13 marzo 2013

Unione Europea ed Influencers Pro Euro


Un Milione di Euro per Addestrare i Funzionari a Fare i Troll

di D. Billi

La UE ha deciso di addestrare degli eurotroll per impedire la diffusione di 'sentimenti anti euro'. Così l'anno prossimo voteremo secondo prescrizione.

Beh che dire, preparatevi: tra qualche mese ogni volta che qualcuno su Internet, Facebook o Twitter si azzarderà a menzionare certe parole chiave, vedrà l'assalto dei troll pronti ad azzannarlo.

Scrivere 'uscire dall'euro', 'MES', 'fiscal compact', 'ritorno alla lira' o altre parole ad alto rischio di critica attirerà subito gli esperti del caso, quelli bravissimi a sfottere, deridere, insinuare, insomma a buttare tutto in caciara. Troll professionisti

L'ha scoperto il Telegraph, che racconta come l'Unione Europea si stia preparando alle elezioni del prossimo anno cercando di preservare se stessa e le proprie istituzioni investendo qualche milione di euro allo scopo. Così l'articolo:

"Particolare attenzione sarà prestata ai Paesi che hanno sperimentato un aumento dell'euroscetticismo", dice un documento confidenziale dello scorso anno. "I comunicatori istituzionali del Parlamento dovranno avere l'abilità di monitorare le conversazioni pubbliche e il sentimento popolare, per capire gli argomenti di tendenza, e avere la capacità di reagire velocemente, in un modo mirato e rilevante, unendosi alla conversazione ed influenzandola, per esempio, fornendo fatti e distruggendo miti." Il training per i funzionari comincerà questo mese.

Qualche deputato ha protestato, sostenendo che "spendere più di un milione di euro per addestrare funzionari pubblici a diventare troll di Twitter in orario di ufficio, è uno spreco e una cosa ridicola".

Oltre che ridicola, a me pare anche una cosa piuttosto inquietante. Non che sia la prima volta: abbiamo assistito ad invasioni di troll finti-scienziati durante la marea nera della BP due anni fa, e ricordiamo anche l'iniziativa del governo giapponese di offrire viaggi gratis a chi raffreddasse la "paura Fukushima". 

Sicuramente, inoltre, c'è al momento in giro un piccolo esercito di troll al soldo di questo o quel partito allo scopo di influenzare le nostre opinioni nell'imminenza delle elezioni. Si sgamano da un chilometro, eh.

Ma è la prima volta che un'istituzione pubblica di tale importanza, come è l'EU assoldi troll per orientare le elezioni politiche che la riguardano direttamente nella direzione che ritiene più comoda. E' un gesto assolutamente antidemocratico, la dimostrazione (qualora ce ne fosse ancora bisogno) che l'istituzione europea così come è oggi è intrinsecamente dittatoriale e fascista.

E adesso, aspettiamo pure l'arrivo degli eurotroll.

(Grazie ad A.Bagnai per la segnalazione)

Articolo pubblicato sul sito Crisis
Link diretto:
http://crisis.blogosfere.it/2013/02/europa-1-milione-di-euro-per-addestrare-i-funzionari-a-fare-i-troll.html

Post correlati: Casaleggio, gli Influencers e la Comunicazione Globale
Post correlati: Tag Persuasione

Non è Crisi è Truffa!

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere


Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE