12 marzo 2012

Lincoln e Kennedy: Destini Clonati

lincoln, kennedydi G. Cosco

Sono state rilevate analogie incredibili tra vicende umane del tutto estranee tra loro. Nella storia dei due presidenti Lincoln e Kennedy, si ricava la certezza che vi sono coincidenze troppo precise per essere casuali. 
Forse ciascuno di noi ha un "sosia", un altro che vive la nostra stessa vita come la fotocopia di un disegno tracciato nel grande libro del destino.

Lo studioso J. Goodavage è riuscito a raccogliere, in molti anni di lavoro, numerose vicende degne di essere analizzate a fondo. Ha infatti riscontrato un notevole parallellismo tre le vite di persone anche molto lontane tra loro, o comunque che ignoravano ognuna l'esistenza dell'altra. Le coincidenze prese in esame sono a volte davvero sorprendenti, non rientrano nel normale ordine delle cose.

Goodavage, nel libro Astrology: The Space Age Scienze, racconta, ad esempio, di molti aspetti in comune tra la vita e la morte di Donald Chapman e Donald Brazill, entrambi nati il 5 settembre del 1933, il primo nella città di Eureka e il secondo a Ferndale in California.

Una domenica mattina del 10 settembre 1956, 5 giorni dopo il compleanno di Chapman e di Brazill, i due guidavano la propria auto sulla statale 101 a sud di Eureka e ritornavano alle proprie abitazioni. Avevano riaccompagnato le fidanzate, ciascuna delle quali risiedeva nella città dell'altra, quando, improvvisamente, si scontrarono frontalmente con le proprie auto morendo sul colpo. I certificati di morte indicano che tutti e due morirono per le gravi ferite riportate alla testa.

Un caso altrettanto evidente di parallelismo, narrato sempre da Goodavage, riguarda due donne nate nello stesso giorno e aventi lo stesso nome ma senza alcun rapporto di parentela: Edna Hanna e Edna Osborne. Nel 1939, nell'ospedale di Hackensack nel New Jersey, tutte e due partorirono, nello stesso istante, due bambine, a cui diedero lo stesso nome: Patricia Edna. Goodavage, interrogate le due donne, scoprì dell'altro.

I loro mariti svolgevano lo stesso lavoro ed erano proprietari di una automobile della stessa marca e di identico colore. Entrambe le coppie si erano sposate esattamente tre anni e mezzo prima, nello stesso giorno. I due uomini erano nati nello stesso anno, mese e giorno; identica circostanza per le loro mogli. Le due donne avevano i capelli castani e gli occhi azzurri, la stessa altezza e lo stesso peso. Entrambe le coppie avevano comprato nello stesso giorno un cane a cui avevano dato il nome di Spot.

L'8 novembre 1981 Il Giornale d'Italia riportò un fatto relativo alla morte contemporanea di due fratelli. Ada e Guido P. cessarono di vivere alla stessa ora, in circostanze analoghe e per cause identiche.

I fratelli morirono l'uno distante dall'altro circa 300 chilometri. Il professore Guido P. docente alla "Normale" di Pisa con la sua "127" nei pressi di Pisa, causa un probabile malore, perde il controllo dell'auto e va a schiantarsi contro un albero. Soccorso, muore prima di arrivare in ospedale, sono le tredici. Alla stessa ora, a Milano, sua sorella Ida, pure insegnante, mentre guida la sua auto veniva colta da un malore e andava a sbattere violentemente contro un albero, morendo.

Non meno sconcertante è il caso narrato dal professor T. Bouchard dell'Università del Minnesota sul "Corriere del Medico" del 12 giugno del 1980. I gemelli Jim Springer e Jim Lewis erano stati adottati da due famiglie dell'Ohio e nessuno dei due sapeva dell'esistenza dell'altro. Entrambi si laurearono in legge e iniziarono a lavorare part-time in qualità di aiuto sceriffo. Scelgono la Florida per trascorrere le ferie. Acquistano un cane che chiamano Toy. Le loro mogli si chiamano, entrambe, Linda. Divorziati, sposano due ragazze di nome Betty. I figli si chiamano James Allan. Fumano le stesse sigarette e si intendono tutti e due di falegnameria.

Lincoln e Kennedy.
Misteri analoghi a quelli finora raccontati costellarono persino la vita e la morte dei presidenti americani Abraham Lincoln (1809-1865) e John F. Kennedy (1917-1963). Si racconta inoltre che Lincoln appaia sempre alla vigilia della morte di un altro presidente e pare, infatti, che sia apparso anche a John Kennedy il giorno prima di partire per Dallas, sua ultima fatale visita.
Tantissime e straordinarie furono le coincidenze che costellarono la vita e la morte di questi due presidenti. Troppe, per essere sbrigativamente attribuite al caso.

Innanzitutto, Lincoln venne eletto presidente nel 1860. Kennedy, esattamente 100 anni dopo, nel 1960. Lincoln fu ucciso di venerdì, alla presenza della moglie.

Anche Kennedy venne assassinato mentre era al fianco di sua moglie, e di venerdì. Ad entrambi i presidenti spararono, e tutti e due furono colpiti da dietro e alla nuca.

Subito dopo l'attentato, ricevettero i primi soccorsi dalla propria moglie. Lincoln e Kennedy morirono senza riprendere conoscenza.

Oltre ai particolari della morte in comune, ne esistono altri. La moglie del presidente Lincoln perse un figlio, mentre risiedeva alla Casa Bianca. La stessa cosa accadde alla moglie di Kennedy. Sia Lincoln che Kennedy avevano avuto 4 figli e, al momento della loro uccisione, solo 2 di questi erano vivi. Il vice di Lincoln si chiamava Johnson ed era nato nel 1808. Il vice di Kennedy si chiamava, pure, Johnson ed era nato nel 1908, a distanza di 100 anni esatti dall'altro.

L'assassino (presunto) di Lincoln si chiamava John Wilkes Bootk ed era nato nel 1839. Quello (presunto) di Kennedy, Lee Harvey Oswald, era nato nel 1939, 100 anni dopo l'altro.

E' pure perlomeno curioso osservare che la somma delle lettere che compongono nome e cognome dell'assassino di Lincoln dà 15 come totale e così è anche per l'assassino di Kennedy.

Ma le coincidenze straordinarie non finiscono qui. John Wilkes Booth e Lee Harvey Oswald erano entrambi sudisti. Tutti e due i presidenti avevano condotto aspre battaglie per i diritti civili dei neri: Lincoln con il Proclama di Emancipazione e Kennedy con la legge sui Diritti Civili.

Al momento dello attentato Lincoln e Kennedy si trovavano assieme, oltre alle proprie mogli, ad una coppia di amici. Per quanto riguarda le coppie di amici, le donne rimasero illese, gli uomini furono feriti dagli attentatori (il maggiore Rathbone nel 1865 e il governatore Connally nel 1973).

Il segretario di Lincoln si chiamava Kennedy e cercò di dissuadere il presidente dall'andare a teatro quella sera. La segretaria di Kennedy si chiamava Lincoln e, anche lei, tentò di convincere il presidente a non andare a Dallas. 

Un altro fatto abbastanza singolare è che il marito della donna si chiamava Abraham, come Lincoln. Quando avvenne l'attentato, Kennedy stava attraversando le vie di Dallas su una auto - guarda caso - di marca Lincoln, prodotta dal gruppo Ford. 

Booth assassinò Lincoln in un teatro e si rifugiò in un magazzino. Oswald sparò a Kennedy da un magazzino e si rifugiò in un teatro. Booth morì 11 giorni più tardi di Abramo Lincoln, entrambi alle 7,20 del mattino. Oswald morì 48 ore dopo Kennedy, pure, alla stessa ora: le 13. 

A Lincoln successe Andrew Johnson e a Kennedy Lindon Johnson. Durante il loro ultimo anno di presidenza, sia Andrew sia Lindon Johnson furono travolti da uno scandalo politico, che impedì loro di candidarsi per un nuovo mandato.

Coincidenze impressionanti, vero? Troppo impressionanti e misteriose per non pensare che nella vita degli uomini non vi siano segrete connessioni, sinapsi in un fitto reticolo di destini di cui tutti noi facciamo parte.

Articolo pubblicato sul sito di Giuseppe Cosco
Link diretto all'articolo:


Post correlati: Intervista a Giuseppe Cosco
Post correlati: L'Ultima Puntata di Science Report
Post correlati: Realtà e Illusione - Viviamo in un Mondo Virtuale?
Post correlati: Bilocazione, Cloni e Doppelganger: la Leggenda dei Doppi
Post correlati: Carte degli Illuminati: Passato, Presente, Futuro
Post correlati: Tag Misteri

Esperienze di bilocazione


12 commenti:

  1. Di questo tema ha parlato ieri la trasmissione VOYAGER

    RispondiElimina
  2. Ma questo sito è molto meglio della trasmissione di giacobbo. Ricordo ancora con un certo raccapriccio quando si occuparono, parlandone benissimo, di un gruppo di truffatori abruzzesi, presunti "contattisti" con alieni, il cui capo, tale Sammaciccia, fu ripetutamente condannato per reati gravi quanto squallidi, come la truffa aggravata e la circonvenzione di incapace. E preferisco fermarmi qui.

    RispondiElimina
  3. ciao ubaldo, ricordami di offrirti un caffè :)
    riguardo il caso cosiddetto 'amicizia' in cui si sarebbe trovato coinvolto sammaciccia, di certo tu ne saprai più di me, ma a lume di naso, se considerate in una diversa ottica, le condanne a cui ti riferisci potrebbero perfino avvalorare la sua testimonianza, visto come lavora molta magistratura ... e anch'io preferisco fermarmi qui.

    RispondiElimina
  4. In effetti è sempre difficile orientarsi in queste situazioni, sta di fatto che due coniugi riferirono di essere stati alleggeriti da questi "soggetti" di oltre seicento milioni di lire in cambio dell'intermediazione con "medici alieni"... mah !

    RispondiElimina
  5. Termino questo off topic, lieto di poter accettare, quando vorrai, questo caffé: http://archivio.pescaraonline.net/scheda_cultura.asp?sk=654
    A me la fonte pare attendibile, ma è ovvio che non può esservi mai nulla di sicuro

    RispondiElimina
  6. Anonimo ha detto...
    Di questo tema ha parlato ieri la trasmissione VOYAGER

    13 marzo 2012 19:16

    Il sito ANTICORPI mi piace molto, ci sono tanti argomenti interessantissimi (purtroppo non sempre ho il tempo di leggerli), ma nel post sopra riportato mi chiedevo come mai sia questo sito sia la trasmissione di Giacobbo hanno trattato lo stesso argomento nello stesso giorno ... si tratta di una coincidenza?

    RispondiElimina
  7. @ anonimo ... in realtà si tratta di un articolo tratto dal sito di un grande ricercatore purtroppo scomparso: giuseppe cosco. il post era pronto per la pubblicazione già da molto tempo. appreso che il tema è stato riportato alla ribalta da voyager, quale miglior momento per pubblicarlo?
    per curiosità, sospettavi che fossimo 'controllati' da giacobbo ... o cos'altro? :)

    grazie di leggerci

    RispondiElimina
  8. Beh... piuttosto interessante.
    Spero che in questo esatto momento, il mio "altro" io abbia appena finito di leggere un articolo del tutto simile, su un sito del tutto simile e che, mosso dalla mia stessa voglia di incontrarmi, cominci a fare ricerche per scovarmi da qualche parte nel mondo.
    Magari fosse vero... sarebbe strano, spaventoso ma esaltante.
    Post molto interessante, come sempre, grazie.

    RispondiElimina
  9. Viator ha detto...
    @ anonimo ... in realtà si tratta di un articolo tratto dal sito di un grande ricercatore purtroppo scomparso: giuseppe cosco. il post era pronto per la pubblicazione già da molto tempo. appreso che il tema è stato riportato alla ribalta da voyager, quale miglior momento per pubblicarlo?
    per curiosità, sospettavi che fossimo 'controllati' da giacobbo ... o cos'altro? :)


    No, non lo sapevo, in che senso controllati? Purtroppo ho potuto vedere solo un pezzettino di trasmissione, così mi sfugge il significato della tua domanda ...

    RispondiElimina
  10. @ anonimo ... non mi spiegavo l'insistenza con cui chiedevi spiegazioni circa la contemporaneità tra il servizio e il post, così ho pensato che sospettassi che in qualche modo il blog e voyager fossero collegati. todo aqui. ma era una battuta, più che altro. ciao alla prossima

    RispondiElimina
  11. Si, in realtà per un attimo ho pensato che ci potesse essere un collegamento fra il blog e la trasmissione Voyager ... Grazie comunque per il chiarimento e buon lavoro! Ciao
    Anna

    RispondiElimina
  12. Ero rimasto colpito dal caso Amicizia. Però è bene informarsi in modo completo:
    http://ufotraveroefalso.blogspot.it/2007/05/la-leggenda-degli-alieni-pescaresi_25.html

    Che noia però, sempre tutto ed il contrario di tutto...

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE