12 agosto 2012

Giganti: Mito o Verità?

taglie umanedi S. Todisco

Le notizie di alcune “fortuite scoperte archeologiche” effettuate in India nel 2004, hanno riportato l’attenzione sul tema dei Giganti dell’antichità. Le foto dei giganti indiani sembravano autentiche, ma gli autori della bufala (la redazione di Hindu Voice) hanno poi confessato il falso. Insomma, un abile tecnico di programmi di fotoritocco potrebbe riprodurre immagini di scavo in cui vengono trovati scheletri giganti ripuliti da addetti ai lavori minuscoli come lillput.

Le burle riportavano notizie di tavolette iscritte con un passo del poema epico indù Mahabharata, datato al 200 a.C. circa, in cui i giganti si cimentavano in una lotta contro gli dei, una vera e propria gigantomachia. Le foto degli scheletri propongono soggetti di inimmaginabili dimensioni. National Geographic (divisione per l’India) si era subito dissociata da tale notizia ritenendola evidentemente falsa e ha chiarito che si trattava di uno scherzo dei colleghi indiani. Ma, anche se questa si è rivelata una beffa, l’epica e i testi sacri parlano più volte dei giganti dell’antichità.

La foto di un presunto “scheletro gigante” trovato in India

Femore proveniente presumibilmente dalla Mesopotamia al  Blanco Fossil Museum, USA

Le Fonti Bibliche sui Giganti
“In quel tempo vi erano i giganti (nephilim) sulla terra e ve ne furono anche dopo che i figli di Dio si erano uniti alle figlie degli uomini e da queste nacquero loro dei figli.” (1)

È il più celebre passo biblico che parla di giganti ma non l’unico. Qui il libro della Genesi narra l’incipit della vicenda di Noè, conclusasi col diluvio universale e con la morte di tutti coloro che non erano della sua famiglia, compresi i giganti. La parola “nephilim” indica letteralmente “i caduti” come a indicare una stirpe dalle caratteristiche ultraterrene a metà tra uomini e dei. Uomini di dimensioni fuori dal comune ritornano in altri passi biblici come in quello in cui Mosè manda esploratori nella Terra Promessa:
“…e tutta la gente che vi abbiam veduto è di grande statura; vi abbiamo visto anche i giganti, i figli di Anac che sono della razza dei giganti. Di fronte a loro ci pareva di essere delle locuste e noi tali sembravamo a loro." (2)
Il passo fa riferimento alla discendenza di Anac, primo accenno a una discendenza di giganti causata da un’eredità genetica mentre per una notizia di tipo etnico sul gigantismo vi è il passo:
“…prima vi abitavano i Refaim, che gli Ammoniti chiamavano Zamzummin, popolo potente, numeroso e di gigantesca statura, come gli Anachiti.” (3)
Le caratteristiche fisiche dei giganti fanno parte di determinati popoli (i Refaim e i già citati Anachiti) come se fossero prerogative etniche risapute.

Golia appare come il gigante biblico più famoso, nominato nel libro di Samuele come eroe dei Filistei:
“…era alto sei cubiti e una spanna…” (4)
Viene fornita per la prima volta una quantificazione della statura di un gigante: fra i 2,5 e i 3 metri, altezza davvero considerevole. È citato anche un altro gigante filisteo come Golia, della stirpe dei Refaim:
“…di grande statura, aveva sei dita per ogni mano e piede…della stirpe di Refaim…” (5)
Il passo si conclude con la sua uccisione per mano di Gionata e con l’annientamento dei giganti di Refaim ad opera di Davide e dei suoi soldati.

I Giganti nei Miti Nordici e Classici
I miti norreni e germanici parlano di Ymir come del primo gigante. Esseri che popolavano alte catene montuose e spelonche inaccessibili a distanza dal mondo degli uomini. Spesso imparentati con gli dei erano in conflitto con le divinità e si dividevano in due tipi: giganti di fuoco e giganti di ghiaccio.

Odino uccise Ymir causando la morte degli altri giganti tramite annegamento a causa del suo sangue versato (l’acqua)(v. post correlati); solo uno, Bergelmir, rimase in vita e fu capostipite della seconda generazione di giganti. Nel momento del Ragnarök, l’apocalisse della mitologia nordica, il mondo sarà distrutto dai giganti per essere poi ricostituito in un secondo momento. (6)

La mitologia classica tramanda il ricordo dei giganti (Γίγαντες, dal greco γίγας) come figli di Gea, la terra, e nati dal sangue di Urano mutilato dal figlio Crono. (7)

Essi sarebbero morti solo se colpiti contemporaneamente da un mortale e da un immortale (dio). (8)

Altri erano immortali finché toccavano terra (Porfirione e Alcioneo).

Come per il mito nordico, i giganti erano rivali degli dei tanto da entrare in conflitto con questi (gigantomachia). Fin dalla loro nascita scagliarono oggetti contro il cielo e gli dei che per vendetta si armarono e coadiuvati da Eracle (l’unico mortale) li sconfissero: Alcioneo trascinato lontano dalla terra natia, Porfirione fulminato da Zeus, Efialte trafitto agli occhi da Eracle e Apollo, Eurito percosso dal tirso di Dioniso, Clizio bruciato dalle torce di Ecate, Mimante crivellato da proiettili di ferro rovente a opera di Efesto, Encelado schiacciato dalla Sicilia, lanciata da Atena, Pallante scorticato dalla stessa dea, Polibote schiacciato dalle rocce dell’isola di Cos scagliate da Poseidone, i restanti furono fulminati e trafitti da Zeus ed Eracle.

Nell’Odissea si ricorda la distruzione dei giganti e del loro re, Eurimedonte. (9)

Altro aspetto comune alle saghe nordeuropee è la cattiveria, la gran forza e l’aspetto caotico, antirazionalistico e incivile dei giganti, originari di una terra brusca e barbarica, la Tracia. Simili ai giganti, per statura e carattere, erano i Titani, i Ciclopi, gli Ecatonchiri (o Centimani, alleati degli dei contri i Titani), Tifone e gli Aloadi (alti oltre 17 metri).

gigantomachia
Scena di Gigantomachia sull’ara di Zeus a Pergamo: Zeus ed Eracle uccidono Porfirione (Pergamonmuseum, Berlino)


Altre Fonti sui Giganti
Le raffigurazioni sui alcuni sigilli, scoperti in città del Vicino Oriente antico, mostrano figure umane di grandi dimensioni e figure molto più piccole come per tutta l’iconografia diffusa presso le civiltà che andavano dall’Egitto all’Iran.

giganti-babilonia
Un rilievo rinvenuto in Vicino Oriente con scena di uomini di fronte a una figura gigantesca in trono

Erodoto narra della scoperta in Tegea della bara di un gigante, attribuita a Oreste. (9)

Il “gigante di Trezzo” è un guerriero longobardo di nome Rodchis, il cui scheletro, di notevoli dimensioni, è stato coperto a Trezzo (Mi). Lo scheletro ha le gambe piegate all’altezza delle ginocchia perché l’altezza del defunto non avrebbe permesso una postura differente. Lo scheletro in altezza misura circa 2,4 metri.

gigante di trezzo
La tomba con lo scheletro di Rodchis al momento del rinvenimento. Trezzo sull’Adda (Mi), 1989.

Il Gigantismo
La scienza medica conosce una patologia in base alla quale alcuni soggetti sono colpiti da un’abnorme crescita in altezza e, proporzionalmente, nelle dimensioni di ogni apparato dell’organismo. La causa dell’anomalia è l’eccessiva secrezione dell’ormone somatotropo (GH), detto anche “ormone della crescita”, durante la prepubertà.

Conclusioni sul Mito dei Giganti
Tenendo conto che la redazione dei libri biblici sono di difficile inquadramento storico (se non per alcuni eventi che si pongono come terminus ante quem non o come terminus post quem), se non quello di Samuele I (721 a.C. ca.) e quello delle Cronache I (fine V secolo a.C.), non ci è dato affermare con certezza se gli Ebrei attinsero dalla mitologia greca (Esiodo e Omero, VIII-VII secolo a.C.) per il mito dei giganti o viceversa. Sicuramente Samuele I non prese spunto dall’epos ellenistico.

Non sappiamo neppure quando i giganti comparirono per la prima volta nella letteratura antica prima di Esiodo e di Omero.

La gran presenza dei giganti nei miti indù, classici, nordici ed ebraici fa ipotizzare o una diffusione di racconti leggendari trasmessi da un'unica civiltà, oppure si può pensare a una parziale veridicità, sempre interpretata e da interpretare con la mentalità degli antichi, circa le stirpi di giganti che popolarono la terra prima e dopo il diluvio.

Davvero significativa è la coincidenza tra mitologia norrena e scritti biblici circa lo sterminio dei giganti: un diluvio universale, in entrambi i casi, fece perire le creature mostruose che riuscirono comunque a ripopolare la Terra.

orme giganti

Le discipline umanistiche in questo caso chiedono un particolare supporto da parte della scienza medica la quale risponde con gli studi sul gigantismo e sulle disfunzioni tumorali della tiroide e dell’ipersecrezione dell’ “ormone della crescita”.

È quindi lecito pensare che anche in antico vi fossero casi di disfunzioni, genetico o non, in alcuni soggetti. La Bibbia infatti tende a identificare i giganti come appartenenti a determinati ceppi etnici (ipotesi genetica); non sarebbe improbabile un relativismo interpretativo poiché alcune popolazioni, magari arrivate in Israele e Palestina in seguito a migrazioni (come nel caso appunto dei Filistei che, secondo un’ipotesi, sarebbero i Peleset, i “Popoli del mare” giunti da occidente) potevano sembrare più alti di chi li descrisse, con annesse esagerazioni di misurazioni magari per vantare gesta eroiche (Davide contro Golia).

Là dove i sigilli e l’iconografia archeologica del Vicino Oriente antico rappresentano persone molto più grandi di altre, in un’unica scena, si vedono simulacri di divinità di dimensioni oltre quelle umane (i coevi ritrovamenti indicano che le dimensioni delle statue degli dei erano inferiori alla grandezza naturale ma ciò non toglie che con materiali deperibili fossero state erette sculture sacre non pervenuteci).

Note
(1) Genesi 6, 4.
(2) Numeri 13, 33.
(3) Deuteronomio 2, 20-21.
(4) Samuele I 17, 4.
(5) Cronache I 20, 6.
(6) Edda poetica (Völuspà, Grìmnismàl e Vafthrùdnismàl)
(7) ESIODO, Teogonia, 185.
(8) OVIDIO, Metamorfosi I, 151 e Fasti V, 35.
(9) OMERO, Odissea VII, 58 e 206; X, 120.
(10) ERODOTO, Storie I, 68.

Bibliografia
Cronache, Genesi, Deuteronomio, Numeri, Samuele in Sacra Bibbia.
Völuspà, Grìmnismàl, Vafthrùdnismàl in Edda Poetica.
ERODOTO, Storie I, 68
ESIODO, Teogonia.
OMERO, Odissea VII e X.
OVIDIO, Fasti.
OVIDIO, Metamorfosi.

Articolo pubblicato sul sito Antika.it
Link diretto:
Post correlati: La Terra di Mezzo di Tolkien è Realmente Esistita?
Post correlati: Due o Tre Cose che Non Sappiamo della Bibbia
Post correlati: Anunnaki: la Genesi della Nostra Specie?
Post correlati: Miti e Leggende della Creazione - Ibridazione Progressiva?
Post correlati: Il Mistero del Gruppo Sanguigno RH Negativo
Post correlati: Timeline Alternativa del Pianeta Terra
Post correlati: Anunnaki: la Genesi della Nostra Specie?
Post correlati: Z. Sitchin: Nibiru e gli Anunnaki
Post correlati: L'Epopea di Gilgamesh
Post correlati: Il Libro di Enoch
Post correlati: Il Diluvio - Mito Multiculturale della Fine del Mondo
Post correlati: Diluvio Universale - Civiltà Prediluviane
Post correlati: Gli Anakiti (Gli Antichi Giganti)
Post correlati: Schiavi degli Dei - B. Russo
Post correlati: Oh Cielo, gli Dei erano Cosmonauti! - M. Biglino
Post correlati: Yahweh ed El
Post correlati: tag Mitologia.


5 commenti:

  1. bella notizia!!(;

    RispondiElimina
  2. Mi è capitato in più occasioni di trovare in testi antichi (intendo testi a stampa, XVI-XVIII sec.) riferimenti al ritrovamento di scheletri di "gigantesca fattura" che suscitavano curiosità proprio per il fatto di essere così insoliti e proprio per questo venivano riportati dai cronisti o letterati del tempo, che a quanto pare non si facevano tanti problemi di censura. In un caso (mi pare in una zona appenninica dell'Emilia) il ritrovamento a metà '700 di scheletri umani di circa tre metri veniva interpretato come la prova evidente della salubrità del clima nelle epoche precedenti! Una guida archeologica lombarda pubblicata negli anni '30 del '900 cita anch'essa il ritrovamento, avvenuto qualche decennio prima, di scheletri di ca tre metri; il redattore della guida, studioso onesto e appassionato, ne prese nota con scrupolo come pure fece della destinazione degli stessi (ma ora chissà dove saranno). Ad avere il tempo di esplorare i materiali nelle biblioteche locali di questi esempi se ne troverebbero tanti.
    Leggende: anche in Sardegna si tramanda che nei tempi antichi vivevano i Giganti insieme alla "gente piccola".
    Ele

    RispondiElimina
  3. @ ele ... al link in basso trovi un video in cui un cittadino sardo mostra i reperti in suo possesso.

    http://www.youtube.com/watch?v=84ql_AUIerY&list=PLA6D681860F42B9F3&index=54&feature=plpp_video

    ciao :)

    RispondiElimina
  4. Ah, vedo che in Sardegna si trova ben di più che leggende e toponimi come "Tombe dei Giganti" (che proprio gigantesche non sono)... il tutto esposto con lo stesso buffo irresistibile accento dei miei parenti acquisiti!!!
    Ele

    RispondiElimina
  5. Beh effettivamente viaggiando in Oriente mi è capitato di vedere persone di statura molto alta:per esempio i Pashtun in Pakistan, i palestinesi a Gaza, certi siriani...Vi posso assicurare che in molti casi questi raggiungono e superano i due metri di altezza. Penso che queste popolazioni potessero sembrare facilmente dei "giganti" agli occhi degli Ebrei, che erano un popolo di bassa statura, anzi "il più piccolo" di tutti i popoli, stando alla Bibbia.
    Inoltre c'è un fatto curioso: sembra che molte popolazioni del Medio Oriente e dell'Australia abbiano ereditato il Dna di un ominide oggi estinto, di cui si conosce poco:l'uomo di Denisova.
    Stando ai ritrovamente di Atapuerca(un misto tra neanderthal e denisova), i denisoviani erano molto alti. Inoltre parecchi popoli orientali, come sumeri, curdi o australiani,hanno un gene per i capelli rossi ereditato dai denisoviani, che si esprime assieme alla pelle scura. In pratica possono avere una carnagione bruno-rossastra e i capelli rossicci o biondo dorato scuro. Questo gene, se non erro, sarebbe situato sul cromosoma 9, ed è estraneo alla razza umana, ma si trova solo nell'orango. L'orango, appartenendo al genere Pongo, appartiene alla stessa famiglia di un primate preistorico chiamato gigantopiteco, alto fino a 3 metri e vissuto in India contemporaneamente all'homo erectus. Questo pare fosse un orango gigante dal pelo rossiccio. Improvvisamente, proprio in India, comparvero i denisoviani, che erano discendenti degli Erectus, e quindi umani, ma erano più alti (certamente non 3 metri ma comunque alti) e avevano lo stesso pelo rossiccio dell'orango e del gigantopiteco. Come è finito il Dna di questo gigante preistorico nel genoma degli erectus asiatici? Qualche incrocio preistorico? Nessuno sa dare una risposta. L'identità stessa dell'uomo di Denisova è ancora oggetto di studio. Certo è che si sono ibridati con i Sapiens e molte popolazioni che da loro discendono oggo hanno questo Dna.
    Fatto curioso, nella Bibbia sono citati tra i Refaim gli Emim, un nome che veniva dato dai giordani a queste genti. Emim nell'arabo moderno è "dimam", che significa "uomo rosso come il sangue","uomo terrificante, brutto", deriva da "dam" cioè "sangue", o anche "terriccio", in riferimento al colore della loro pelle.
    Quanto poi all'unione tra donne mortali e angeli, è un'antica leggenda orientale, che si è fusa col mito dei giganti. Qui entriamo nel campo del paranormale, ma è degno di nota l fatto che nei miti si dice sempre che questi "dei" prendevano forma umana quando si univano alle terrestri. Quindi ,in teoria, i figli che nascevano erano perfettamente umani e nessun genetista avrebbe potuto trovare un genoma "alieno" nelle loro cellule. Credo che nell'antichità l'alta statura fosse molto apprezzata, in quanto avere una corporatura slanciata era utile nella caccia e nella guerra. Quindi è normale che coloro che erano ritenuti figli degli dei fossero immaginati per forza molto alti, perchè si riteneva che questa fosse una caratteristica vantaggiosa per un eroe, e il figlio di un dio doveva essere un uomo dal corpo perfetto, anche se era un mortale. Non conosciamo ovviamente la natura di questi amplessi, certamente non c'è nessuna prova che la prole generata da queste unioni fosse di statura superiore alla norma, e come i miti stessi ci riferiscono, gli eroi erano dei mortali e le entità che si erano unite alle loro madri si erano presentate con fattezze umane.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

La maleducazione qui non è tollerata.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

Grazie per il contributo e la collaborazione