10 marzo 2014

Manuale per Sopravvivere Dopo la Morte - Ensitiv

piano astraleViator
Anticorpi.info

In questi giorni ho letto il saggio Manuale per Sopravvivere Dopo la Morte, edito dalla Uno Editori e scritto da Ensitiv, personaggio noto negli ambienti dell'esoterismo e dell'onironautica, anche detta esperienza extracorporea oppure o.b.e. (acronimo anglofono che sta per 'out of body experience').

L'autore descrive le numerose esperienze che ha sperimentato nel Piano Astrale, dai primi viaggi extracorporei 'subiti' quasi involontariamente in giovane età grazie ad una straordinaria attitudine naturale, ai viaggi compiuti in età adulta sulla scorta della consapevolezza e dell'esperienza.
"La locuzione viaggio astrale identifica quel tipo di esperienza in cui si sperimenta la vivida sensazione e la percezione di abbandonare il corpo fisico e "viaggiare" al di fuori di esso." (Fonte)
La prima osservazione da fare in merito al Manuale per Sopravvivere Dopo la Morte riguarda lo stesso titolo, che a mio avviso non fotografa fedelmente il contenuto del testo. In diversi passi infatti Ensitiv tiene a specificare come secondo la sua personale esperienza e conoscenza, il problema vero non sia quello di riuscire a 'sopravvivere' dopo la morte (chiunque sopravvive in forma spirituale al decesso del 'corpo fisico'), quanto quello di approcciarsi alla morte fisica nella maniera più adeguata, così da riuscire a gestire il trapasso con cognizione di causa, e di conseguenza affrontare nel modo più opportuno i primi passi in questo strano 'ambiente' privo di materia, spazio e tempo che ci attenderebbe oltre la soglia: il Piano Astrale.
"Lo scopo di questo testo è capire e conoscere a che cosa vadano incontro le anime quando i corpi subiscono determinati tipi di morte (...)" (1)
Il Piano Astrale - accessibile agli onironauti come Ensitiv - sarebbe una 'zona di mezzo' in cui transiterebbero i Corpi Spirituali a seguito del decesso dei rispettivi Corpi Fisici. Qualcosa di simile al software 'struttura' per chi abbia familiarità con l'immaginario del film Matrix; un meta-luogo dai connotati 'neutri' che ognuno dopo la morte 'riempirebbe' sulla base delle esperienze accumulate durante l'esistenza fisica, dello stato di 'pulizia' della propria coscienza e del grado di attaccamento sviluppato nei confronti del mondo materiale.

Secondo Ensitiv saremmo noi stessi, quindi - anzi, la nostra coscienza - a 'costruire' il 'luogo' ove il nostro spirito dimorerebbe dopo la morte fisica. E la nostra costruzione spirituale andrebbe a combinarsi oppure sovrapporsi con quella delle altre anime in cui ci imbattiamo. Tale 'soggiorno creativo' consisterebbe in una specie di un punto di passaggio, e servirebbe alla purificazione dei nostri Corpi Spirituali, in funzione della continuazione del viaggio verso qualsiasi cosa ci attenda oltre il Piano Astrale, che si tratti di Paradiso, Nirvana, Reincarnazione o altre destinazioni mai descritte da dottrine religiose e spirituali.

A tal proposito, uno dei pregi del libro è quello di evitare ogni riferimento a dottrine ed insegnamenti religiosi, e limitarsi alla trattazione dei temi che l'autore asserisce di conoscere per esperienza diretta.

Il Manuale di Ensitiv dunque è una sorta di 'training', prodigo di consigli e indirizzamenti, che mediante l'informazione, e con un linguaggio comprensibile e la giusta dose di ironia si prefigge di attenuare la condizione di confusione e spaesamento che il Corpo Spirituale si troverebbe a sperimentare dopo il decesso del Corpo Fisico. Per riuscire in questo non facile compito Ensitiv impartisce al lettore alcune nozioni esoteriche circa la natura ed il funzionamento delle tre componenti che a suo dire formano ogni essere vivente (Corpo Fisico, Corpo Mentale e Corpo Spirituale) e ricorre alla narrazione di diverse esperienze personali, alcune emozionanti, altre divertenti, altre tragiche, vissute ed osservate nel corso dei viaggi in Astrale.

Altro aspetto degno di nota è la descrizione delle differenti reazioni immediate denotate dallo spirito come diretta conseguenza delle modalità che hanno condotto al decesso fisico. Alcune rivelazioni suscitano stupore, in quanto smentiscono una serie di luoghi comuni circa la concezione della morte e delle entità che definiamo 'fantasmi.'

Particolarmente inquietante è il capitolo dedicato alla morte per suicidio, forse la sola modalità di morte fisica realmente 'rischiosa' per lo Spirito. Un tipo di morte da evitare assolutamente.

In conclusione, Manuale per Sopravvivere Dopo la Morte è un libro che - malgrado la delicatezza del tema trattato - riesce ad essere piacevole e rassicurante. La sua reale utilità potrà essere verificata solo il giorno in cui ci toccherà lasciare il nostro veicolo fisico per fare ritorno da questa 'breve vacanza filmica' che è l'esistenza terrena. Ensitiv è un ottimo narratore, e dalle sue parole traspare molta sincerità e volontà di servire il prossimo. Per il momento si può solo apprezzare come la lettura del suo libro aiuti ad esorcizzare l'eccessiva paura della propria morte e ad accettare con minore angoscia quella del nostro prossimo, poiché - parafrasando l'autore - in verità nessuno muore realmente, ed i defunti non scompaiono nel nulla; accade solo che le loro essenze spirituali abbandonino un veicolo ormai inutilizzabile per dirigersi altrove, verso una dimensione quasi impercettibile da quaggiù, ma probabilmente ancora più 'reale' della realtà fisica.

(1) Mauale per Sopravvivere Dopo la Morte - pag 9

Post correlati: L'Aldilà Esiste. Parola di Scienziato
Post correlati: Vita Ultraterrena - Proof of Heaven - E. Alexander
Post correlati: Esperienze Extracorporee e Piani Dimensionali
Post correlati:  Tag Morte

Manuale per Sopravvivere dopo la Morte - Libro
Esperienze di un viaggiatore astrale

1 commento:

  1. libro molto interessante, dopo averlo letto, ho comincito a parlarne con parenti e conoscenti, senza pregiudizi ed in maniera colloquiale, mi ha stupito il numero di conferme dirette avute su esperienze premorte.
    se siete curiosi leggetelo

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE