3 marzo 2012

'Non Esiste una Definizione di Disturbo Mentale'

dsm
dal sito Start Making a Sense

Allen Frances, medico ed editore capo del Manuale Diagnostico Statistico (DSM-IV, testo di riferimento per i disturbi mentali), ha dichiarato: "Non esiste una definizione di disturbo mentale. È una stron… Intendo che non la puoi definire." Il DSM è da anni il fulcro della diffusione di farmaci psicotropi su larga scala e dei relativi fiumi di denaro connessi anche all’assistenza sanitaria.

In un dettagliato articolo dello scrittore e psicoterapeuta Gary Greenberg, pubblicato su Wired Magazine, Frances ammette: "Abbiamo fatto degli errori che hanno avuto terribili conseguenze." Greenberg spiega come il DSM abbia facilitato la diffusione dell’epidemia di diagnosi di autismo, deficit d'attenzione e iperattività (ADHD) e disturbo bipolare, nonché di aver favorito la dilagante tendenza nel far passare le difficoltà della vita come malattie mentali, da trattare on costosi psicofarmaci.

Il DSM-IV ha generato un aumento di 40 volte delle diagnosi di bipolarismo infantile ed il conseguente aumento vertiginoso delle prescrizioni psicotici, anche in bambini di appena tre anni.

Il Dott. Robert Spitzer, editore della versione precedente del manuale, il DSM-III, aveva già condannato pubblicamente l'Associazione Psichiatrica Americana (APA) per aver costretto gli editori del DSM-V, la prossima edizione in corso, a firmare un accordo che proibiva di rivelare ciò che stavano facendo. Per questo Spitzer spinse il collega Frances ad aiutarlo in questa denuncia al sistema psichiatrico.

I due avvertono del pericolo che potrebbe derivare dalla proposta del disturbo “pre-psicotico” e della conseguente “medicalizzazione in massa della normalità” che produrrebbe “una miniera d’oro per l’industria farmaceutica.”

Greenberg tiene a precisare che la certezza scientifica non appartenga alla psichiatria: «Le dispute sulla nomenclatura rischiano di minare la legittimità della professione, rivelando il suo sporco segreto: con tutte le loro presuntuose affermazioni, gli psichiatri non sanno distinguere in maniera rigorosa una malattia dalla sofferenza quotidiana».

Uno studio della Tufts University del 2006 ha rivelato che più della metà degli autori del DSM-IV aveva legami finanziari con l’industria farmaceutica. Questo spiega l’aumento del 25% del numero di malattie mentali rispetto alla terza edizione e dell’incremento del giro d’affari nel settore farmaceutico.

Fra le creative proposte per la definizione di nuovi disturbi mentali nella prossima edizione del manuale compaiono il Disturbo da Accaparramento, quello da Pizzichio di Pelle (forse per nascondere gli effetti e le cause del Morgelleons) e il Disturbo da Cibazione non soddisfatti, evidentemente, del suo recente predecessore, il Disturbo del Mangiar Sano o più semplicemente, Ortoressia Nervosa.


Post correlati: Antidepressivi
Post correlati: Il Libero Pensiero è una Malattia Mentale?
Post correlati: Società Ammalata: Alimenti, Bevande e Farmaci
Post correlati: Integratori Naturali Contro la Depressione
Post correlati: Inventori di Malattie - Sanità e Business - S. Montanaro
Post correlati: Ansia: Cause e Rimedi Naturali
Post correlati: Dieci Ragioni per Evitare il Vostro Medico
Post correlati: Perché la Gente Crede Quasi a Tutto (Persuasione)
Post correlati: Morte per Mano dei Medici (Errori e Malasanità) - D. Icke
Post correlati: Se il Medico Ora Abolisce la Coscienza
Post correlati: Ansiolitici - N. Balasso
Post correlati: Il Fallimento della Psichiatria
Post correlati: Tag Salute

Primo, non Curare chi è Normale - Libro
Contro l'invenzione delle malattie - La ribellione di uno Psichiatra contro l'eccesso di diagnosi, il DMS-5, Big Pharma e la medicalizzazione della normalità


Il Tradimento di Ippocrate


Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE