17 maggio 2012

Salvador Freixedo - Alieni, Dei e Nuova Era

falsi dei
A cura di Anticorpi.info

Introduzione - Clomro
Ex sacerdote cattolico (Galizia, 1923), Salvador Frixedo ha fatto parte per 30 anni dell'ordine ecclesiastico dei Gesuiti. Ha studiato scienze umanistiche, filosofia, teologia, ascetismo e psicologia in università americane ed europee.

Nel 1957 scrisse a Cuba il suo primo libro: 40 Casi di Ingiustizia Sociale, la cui pubblicazione fu boicottata dalle alte sfere cubane. Il dittatore Batista dispose che Freixedo lasciasse l'isola.
Nel 1968 durante la residenza in Porto Rico scrisse La Mia Chiesa Addormentata, con cui sollevò la questione di una Chiesa troppo rigida, denunciando lo scarso spirito evangelico di alcuni suoi leader e la irrazionalità di alcuni dogmi. Tale presa di posizone gli costò la espulsione dall'Ordine.

Nel 1970 pubblicò in Venezuela: Amore, Sesso, Corteggiamento, Matrimonio, Figli: Cinque fatti Evolutivi. In seguito a forti pressioni episcopali il partito cristiano-sociale al potere lo fece arrestare, detenere in carcere e poi espellere dal paese.

freixedo

Dopo la rottura con la Chiesa studiò fenomenologia paranormale, considerandola come una finestra su altre realtà e altre dimensioni di esistenza.

I molti suoi viaggi, con le innumerevoli riflessioni che ne scaturirono, produssero oltre venti libri (molti dei quali incentrati sui collegamenti esistenti tra religione ed entità aliene). Ecco i titoli: 

Alieni e Religione; La Minaccia Aliena; La Fattoria Umana; Il Diavolo Inconscio; Perché il Cristianesimo Agonizza?; Biografia del Fenomeno UFO; Apparizioni Mariane; Ciarlataneria e Guarigioni Miracolose; Ufo: Una Minaccia per l'Umanità?; Il Contattato;  Israele, un Popolo Contattato; Difendiamoci dagli Dei! Cristianesimo: un Mito in Più; Le Religioni che Ci Separano; I Figli della Nuova Era; Miti Religiosi nelle Relazioni Umane; Parapsicologia e Religione; Il Diabolico Incosciente; Visionari, Mistici e Contatti Extraterrestri; La Mia Chiesa Addormentata;  Religione tra Parapsicologia e Ufo; Curatori e Cure per la Fede; Dizionario Solforico.

Estratti da Difendiamoci dagli Dei!

"In passato sono sempre stati gli uomini in perenne ricerca e culto della divinità. In futuro gli uomini saranno costretti a difendersi dagli dei."

"Penso sia giunto il momento che l'umanità ne prenda atto, perché purtroppo la maggior parte di essa non ha ancora affrontato la dura realtà di essere stata manipolata e ingannata dagli dei."

"Le idee contenute nel libro sembrano assurde ma sono molto più realistiche e profonde delle favolette con cui il cristianesimo e altre religioni per secoli hanno cercato di spiegare il perché e il percome della vita umana. Chiunque respinga o ignori queste idee non potrà mai avere un'idea realistica delle origini della esistenza umana, e continuerà a essere fuorviato da concetti distorti da secoli di religione, storia, guerre, filosofia e cultura. La dura realtà è che l'umanità conosce solo ciò che gli dei desiderano che conosca, e crede solo a ciò che gli dèi desiderano che essa creda. Ma è tempo che l'umanità entri a conoscenza di tutto ciò che può e deve conoscere, ed è il momento che smetta di credere a ciò che gli dei vorrebbero farle credere per loro convenienza.

"Anziché essere portavoce di idee folli, sostengo una teologia profonda e nuova: la teologia degli dèi (minuscolo)."

"La teologia del "vero Dio" è falsa; la teologia dei "falsi dei" è vera.

"... Abbiamo riposto la nostra fede in un unico e solo Dio universale, il Dio del Pentateuco, elevando il suo rango che fu quello di uno dei molti dèi minori che nel corso della storia hanno sfruttato gli uomini."

"... Il Dio cristiano di cui parla il Pentateuco pur esistendo realmente non è il buon padre che voleva farci credere, tanto meno è il Dio universale, Creatore di tutto il cosmo. E' solo una delle tante entità che - come molti altri prima di lui - ha cercato di impersonare la grande energia intelligente che ha creato tutto l'universo."

"In questa lotta tra angeli che la teologia ci dice sia culminata con la sconfitta di Lucifero, il grande vincitore è risultato essere il Signore, che a quanto pare era il capo supremo di questa fazione di angeli che dominava sul nostro pianeta. Naturalmente, secondo la nostra teologia in conformità con gli insegnamenti del Signore sul Monte Sinai (e dimostrazioni successive nel corso dei secoli da parte di vari profeti e veggenti), Lucifero deve apparire come il cattivo e Yahweh come il buono. Ma basta usare la testa per rendersi conto come anche nella storia umana i vincitori descrivono e tramandano gli eventi storici a proprio vantaggio, e dipingono gli sconfitti come malvagi, il che ci porta a concludere che forse prima della vittoria di una delle due parti, non esistesse alcuna differenza tra le fazioni in lotta.

"E se Lucifero si comporta come si comportano gli uomini (e probabilmente si comporta in modo simile), è logico che cerchi una rivincita su colui il quale lo sconfisse. E il modo migliore per farlo è cercare di smitizzare Yahweh nelle opinioni dei suoi sudditi, e annullare tutto il lavoro che ha cercato di fare tra gli uomini."

"(...) il modo che ebbe il Signore di manifestarsi al solo popolo ebraico non differisce in sostanza dal modo in cui altri dei in passato elessero altri "popoli", perché - come abbiamo detto - a questi esseri sovrumani piace scegliere una città o nazione su cui concentrano i loro interventi con l'umanità, che ne risulta influenzata positivamente e negativamente, a volte in modo molto attivo e diretto.

"In questo dettaglio, il culto giudeo-cristiano non ha alcuna originalità, come vedremo. E' accaduto che i cristiani, come i credenti di altre religioni, si siano concentrati solo sullo studio dei loro dogmi e riti esclusivi, isolandosi dalle credenze religiose ed i riti degli altri popoli. Dunque hanno sempre ignorato e continuano ad ignorare i fatti storici, i quali sono i soli in grado di seminare dubbi seri circa l'originalità e la validità delle credenze religiose.

A proposito di "popoli eletti."
"La consapevolezza di essere stati 'adottati da un dio' è comune a quasi tutti i popoli antichi, così come lo è la condizione che questo status comportava per ognuno di essi: la necessità di compiere sacrifici di sangue di un tipo o un altro, in cambio di protezione.
"... Molte genti separate da migliaia di anni e di chilometri, hanno professato credenze e rituali simili tra loro, che se analizzati in modo approfondito rivelano una radice comune. Date le peculiari caratteristiche innaturali e illogiche di molti di questi riti e credenze, siamo portati a credere che non siano sorti spontaneamente tra gli esseri umani come offerta ai loro dei patronali, ma siano stati imposti ai terrestri da qualcuno che nei secoli ha mantenuto gli stessi gusti contorti, contraddittori e spesso crudeli.

"Tornando alla fattispecie del popolo ebraico, e lasciando da parte gli altri dèi dei popoli della Mesopotamia, sconcertanti quanto Yahweh, e verso i quali quest'ultimo nutriva una forte gelosia (Baal, Moloch, Nabu, Asherah, Bel, Milcom, Oanes, Chemosh, Dagon, ecc.), possiamo notare una specifica esperienza comminata loro da Yahweh, la quale accomuna il popolo ebraico ad altri popoli, malgrado li separino distanze di circa 10.000 miglia nello spazio e 3.000 anni nel tempo. Mi riferisco al fatto di vagare per molti anni prima di raggiungere una 'terra promessa', dietro specifico mandato da parte del Signore.

Similitudini tra Yahweh e il dio azteco Huitzilopochtli.
"Beh, questa strana e avventurosa richiesta, rivelatasi straziante per il popolo ebraico, denota una serie di sorprendenti analogie con le vicende del popolo azteco. Secondo quanto narrato dalle tradizioni di questo popolo - infatti - circa 800 anni or sono il dio Huitzilopochtli apparve agli aztechi per intimare loro di lasciare la terra di origine e spostarsi verso sud fino a trovare una terra in cui avrebbero veduto 'una aquila divorare un serpente.'

"In quella terra si sarebbero stanziati, per diventare un grande popolo. La terra originaria del popolo azteco corrispondeva probabilmente agli attuali stati USA della Arizona e dello Utah, dunque il loro viaggio verso Tenochtitlan fu significativamente più lungo rispetto a quello compiuto dalla stirpe di Abramo per richiesta del suo protettore Yahweh. Il Cammino dei Figli della Gru (nome con cui l'evento viene tradizionalmente ricordato dalla cultura azteca) fu lungo non meno di 3000 miglia, e si sviluppò attraverso un percorso pieno di insidie, da vasti deserti a zone scoscese e fitte di impenetrabile vegetazione, prove che misero certamente alla prova la loro fede nella parola del dio Huitzilopochtli.

"Il personaggio di Yahweh è molto simile a quello di Huitzilopochtli. 

- Entrambi aspiravano a essere considerati protettivi e paterni, ma entrambi erano estremamente esigenti, inflessibili nelle loro frequenti punizioni, e molto propensi alla ira.

- Entrambi accompagnarono 'personalmente' il pellegrinaggio dei loro popoli, ed entrambi li aiutarono direttamente a superare le molte difficoltà che incontrarono sul cammino. 

- Il Signore accompagnò gli ebrei sotto le spoglie di una strana colonna di fuoco e fumo che illuminava le loro notti, ombreggiava i loro giorni ed indicava la giusta direzione; inoltre intervenne con 'portenti' quali la separazione delle acque del mar Rosso, ecc. Huitzilopochtli accompagnò gli Aztechi sotto forma di uccello, secondo la tradizione una grande aquila bianca che mostrò loro la giusta direzione.

- In entrambe i casi il viaggio durò ben più di qualche giorno o settimana. Nel caso ebraico il Signore lo prolungò con molte deviazioni che fecero durare ben 40 anni lo attraversamento dello inospitale deserto del Sinai (piuttosto che i tre mesi che in realtà quel viaggio avrebbe richiesto). Huitzilopochtli si dimostrò ancora più volubile e sconsiderato nella sua leadership, infatti obbligò i suoi protetti a vagare per due secoli o giù di lì, fino a quando finalmente poterono stabilirsi nei territori occupati dalla attuale città del Messico.

- Entrambi i popoli sono stati indotti a praticare un rito raro come la circoncisione.

- Sia il Signore che Huitzilopochtli richiedevano sacrifici di sangue. Tra gli ebrei questo sangue era di animale, ma tra gli aztechi si trattava spesso di sangue umano (...). Il Signore degli ebrei in un primo momento non ha raggiunto una simile barbarie, sebbene a volte abbia accarezzato l'idea.

"(Nel caso ebraico il vero fiume di sangue fu causato dalle continue guerre che il Signore lo ha costretto ad affrontare. Fiumi di sangue che spesso provenivano esclusivamente dal suo popolo eletto, nei casi - molto frequenti - in cui il Signore 'dirigeva la sua ira contro di loro').

- Sia il Signore che Huitzilopochtli inspiegabilmente si sottrassero ai loro popoli proprio quando avevano più bisogno della loro assistenza. Il Signore - che già in precedenza era sparito per diversi secoli, tornò a farlo con l'arrivo dei romani in Palestina, e Huitzilopochtli fece lo stesso con l'arrivo degli spagnoli nelle Americhe.

- Naturalmente entrambe le popolazioni furono dettagliatamente istruite sul costruire un grande tempio nel territorio dove si fossero stanziate.

- Se tutti questi parallelismi ancora non bastassero, ne abbiamo un altro, il quale devo ammettere suscitò in me una grande impressione quando lo appresi da un ingenuo resoconto fattomi da Fra Diego Duran, uno dei molti monaci francescani che redassero le cronache dei primi giorni della scoperta delle Americhe, sulla base di quanto narrato dagli indiani stessi.

"Il buon frate, nel suo racconto sule credenze degli antenati aztechi, scrisse (ovviamente, con una certa pietà per il paganesimo 'demoniaco' di tali popolazioni) che quando l'intero popolo azteco fu indotto a partire verso sud seguendo la grande aquila bianca, la prima cosa che facevano ogni volta che arrivavano in un luogo era costruire un tempietto ove depositare la arca sacra attraverso cui potevano comunicare con il loro dio.

- Ultimo parallelo: se il Signore degli ebrei ebbe il suo omologo americano in Huitzilopochtli, il Cristo ebraico, figura riformatrice dei comandamenti del Signore, ebbe la sua controparte in Quetzalcoatl, messo di Dio, istruttore e salvatore degli aztechi il quale proprio come Cristo apparve in questo mondo in un qualche modo misterioso, era apparentemente un uomo e lasciò la Terra con modalità altrettanto strane, promettendo di fare ritorno.

Circa la 'superiorità' degli dei.
"Naturalmente, chi conosce il modo di agire degli dei, non può che stupirsi da una simile affermazione di superiorità, in quanto - come vedremo - gli dei in molte occasioni - se non tutte - non si comportarono bene con noi; anzi, si può dire che commisero gravi ingiustizie.

"L'attributo 'superiori', quindi, non va inteso in senso assoluto, ma relativo. Nel sapere, nei poteri fisici e psicologici, ecc. Ma non superiori in bontà o in qualsiasi altro tipo di qualità morale. Indubbiamente anche gli uomini hanno le loro idee su bene e male, bellezza e bruttezza, ecc. Esse tuttavia non corrispondono alle stesse idee  attribuibili agli dei.

"E oltre a questo, certamente anche tra gli dei ci sono coloro che aderiscono a questi principi e quelli che non li rispettano e li violano, dimostrando con ciò che gli dei non sono 'assolutamente superiori' a noi come potrebbe sembrare, ma sono fondamentalmente come noi, creature in continua evoluzione e lungi dall'aver raggiunto la perfezione assoluta.

Estratti da I Figli della Nuova Era

Introduzione - FALSI IDOLI
"La prima cosa da fare è abbattere i falsi idoli, evidenziando gli errori di valutazione che la tradizione ci ha  ciecamente indotti ad eleggere a linee guida della nostra vita, e infine far capire al lettore che molte delle idee che ha considerato fino a oggi serie, anche sacre, sono false e spesso fatali per lo sviluppo della società e delle persone che la compongono. (...)

"Per ironia della sorte molte delle idee e istituzioni che consideriamo più serie come la nazione, la famiglia, la religione, l'onore, la tradizione, ecc. hanno danneggiato la evoluzione degli esseri umani. La loro distorsione le ha trasformate in strumenti di dominio, e sono diventate il ​​più grande freno che l'umanità abbia avuto per il suo miglioramento e per il perseguimento della felicità.

"Queste idee, considerate da noi come qualcosa di bello e positivo, nel lungo periodo e nella vita reale sono gli strumenti principali di divisione degli esseri umani, e di abuso del forte sul più debole.

"Prendiamo ad esempio una di queste idee: la religione, considerata sia nella sua pura ideologia che nella più concreta veste di organizzazione di una setta o religione. Dobbiamo sottolineare che la religione è stata nel corso dei secoli una delle principali cause di divisione e guerra tra gli esseri umani. La natura dello spirito olistico o della nuova Era dell'Acquario in cui stiamo entrando comporterà il rapporto di tutti con tutti e tutto con tutto, l'unione anziché la separazione, la prevalenza della felicità sulle convenzioni, il raggiungimento della pace della mente, lo sviluppo della mente e la evoluzione dello spirito.

"Molte idee tradizionali 'serie' e 'sacre' ci dividono da tutti: ci rinchiudono nei nostri stessi preconcetti, ci separano, ci impediscono di acquisire nuove idee per via nostri pregiudizi; rendono impossibile la visione di nuovi orizzonti, rallentano la nostra creatività e non solo non ci permettono di raggiungere la pace della mente, ma spesso ci rendono infelici.
(...)

"In questa nuova era ci sono molte persone che vivono con la mentalità della vecchiaia: si limitano a seguire i loro leader corrotti che dettano, suggeriscono cosa consumare e a cosa credere.

"Il figlio della nuova era sarà principalmente un uomo dotato di auto-critica, un ribelle contro qualsiasi tipo di imposizione, votato instancabilmente alla ricerca di altri livelli di realtà e di conoscenza.
(...)

Primo Capitolo: AUTO-RIVALUTAZIONE

Siamo stati mortificati.
"Devo iniziare a scrivere sulla nuova era e difendere e ridefinire il suo protagonista: il genere umano. Perché devo farlo? Perché gli esseri umani negli ultimi millenni sono stati vilipesi e mortificati da tutte le religioni che sono esistite, anche quelle che pretendono di sostenere la dignità dell'uomo e della donna. Nel cristianesimo, ad esempio, l'essere umano non è solo un uomo o una donna. Spesso quando i libri di teologia ascetica si riferiscono ad esso lo definiscono 'peccatore', come se l'essenza della sua natura sia fondamentalmente errata, al punto che non meriti di ottenere altro titolo.

"Anni fa scrissi ne La Mia Chiesa Addormentata: "Un buon cristiano è un uomo spaventato." Se si crede ciecamente a tutti i dogmi che la Chiesa predica in relazione allo aldilà, assume perfettamente senso il fatto che uno sia pieno di paura del fuoco eterno.

"Un buon cristiano è almeno un essere cosciente di sé: un essere che senza alcuna colpa è un trasgressore della legge, che soffre di una malattia e deve morire inesorabilmente non perché abbia commesso un peccato, ma perché tale peccato risiede in lui in forma innata non appena nasce su questo mondo ... Non si tratta di ragioni sufficienti per atterrire una persona?

"Per adesso ci limitiamo a tali considerazioni circa la religione; in seguito analizzeremo in modo approfondito la nostra auto-rivalutazione attraverso tutti i principi religiosi della nuova era. In questo momento dobbiamo solo cercare di scrollarci di dosso il giogo mentale cui ci hanno sottoposti in età pediatrica, mediante lo inculcamento di false credenze, e con una tale forza che persistono nella vita adulta di molte persone.

"Dobbiamo respingere categoricamente l'affermazione che siamo peccatori per natura. Siamo esseri umani razionali con istinti, intelligenza, passione, limiti, paure e capacità, gran parte delle quali ricevute alla nostra nascita senza che le avessimo richieste. Quindi abbiamo bisogno di non sentirci colpevoli o peccaminosi, come i predicatori cristiani hanno detto per secoli.

"Questa liberazione mentale è qualcosa di fondamentale per incominciare una rivalutazione di se stessi, in quanto un simile scopo è irraggiungibile se prima non estirpiamo dalla nostra mente tali sentimenti negativi e distruttivi. Non siamo peccatori per natura, nessuna punizione eterna ci attende, siamo entrati in questo mondo senza peccato e non abbiamo bisogno che qualcuno ci salvi e ci redima. In realtà la nostra essenza è immortale e abbiamo di fronte un futuro inimmaginabile.

"Ribelliamoci anche alla idea che questo mondo sia una valle di lacrime e che nasciamo in esso affinché attraverso la sofferenza possiamo ottenere una vita futura. E' vero che molti aspetti fanno di questo mondo una valle di lacrime e di miseria, ma ciò è dovuto in gran parte non all'essenza o alla natura dell'uomo, ma alla sua scarsa evoluzione, per cui non rispetta le leggi della natura, e molti di coloro che occupano posizioni di privilegio ne abusano per il proprio tornaconto.
La razza umana ha speso troppa energia per adorare divinità immaginarie, omettendo di dedicarsi al proprio stesso miglioramento.

"Se gli sforzi profusi per costruire migliaia di templi consacrati a varie dottrine, soffocare i nostri istinti naturali nel giuramento di povertà, castità e obbedienza, scrivere e studiare volumi sulla virtù, i peccati, i sacramenti, il paradiso e l'inferno chimerico e combattere coloro che non avessero la nostra stessa idea di Dio, la razza umana a questo punto della storia sarebbe molto più sviluppata e non ci troveremmo di fronte a questo quadro desolante di formiche tristi che follemente sgomitano per una briciola di pane.
(...)

Secondo Capitolo - IL RICHIAMO DELL'AUTORITA'

Il potere e i suoi pericoli.
"Gli esseri umani soffrono di un eccesso di autorità. Inoltre, di pessima autorità. Se la razza umana fosse stata ben diretta e ben organizzata, questo pianeta non sarebbe diventato ciò che è.
(...)

Un modo di ribellarsi alla autorità?
"Perché in un libro riguardante la nuova era - in cui dovrebbero essere illustrati punti di vista piuttosto positivi circa il futuro - dobbiamo parlare di autorità politiche? Perché la nuova era inizia ora, in una epoca in cui le autorità politiche continuano ad influenzare le nostre vite da molti punti di vista. Con le loro decisioni sbagliate e la enorme manipolazione esercitata attraverso i media, ci impediscono di progredire verso quella condizione evoluta alla quale tutti tendono naturalmente. Restiamo ogni giorno storditi dalle loro polemiche ed i loro piccoli giochi dialettici senza fine, con cui ci privano della tranquillità per poter riflettere sul punto di svolta che stiamo vivendo.

"Questo è il motivo principale per cui dovremmo rivalutare la funzione delle nostre autorità. Fino ad oggi molte persone di buona volontà hanno avuto fiducia in loro e creduto a ciò che prescrivevano fosse buono e sano. Ma alla luce della storia non solo recente, ma di tutti i tempi, dobbiamo concludere che coloro che governano, per il fatto stesso che comandino sono molto propensi alla corruzione. Come visto in precedenza, è il potere in se ad essere corrotto, e quindi dobbiamo essere molto cauti nei confronti di chi detiene un certo potere.

"Sto auspicando una ribellione contro le autorità? In un certo senso, sì. Non una ribellione armata e violenta, ma una ribellione di sentimento e di pensiero. Hanno portato allo sfascio la società, e ci hanno resi complessati, manipolandoci e impedendoci l'evoluzione, quindi dobbiamo ribellarci a loro usando tutto ciò che è nelle nostre mani. (...) Sfortunatamente a causa della enorme manipolazione a cui la società è sottoposta da parte dei media e del governo, con l'ausilio incosciente ed avido di coloro i quali controllano i giornali, le radio, le televisioni, la grande massa non riesce a realizzare quanto sia manipolata mentalmente, e sono pochi quelli davvero consapevoli, che agiscono per resistere.

"Ma il vero atto di ribellione è interiore. Consiste in una ferma decisione a non farsi più manipolare dalle linee guida con cui ci dicono a cosa credere, come vestire, cosa leggere. Dobbiamo stare in guardia contro i mille inganni con cui i detentori del potere continuano a persuadere o influenzare le nostre menti.

"Dobbiamo lavorare nell'atto supremo di pensare con la nostra testa e di agire in funzione di quanto abbiamo pensato, anche se le autorità ci dicono di fare il contrario.

"Per riassumere questo capitolo complesso possiamo dire che gli uomini e le donne della nuova era saranno molto meno soggetti ai condizionamenti esterni che fino ad oggi hanno governato la società. Perché la verità è che i potenti hanno governato male e che le cose sono precipitate fino allo stato disastroso in cui si trovano, anche grazie agli eterni ottimisti che ci accusano di vedere il mondo con negatività e pessimismo.
(...)

Settimo Capitolo - ALTRI LIVELLI DI REALTA'

Altre entità.
"Si potrebbe dire molto circa le manifestazioni di entità non umane, in quanto ne esistono di molte specie. D'altra parte, si può dire molto poco specificamente su ciascuna di esse. Se tuttavia si studiano senza pregiudizi le loro molteplici forme attraverso i secoli possiamo trarre alcune conclusioni le quali ci avvicinano alla realtà dei fatti.

"La prima cosa che voglio dire è che queste entità sono molto varie; mentre alcune danno la impressione di essere mosse da intelligenze altamente sviluppate e da un grado evolutivo molto più elevato del nostro, altre non sembrano superare di molto in intelligenza i grandi primati. I primi agiscono mentalmente, mentre i secondi operano principalmente attraverso manifestazioni fisiche.

"D'altra parte oggi possiamo affermare che tanto maggiore è il grado di evoluzione di queste intelligenze, tanto minore risulta il loro grado di interferenza nella vita degli esseri umani. Più sono coinvolti, meno sono evoluti.

"Un'altra cosa che possiamo dire è che molto spesso tendono a trattarci come noialtri trattiamo i nostri bambini o gli animali, e tale potrebbe essere la ragione principale per cui ci 'mentono' quando si manifestano. 

"Inoltre, siamo giunti alla conclusione che la maggior parte di essi giunge con l'intenzione di ottenere qualcosa dagli esseri umani, sebbene dissimulino l'intento in molti modi. Ciò che cercano negli uomini è preferibilmente la energia prodotta dalle loro menti, specialmente quella che viene prodotta dalle forti emozioni. Nel cosmo tutto è energia, e la nostra mente è in grado di produrre energie molto sottili che sembrano essere molto piacevoli per queste entità superiori. Alcune di esse non sono così superiori; si alimentano dalla specie umana e di animali in modo materiale, come ho scritto nel libro La Minaccia Extraterrestre.

"Sebbene difficili da digerire, queste idee sono supportate da molti fatti purtroppo ancora ignoti - anche per un fatto di pregiudizio - alla maggior parte degli intellettuali. E anche se il buon senso è riluttante ad ammettere queste cose, lo stesso buon senso ci suggerisce che l'uomo non può essere la creatura più perfetta e intelligente dell'universo, perché una simile eventualità abbasserebbe di molto il livello generale di intelligenza di tutto il cosmo.  

"I figli della nuova era da un lato sono aperti a queste realtà, ma dall'altro non si lasciano irretire dalle trappole infantili in cui oggi molte persone cadono, di fronte a questo complesso mondo spirituale, come fosse un gioco. La realtà è che si tratta di un gioco molto pericoloso, in cui molti hanno perso la salute mentale e persino la vita.

"La prima consapevolezza di un figlio della  nuova era è che simili entità esistono, e che il cammino della storia umana è stato e continua ad essere dominato da esse. Non altrettanto accade, non in egual misura, con la vita privata della maggior parte dei esseri umani.

"La seconda consapevolezza è quella di resistere alle manipolazioni dei leader della società, inconsciamente manipolati da tali entità, vere padrone del mondo. Da qui l'importanza di utilizzare la propria intelligenza e smettere di seguire pedissequamente linee guida tracciate da altri.

"La terza consapevolezza è difendersi nel caso raro in cui la propria vita sia minacciata dalla presenza di una di tali entità. Il modo migliore per difendersi è non invocarle in alcun modo, come fanno oggi molte sette ignoranti. Migliaia di persone peccano di eccessiva spregiudicatezza. Sono state tratte in inganno da insegnanti ignoranti che li inducono a cercare il contatto con "guide superiori", basandosi sul falso presupposto che queste linee guida siano utili, quando in realtà non lo sono, almeno nella misura in cui lo dicono. Mi riferisco alla pratica della cosiddetta 'canalizzazione' che ha molti aderenti negli Stati Uniti, e che può condurre ad essere pienamente e volontariamente al servizio di alcune entità ignote. 

"Come minimo la canalizzazione genera una dipendenza che schiavizza l'individuo. E se è vero che allo inizio tale pratica può infondere alcuni benefici (come l'apertura mentale e una specie di chiaroveggenza), questa dipendenza è in ultima analisi dannosa per la salute umana.  

Rapporti tra religione ed entità aliene.
"Molte di tali entità per ottenere i loro scopi si presentano sotto il manto della religione, di solito inculcando credenze negli umani con cui entrano in contatto. Possiamo affermare con certezza che tutte le religioni, senza eccezione, sono solo il mezzo di comunicazione con cui tali intelligenze si sintonizzano con le menti ed i sentimenti degli esseri umani.

"Ho scritto molto circa questo argomento (Difendiamoci dagli Dei!, Israele, un Popolo Contattato, ecc). In questa sede mi limito a dire che se studiamo a fondo e senza pregiudizi tutte le religioni, riscontriamo che per quanto attirino la attenzione ed attraggano seguaci attraverso una serie di principi di facciata quali fratellanza, amore, ecc, sotto la facciata le loro pratiche si concentrano su cose che appaiono molto strane e intriganti per la mente umana. Ad esempio, spesso richiedono sacrifici di sangue, e alcune di esse sono molto crudeli nelle loro esigenze, fino al punto di pretendere la morte non solo di animali ma anche di persone.

"Nel cristianesimo tutto ciò è sublimato, ma per il resto troviamo che la redenzione della umanità è incentrata sulla sanguinosa uccisione di un uomo-dio giustiziato su una croce. Senza contare il numero infinito di morti che i cristiani stessi hanno causato con lo intento di diffondere e difendere le proprie idee.

"A volte le manifestazioni di questi altri livelli di realtà non sono collegate ad eventi religiosi, ma allo operato alieno e a ciò che oggi denominiamo UFO. Oggi la polemica continua ad essere incentrata sulla questione se il fenomeno esista o meno, quando da tempo ormai dovrebbe essere incentrata sulla natura delle intenzioni dei soggetti che equipaggiano tali dispositivi misteriosi.

"Tutto ciò non accade per tre motivi: primo, perché si tratta di un tema rivoluzionario, che potrebbe scioccare molti, in quanto la mente umana potrebbe violentemente rifiutarsi di prenderne atto. Una simile resistenza intellettuale si verificherebbe perché tale nuova consapevolezza provocherebbe il crollo di molte teorie su cui si basa la scienza ortodossa e molti principi tradizionali che governano la vita umana.

"In secondo luogo perché esiste un grande interesse da parte dei potenti che governano il mondo, che la gente resti all'oscuro della verità. Le piccole autorità locali non fanno altro che seguire le linee guida che sono dettate loro allo scopo di sedare tutte le voci che possano elevare la consapevolezza del fenomeno.

"E in terzo luogo gli stessi esseri o intelligenze celate dietro l'intero fenomeno, con il loro enorme potere sulla psiche umana, cercano in ogni modo di dissimulare il loro soggiorno tra noi. In diverse occasioni io stesso ho visto i metodi drastici che utilizzano, loro ed i loro alleati umani, per mettere a tacere i testimoni potenzialmente pericolosi.

"Esistono, infine, altre entità che non appaiono in relazione con fenomeni religiosi, né con apparizioni UFO, né con apparizioni spettrali. Abbiamo detto che esistono molte varietà di entità, e che le disuguaglianze possono essere enormi, tanto diverso è il loro modo di agire ed interagire con gli esseri umani.  

Tipi di entità.
"Altre verità che nel tempo abbiamo imparato a conoscere circa queste entità, è che molte di esse sono  in realtà originarie del nostro pianeta ed esistono su di esso probabilmente da molto tempo prima che l'uomo facesse la sua apparizione. Altri possono invece giungere in visita da diverse parti della nostra galassia, e non sono per niente ostacolate dalle enormi distanze che ci separano dai loro pianeti d'origine. 
La specie umana è il frutto di una serie di esperimenti genetici da essi compiuti nel corso del tempo.

"Tutto ciò continua a manifestarsi regolarmente anche oggi, dunque possiamo basarci su una quantità enorme di prove (vedi La Minaccia Extraterrestre). Tutte le religioni, senza eccezione, sono state create da loro. A tal fine si sono affidati ad uomini appositamente addestrati per supportarli nel compito. A molti di questi uomini sono stati conferiti poteri che li resero in grado di fare ciò che la religione chiama 'miracoli.'

"Alcuni esseri umani hanno un rapporto speciale con alcune di queste entità, e perciò sono aiutati a fare cose che altri umani non possono fare. Viceversa, altri esseri umani sono danneggiati da alcune di queste entità, senza sapere perché e senza riuscire a liberarsi della loro influenza maligna.

"Esistono troppi esseri umani che hanno un facile accesso a simili altri livelli di realtà. Molti si presentano come  visionari, alcuni come malati mentali, alcuni sono solo scrocconi che approfittano della credulità degli ingenui. Molti guaritori o curanderos (con l'imposizione delle mani o qualsiasi altra tecnica) sono persone che, consciamente o meno, sono legati ad alcune di queste entità, che a loro volta traggono da loro un qualche profitto.

"Infine, si può affermare che molte entità abbiano un perverso senso dell'umorismo, specie nei confronti degli ingenui e dei creduloni. Quanto più lontani ci manterremo da queste relazioni trascendentali tanto più saremo al sicuro dai mali di queste entità. E - un ultimo consiglio - mai accettare suggerimenti da parte loro che si traducano in attività chiaramente contrarie ai normali interessi degli esseri umani.

Ottavo capitolo: PACE INTERIORE ED ESTERIORE

Evoluzione = Pace.
"La pace interiore è una conditio sine qua non per la evoluzione dell'anima. Senza di essa non è possibile alcuna ascensione. E' vero che anche le tribolazioni possono condurre alla evoluzione, ma solo quando  si risolvano con uno stato di pace. Senza la generazione della pace resta solo la disperazione. Ma uno stato di pace non conduce automaticamente alla elevazione della anima. La pace è una condizione. Abbiamo bisogno di altri elementi per giungere a questa evoluzione.

"Senza la pace la meditazione è difficile, se non impossibile. La pace crea una palestra speciale nel cervello, e questo stato fisico a propria volta contribuisce a creare la pace.

"Nella storia umana non ha mai regnato una piena pace. Guerre di ogni genere hanno riempito la vita delle nazioni e della umanità in generale. Non sappiamo vivere in pace. Tutto ciò stimola una domanda logica: come è possibile? Cos'è che rende l'essere umano incapace di vivere in pace e con se stesso o con altri? La risposta va ricercata nella psicologia umana e più specificamente nelle ombre che manipolano la psiche umana. E qui ancora una volta dobbiamo ricorrere a ciò che abbiamo detto nel capitolo precedente, che è la chiave per spiegare la storia dell'uomo e della vita stessa. Molte organizzazioni non nutrono interesse affinché l'uomo impari la pace, perché un uomo in pace con se stesso è molto meno influenzabile dai loro suggerimenti e dalla loro interferenza, e anche la sua mente in uno stato pacifico non genera onde di qualche utilità per loro.

"Quando un uomo è in pace riesce ad essere ermetico come una fortezza. Non si può penetrare facilmente perché tutte le sue energie sono orientante verso l'interno. Inoltre, quando il cervello è in pace produce onde che lo rendono ancora più forte e invulnerabile. Si chiamano onde alfa e sono generate dal cosiddetto "stato alfa", il quale è un prerequisito essenziale per generare onde ad altissima frequenza che sono una parte onnipotente della intelligenza e dello inconscio individuale, in grado di connettersi con la saggezza del cosmo. Queste onde hanno il potere di guarire gli altri e produrre auto-guarigione in colui il quale le produce, e sono la chiave per spiegare buona parte delle guarigioni paranormali.

"La evoluzione a cui abbiamo accennato in diverse occasioni e che ha a che fare con la pace della mente, è il fine ultimo o lo scopo della vita umana su questo pianeta.

Nono capitolo - REVISIONE DELLA RELIGIONE

Difficoltà.
"E' difficile analizzare ed esaminare spassionatamente i principi religiosi per coloro che hanno vissuto la loro fede fin dalla infanzia, perché si tratta di una struttura ormai radicata che si aggrappa tenacemente al fondo della nostra psiche e intorpidisce la mente. Quindi chiediamo al lettore di fare uno sforzo per mettere da parte tutti i pregiudizi e dare uno sguardo spassionato a determinati aspetti della propria religione.

"Esaminiamo prima gli effetti di tutte le religioni. Le credenze religiose possono aprire la mente in relazione a certe verità, ma finiscono per isolare da tutti coloro i quali siano in disaccordo con tali convinzioni. In breve, ci si trasforma in fan. È interessante notare come il sostantivo 'fan' significhi 'colui che va al tempio' (dal latino fanum=tempio ), invece di colui che è pro-fanum (fuori del tempio).

"Alcuni di questi tifosi vivono la loro fede così rigidamente da diventare santi. Di questi, quelli che percorrono la strada dell'amore sono ancora accettabili, sebbene anche un tale sentimento passando per il rigore religioso rischia di diventare mostruoso. Ad esempio San Domingo de Guzman, fondatore dell'Ordine dei Predicatori, meglio conosciuto come ordine dei Domenicani, organizzò l'Inquisizione europea e si rese responsabile della morte di migliaia di "povere" streghe.

"Questa produzione di fanatici avviene in ogni religione, sebbene alcune siano più virulente di altre. Nel corso dei secoli il fanatismo religioso ha generato in tutto il mondo ed in tutte le nazioni innumerevoli vittime. Questo continua ad essere molto contraddittorio per le relative istituzioni che da sempre parlano di amore e fraternità tra gli uomini. Bisogna considerare inoltre l'isolamento che segrega i fedeli religiosi. Il genere umano finisce per suddividersi in numerose fazioni, alcune delle quali completamente isolate da tutte le altre.

"In alcune sette vige perfino il divieto di intrattenere qualsiasi tipo di relazione con persone di altre fedi. A dimostrazione non è necessario spingersi fino in Mongolia, India o Manciuria, in cui interi villaggi e caste vivono completamente isolati per via della loro religione, ma è sufficiente leggere la nostra Bibbia, dove troviamo uno Yahweh che proibì al proprio 'popolo eletto' di interagire con gli Amorrei e i peccatori Cananei. Non solo, ma giunse ad ordinare loro di essere cattivi nei loro confronti e di sterminarli senza risparmiare nessuno, compresi i bambini.

"E non dimentichiamo che questo stesso Yahweh era ed è ancora il Dio del Cristianesimo.

"L'isolamento e la separazione dovuti alla religione producono ciò che possiamo constatare personalmente. Di fronte a una religione marocchina o tunisina musulmana ci sentiamo diversi. Sentiamo qualcosa di profondo che ci separa da loro, non importa se si tratti di persone per bene. Troviamo che in fondo non abbiamo nulla a che fare con loro.

La religione trabocca di tabù per l'anima.
"Un altro risultato delle religioni è che se da una parte alleggeriscono l'anima mediante la promessa di una vita dopo la morte, dall'altra la riempiono di minacce di punizioni eterne e terribili se la persona manchi di osservare una serie di precetti di vita. Questa seconda condizione ha un peso maggiore nelle menti di molti cristiani, con il risultato che tanti fedeli hanno speso le loro esistenze terrorizzati dalla paura della morte e di ciò che sarebbe potuto accadere alle loro anime.

"Nel Medioevo, monasteri e conventi erano pieni di gente che rinunciava a vivere in modo normale, terrorizzata dallo spauracchio della dannazione eterna e dei racconti con cui molti clericali si crogiolavano nel descrivere un dio terribile e vendicativo, cioè il Signore dello Antico Testamento. Ritirandosi in monasteri e conventi si isolavano non solo dalla società, ma dalle rispettive famiglie. Le parole del fondatore del cristianesimo, ripetute rigorosamente dai predicatori, risuonavano nelle loro orecchie:
"Chiunque mi segua, lasci suo padre e sua madre ..."

"In breve, le religioni - anche se estemporaneamente, isolatamente, parlano di amore - finiscono per riempire l'anima di paure e complessi, chiudono la mente e non permettono agli esseri umani di godere di molte cose buone del mondo.

"Secondo la dottrina cristiana le cose migliori della vita sono peccaminose, ed in tutte le religioni si identificano il sacrificio, la rassegnazione, la mortificazione dei sensi, la penitenza, i voti, la morte sociale e perfino la tortura come moneta comune gradita a Dio. E' vero che a tutto ciò corrisponde la consolazione della promessa di un aldilà, ma di certo le religioni non aiutano a superare il dolore, né a dare una visione ottimistica della vita. Non hanno nulla da dare qui e concentrano tutta la loro dottrina sulla vita ultraterrena.

Religione: la Somma Strategia.
"Ora dirò qualcosa di fondamentale circa la religione, che si collega con ciò di cui abbiamo trattato nel capitolo sugli altri livelli di realtà. Si tratta di qualcosa che spiega il mistero della religione e che, sebbene sia difficile da ammettere, è la chiave per interpretare le stranezze denotate dalle religioni di tutte le culture, di tutte le età e di tutte le latitudini.

"Più che agli uomini la religione serve ai "signori del mondo", cioè i soggetti a cui abbiamo accennato nel capitolo precedente, quando abbiamo parlato di intelligenze aliene che ci controllano occultamente. Le religioni sono in realtà una strategia formidabile che costoro hanno usato per tre scopi:

1- Per tenerci disuniti, così che usassimo tutte le nostre energie nei conflitti tra di noi.
2- Per fomentare le guerre, dalle quali alcuni di essi traggono grandi vantaggi.
3- Per sintonizzare le nostre menti in modo tale che si concentrino su una particolare idea, perché molti di loro sono molto interessati alle onde cerebrali prodotte da alcuni nostri stati d'animo.

"Di questo ho già scritto a lungo in Difendiamoci dagli Dei! perciò non mi soffermerò sulla questione.

"Il vecchio motto divide et impera è una perfetta applicazione di questa strategia. Nessuno può negare che le religioni nel corso della storia siano state la fonte principale di guerra e discordia. Predicare l'amore (ma solo tra coloro che la pensano come loro) e fare la guerra (contro coloro che non la pensano come loro). Questo è un paradosso che dovrebbe far riflettere qualsiasi persona pensante.

"Se l'umanità avesse speso per migliorare le proprie istituzioni e il proprio progresso le stesse energie dedicate alla costruzione di templi e alle guerre religiose, oggi la specie umana non si troverebbe al livello in cui è.

Ridiscutere le convinzioni.
"In questa rivalutazione del concetto di religione, i figli della nuova era potranno riflettere sulle loro convinzioni e scoprire le contraddizioni in esse celate. Alcune di esse sono state appena citate, ma in realtà ne esistono molte altre, che il lettore dovrà scoprire da sé. Potrebbe iniziare ad esempio dal concetto di dolore, o dall'idea della incarnazione della Divinità e dell'umanizzazione di Dio, oppure da quella della verginità della madre di un uomo-dio, dai sacrifici pretesi, e così via.

"E sono perfino contraddittorie nei loro stessi specifici comandamenti e rituali. Un figlio della nuova era dovrà ripensare concetti propri del cristianesimo quali l'eterna dannazione in cui dovrebbe incorrere tutta la umanità che non crede o non agisce secondo i crismi cristiani. Un figlio della nuova era dovrà avere il coraggio di superare tali preconcetti e non temere di rapportarsi liberamente con l'aldilà.

"Il cattolicesimo è stato l'esempio perfetto del genitore iperprotettivo che a forza di difendere i propri figli da ogni pericolo ha finito per trasformarli in imbecilli incapaci di difendersi o pensare con indipendenza. Le autorità ecclesiastiche non simpatizzano con chiunque osi discutere i misteri della fede. I fedeli devono limitarsi ad ascoltare e credere in ciò che viene loro detto. Quindi, a rigor di logica dovrebbero proibire la lettura della Bibbia, perché essa può causare il crollo della fede di chiunque rifletta sulle sciocchezze che contiene.

"Si può certamente garantire che le credenze indotte da qualsiasi religione siano un insulto alla intelligenza umana. Il guaio è che pochissimi - anche tra le persone istruite - denotano il coraggio di fare una revisione critica dettagliata di tutte le loro credenze.

I comandamenti della Nuova Era.
"Quindi, perché ci votiamo alla religione? La religione è un insieme di verità rivelate che ci permettono di raggiungere la salvezza e liberaci dalla punizione eterna? La risposta è: no!

"Può darsi che un tempo le religioni fossero necessarie perché gli uomini antichi non si spiegavano il rombo di un tuono, o il motivo per cui ogni mattino il sole si levasse. Oggi però abbiamo maturato abbastanza sapere da non avere più bisogno di certi concetti. L'unica vera religione sarà sempre la forza dell'amore e della giustizia, del dare a ciascuno ciò che gli spetta, del rispettare i diritti degli altri e avere un cuore aperto e generoso verso chiunque. Tutto il resto non sono che inutili orpelli e strumenti di controllo. Dobbiamo promuovere un'idea d'amore e giustizia che non sia monopolizzata da chi afferma di rappresentare Dio. Tutti noi rappresentiamo Dio.

"Tutto ciò comporterà la perdita di ogni buon valore? Falso. Conosco molte persone che non praticano alcuna particolare religione e che sono persone fantastiche, e cristiani molto fanatici e molto ingiusti verso chiunque ritengano di non incontrare nel 'regno dei cieli.'"
---

-----

Grazie all'amico Giorgio, per il suggerimento..

11 commenti:

  1. Grazie per aver condiviso il pensiero di questo autore che non conoscevo. Concordo ampiamente con buona parte delle affermazioni.
    Bisogna tuttavia fare una distinzione chiara tra le religioni e le varie tradizioni sapienziali dell'umanità quali l'Advaita Vedanta, il Taoismo, il Chan, lo Zen, il Sufismo, la Gnosi Ermetica, ecc. Se le prime hanno lavorato per tenere l'essere umano nella paura, nei sogni dogmatici e nell'ignoranza, le seconde hanno da sempre lavorato per risvegliarlo alla propria vera natura, sempre ammonendolo di fronte ai pericoli ed alla confusione del piano psichico-astrale, popolato da quelle "simpatiche" entità di cui parla Freixedo. Bisogna comprendere che c'è un'enorme differenza tra Spiritualità e spiritismo. Non cesserò mai di evidenziarlo! :-)
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  2. piccola obiezione. anche le dottrine che citi tendono in qualche modo a codificare una serie di concetti essenziali, a fornire quindi degli indirizzi su come approcciarsi alla esistenza, eleggendosi a intermediarie tra l'individuo e il trascendente, seppure in modo diverso rispetto alle religioni dominanti. da questo punto di vista il 'generalismo' di freixedo secondo me è plausibile. si tratta comunque di interferenze su un percorso spirituale che per essere reale deve essere autentico, e per essere autentico deve essere incontaminato. di conseguenza (parere personale) meglio diffidare da dottrine e verità assolute di seconda mano, perlomeno fino a quando non si è abbastanza maturi da realizzare che le verità rivelate dal nostro prossimo, chiunque esso sia, sono solo strumenti, spunti per ricercare la nostra personale verità.
    a presto

    RispondiElimina
  3. E' tutto quello che ho sempre pensato

    RispondiElimina
  4. Ciao Viator, l'autore non lo conoscevo ma esprime quello che io sento e penso.
    Ho avuto delle esperienze ( a momenti ci lascio le penne) che mi hanno portato a questa conclusione. Spero un giorno di conoscere la Verità, per ora mi attengo al principio di don Juan Matus: l'universo è pieno di predatori, credi a tutti e non credere a nessuno, Questo mi sta salvando

    RispondiElimina
  5. Tutto questo incarna esattamente il progetto del NWO di matrice luciferina di demolire ogni Tradizione in nome di una religione universale fatta di "amore" e "pace". Eravamo stai avvertiti che avrebbero dato nomi di cose buone a cio' che buono non e'...

    RispondiElimina
  6. @Viator:
    Queste dovrebbero essere le basi di ogni ricerca: coltivare il dubbio, essere critici rispetto a tutte le tradizioni e rispetto a se stessi, cercare l'autenticità e soprattutto, praticare l'auto-indagine che è senza dubbio la pratica più semplice (anche se non facile) per la realizzazione di ciò che siamo realmente.
    Purtroppo invece tanti seminatori di ignoranza richiedono solo fede, obbedienza, accettazione del mistero, ecc. D'altronde comunque se non ci fosse ignoranza non ci potrebbe neanche essere risveglio. Dunque anche i falsi maestri, che pullulano in ogni dove, hanno il loro ruolo. :-)
    Secondo me è comunque utile ispirarsi a testi del passato. L'importante è che i testi a cui ci ispiriamo rispettino quei primi punti che ho elencato. Potrete constatare come applicandoli si fa già una bella scrematura... :-)

    RispondiElimina
  7. ...Tra gli ebrei questo sangue era di animale,...

    Alt, errore, gli ebrei antichi e poi per molto tempo ancora, praticarono sacrifici umani (che tra l'altro è il titolo di un ottimo libro che consiglio a tutti, di John Kleeves)e, certamente qualche frangia estremista li praticò durante il medio evo. Vedetevi a tal proposito il libro "Pasque di sangue" che si trova sul sito di Gianluca Freda nella sezione - libri proibiti. Se poi avete un bibbia (Antico Testamento) leggetevi il passo Samuele II, 21; io lo faccio leggere sempre ai testimoni di geova quando mi importunano a casa.
    Ne segue poi un giusto invito a vergognarsi, e tanto.

    RispondiElimina
  8. Articolo molto interessante, grazie.

    Sulla Bibbia e sulle sue assurde contorsioni nei secoli, consiglio i libri e i video di Mauro Biglino (youtube).

    RispondiElimina
  9. Grazie per avermi fatto conoscere questa persona e questo autore. Come ha detto l'altro anonimo, "è tutto quello che ho sempre pensato". Mi fa sempre piacere trovare persone così, luci meravigliose immerse nell'orrore del sistema. E belli anche i commenti. Riguardo a quanto detto da nonduale e viator, credo che Freixedo si riferisca alle religioni principali, quelle per le masse, perchè proprio dell'energia delle masse si nutrono questi "dei". Ci sono poi correnti come il sufismo o il tao, che sono tradizioni esoteriche più che religioni, e che a mio parere tramandano diverse verità, per quanto la verità possa essere espressa a parole. Si possono trovare i libri di Freixedo in italiano? Ho fatto una rapida ricerca ma nisba...
    Davide

    RispondiElimina
  10. @ davide ... a quanto pare i libri di freixedo (quelli in spagnolo) sono diventati pezzi da collezione. di edizioni in italiano al momento nemmeno l'ombra. ciao e grazie del commento

    RispondiElimina
  11. Grazie Viator, lo sospettavo. Purtroppo viviamo in un mondo ben strano, in cui si pubblicano giornalmente una marea di scritti inutili, mentre libri importanti come quelli di Freixedo vengono ignorati... Anyway, approfitto dell'occasione per dirti che seguo da tempo questo blog, e che mi hai dato molti spunti interessanti. Continua così ;)
    Davide

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE