20 febbraio 2013

LA STRAGE DEL NEOLIBERISMO - N. Ioppolo - E. Menta

Nando Ioppolo, avvocato ed economista, è il presidente del Circolo degli Scipioni di Milano, associazione di liberi pensatori che ha individuato "le ragioni della attuale crisi del capitalismo", in tutta una serie di incredibili paradossi economici, ottimamente descritti nel video proposto dopo il salto.

Riflettori puntati dunque sui meccanismi auto-conservativi dell'attuale sistema economico; un sistema basato sullo indebitamento e l'impoverimento, propagandato attraverso il boicottaggio del dissenso e la capillare diffusione di un Pensiero Unico, e somministrato alle masse sotto forma di 'economia neoliberista' e 'finanza creativa.' 

L'intervista è stata realizzata da Elia Menta, del blog Per Chiunque Ha Compreso (link), 

Buona visione.


Canale YT Gaetano Scoglio

Post correlati: Oligarchia per Popoli Superflui
Post correlati: Dalla Crisi del Debito agli Stati Uniti d'Europa
Post correlati: Meglio la Finestra. Liberarci dall'Euro per un'Altra Europa
Post correlati: Genius Seculi - P. Joseph, C. Ice

3 commenti:

  1. Mah siamo sicuri che tutti i nostri problemi deriverebbero dal presunto "liberismo" e dalla "troppa libertà" come viene ripetuto da tutti,dal Pd ai tg,passando per estrema sinistra e estrema destra,pure Monti ecc?.Siamo sicuri che dando più potere allo stato nel mondo si arrivi alla felicità,al nuovo ordine mondiale del benessere economico e politico dove tutto è monopolizzato dallo stato, di cui tanto si parla?Che c'entrano con il libero mercato,e tanto più con il libero scambio,le multinazionali,le banche private d'affari e commerciali o centrali di stato o meno,che operano chiaramente in regime di oligopolio,se non di vero e proprio monopolio?

    RispondiElimina
  2. "le ragioni della attuale crisi del capitalismo"
    sono come per il comunismo le sue basi, teoricamente giuste, ma poi mal applicate, liberismo a mio parere è una parola vuota di significato, allo stato attuale viene invocata da chi lo usa come paravento, dalla "deregulation" reaganiana in poi nel nome del liberismo sono stati dati privilegi inimmaginabili per molti di noi.
    pensate solo alla Alcoa, a cui l'italia ha pagato 8 miliardi di bollette per poi vederla abbndonare gli stabilimenti... o agli incentivi pe rle auto o per i decoder digitali...

    RispondiElimina
  3. Giacomo ha assolutamente ragione,il "liberismo" che abbiamo non è altro che dominio del cartello bancario globale e delle multinazionli oligopolistiche grazie allo stato(corporate state),niente a che vedere con il vero libero mercato,sia quello evocato dagli anarcocapitalisti(non a caso molto critici verso il sistema)sia il libero mercato in sè.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE