarmi; io sono qui nel mio giro spensierato per il mio bosco. Si faccia un po' gli affari suoi, eh!"

Seguendo questo tenue ragionamento, impostato su una ancor più tenue ipotesi, finisce che ciò che conta e che può far cambiare veramente le cose, alla fine, è l'accrescimento del campo della Consapevolezza, di quelle che noi riconosciamo, anche a livello collettivo, come scelte nelle nostre mani oppure no.

Sarà l'accresciuta consapevolezza poi che ci guiderà dritti all'azione.

Post correlati: Tre Domande Strane
Post correlati: Hidden Hand: una Finestra di Opportunità
Post correlati: Dualità e Pavimento a Scacchi
Post correlati: Spiritualità e Conformismo
Post correlati: La Grande Manipolazione
Post correlati: La Terra dei Ciechi
Post correlati: Tag Essoterismo
Post correlati: Tag Ipotesi

L'albero della Conoscenza del Bene e del Male




Cronaca di un Risveglio Spirituale

6 commenti:

  1. ben detto!non c'e' nessuna cospirazione,siamo noi con le nostre scelte non-scelte ad indirizzare i grandi movimenti del mondo.fatto mai caso,per esempio,quando siamo in mezzo al traffico diciamo:ma dove vanno tutti?come se NOI non fossimo il TRAFFICO STESSO!pazzesco!il male sta' sempre da un'altra parte,ma mai la nostra...

    RispondiElimina
  2. Attribuire ad una massa di criminali la consapevolezza è inaudito. Questi articoli solleticano la vanità di lettori che pensano di valere più di quanto non valgano.

    RispondiElimina
  3. Prendiamola easy, dai.. un'impressione è solo un'impressione: usata qui x esporre una piccola riflessione, niente di più. Ma poi, sig anonimo.. chi sarebbero questi " lettori che pensano di valere più di quanto non valgano"?? (Che non l'ho mica capita)
    --
    @Sandro: come dicono gli americani.. appreciate!!

    RispondiElimina
  4. Sembra insomma che dobbiamo essere grati agli illuminati per i forzi che stanno facendo per distruggerci.
    Sembra un commento provocatorio ma è esattamente quello che l'articolo sostiene.

    RispondiElimina
  5. Secondo me le cospirazioni ci sono, ma perché noi glie lo lasciamo fare.

    La colpa inizialmente è di chi progetta e poi mette in atto queste idee diaboliche, ma dopo è solo nostra in quanto non facciamo niente per opporci sin dall'inizio o dopo che ci siamo accorti che non ci piace.

    RispondiElimina
  6. @Anonimo scandalizzato.

    Dipende tutto dal punto da cui si decide di osservare.

    Se sono DENTRO ad un labirinto ne vedo solo una parte alla volta e ho difficoltà ad orientarmi.
    Ma se sono SOPRA ad un labirinto, vedo tutto il labirinto, le strade aperte e quelle chiuse... di uscirne comunque non mi pongo nemmeno il problema: in quel caso io sarei già fuori dal labirinto.

    Si dice che "la verità vi renderà liberi" ed è vero.
    Si dice anche che bisogna "nosce te ipsum".

    Forse a quel punto saremo sopra ad il labirinto, ed una via chiusa varrà quanto una via aperta.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE