19 gennaio 2014

Artisti Italiani e Simbolismo (Sempre Meno) Occulto


Negli ultimi anni ci siamo occupati in diverse occasioni delle commistioni tra industria dell'intrattenimento e poteri occulti. Con l'ausilio di simbolisti ed occultisti abbiamo imparato a riconoscere i simboli con cui alcuni poteri amano segnare i loro pupilli - artisti incaricati di diffondere il loro triste verbo - come cagnetti apprensivi indaffarati a marcare il territorio. (v. correlati)

Ci siamo fatti qualche idea sul perché un gran numero di artisti accondiscendano ben volentieri ad essere sfruttati per diffondere l'iconografia ed i 'valori' della parrocchia materialista; abbiamo esaminato le possibili cause legate alle tecniche di plagio e controllo mentale (v. correlati), ma abbiamo anche sottolineato la possibilità che alcuni artisti scelgano deliberatamente, forse non sempre in piena consapevolezza, di votarsi alla diffusione di una determinata 'cultura' in cambio di fama e soldi (v. correlati).

E' nota l'intervista rilasciata nel 2004 dal celebre autore Bob Dylan nella trasmissione 60 Minutes trasmessa dalla CBS, in cui asseriva di dovere la propria fama ad un patto stipulato con il 'Capo dei Capi.'
Alla domanda sul perché continuasse a stressarsi nei tour nonostante l'età non più giovane, Dylan ha risposto che si tratti di un obbligo incluso in un patto stipulato molto tempo fa; un patto con colui che "comanda su questo mondo e sul mondo invisibile." Ecco il video (canale YT HugoWeaVingItaly):



"Molti fan di Dylan sostengono che si riferisse a Dio. Ma dopotutto che senso avrebbe un patto stipulato addirittura col Creatore Infinito per diventare ricco e famoso in questo mondo?" (Fonte). L'unica possibilità che ci sentiamo di escludere è che Dylan stesse facendo ironia, a giudicare dall'espressione sul suo viso.

Altro esempio eclatante è l'intervista rilasciata allo Independent da Nicole Scherzinger, voce delle Pussycat Dolls, in cui l'artista ha affermato senza mezzi termini che per avere successo nel mondo dello spettacolo sia necessario obbedire a 'ordini superiori', dimenticare i propri valori e diventare una troia. "Insomma, vendere l'anima al diavolo." (fonte)

Per non parlare del primo video prodotto da MTV, di cui ci occupammo in un vecchio post (v. correlati), in cui il pezzo degli Lcd Soundsystem faceva da accompagnamento a una sorta di video-corso accelerato su come diventare famosi ingraziandosi i poteri occulti padroni dell'industria discografica. In casi del genere il messaggio risulta così esplicito che si fatica a non sospettare che siano solo scherzi di dubbio gusto.

Ed in Italia?
Ad ogni modo, in linea di massima fino ad oggi la nostra attenzione si è concentrata su artisti e prodotti emersi nei mercati inglesi e americani e poi diffusi in tutto il mondo grazie alla ricchezza economica e la potenza di fuoco delle industrie mediatiche di tali paesi. Inoltre nell'ambiente italiano - se si esclude una manciata di testi musicali frutto più dello spirito emulativo individuale che di precise campagne di ingegneria culturale - non si riscontravano connotati eclatanti come nei prodotti anglofoni.

Poi progressivamente il contesto è andato modificandosi anche da noi, col risultato che il panorama artistico italiano ha finito per diventare un cocktail, curioso da osservare, di prodotti in parte improntati sui canoni tradizionali della nostra cultura pop - quindi buoni sentimenti e solarità con frequenti sconfinamenti nel moralismo di marca cattolica - e in parte sull'edonismo saturniano, perennemente indaffarato ad apparire quanto più cinico, trasgressivo e sulfureo possibile.

Abbiamo guardato molti video sul tema, alcuni grazie a segnalazioni ricevute da amici e lettori, ed altri spulciando i canali YouTube che si occupano di simbolismo occulto nella cultura pop. Alla fine la scelta è caduta su quelli a nostro avviso più rappresentativi. Si parte da una analisi dei presunti rapporti tra il rapper Fabri Fibra e la massoneria (molto interessante la parte del concerto, in conclusione). Dopodiché ci spostiamo ad ammirare il video Dannati Forever di Elio e le Storie Tese; realizzato in stile Monthy Python, che potrebbe essere letto come una parodia, ma che ad un livello più profondo lascia sensazioni ambigue. Chiudiamo la rassegna con un altro pezzo di hip hop italiano firmato da Mr. Phil in collaborazione con altri artisti, nel quale sono denunciate le ingerenze dei poteri occulti nell'ambiente della industria musicale.

Buona visione.


canale CanaleRealTV2

Post correlati: Amy Winehouse e il Club dei 27
Post correlati: Il Primo Video di MTV è Massonico
Post correlati: Transumanesimo e Metacomunicazione
Post correlati: Il Patto col Diavolo


Ebook - Riprendersi La Mente - Volume 1 + Mp3.

2 commenti:

  1. Mm.. non ci confondiamo: Dylan 2° me fa si riferimento al diavolo, ma non certo inteso come "poteri forti" o accordi derivati da questi x avere successo. Il diavolo di Dylan è lo stesso identico di Robert Johnson, uno dei patriarchi del Blues. Si tratta di un accordo che l'artista ha fatto effettivamente con la sua ombra, che sola gli detterà la strada per la sua arte. Cosa che poi sarà pure avvenuta con rituali esoterici, evocazioni o magia nera, come nel caso di R. Johnson, ma niente di questo ha a che fare con i poteri forti/saturno o chi x lui. E d'altra parte, Dylan ha avuto successo, ma in ciò che canta e nel suo stile di vita non mi pare si possa ravvadere il medesimo percorso intrapreso da star dello show biz attuale.

    RispondiElimina
  2. Il fatto stesso che rilasci un'intervista del genere in un programma tv molto seguito non fa che assimilarlo a quel tipo di artisti. anche se in modo diverso, questa roba influenza le menti quanto e più del video degli lcd soundsystem, e porta acqua al mulino di quella parrocchia. dato il contesto che fa da sfondo al panorama artistico americano, non mi stupirei se domanda e risposta fossero state precedentemente concordate per ottenere un determinato effetto sui telespettatori.... anche questa è magia nera

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE