5 aprile 2016

Quanto Basta per Finire sulle Liste di Sorveglianza del Governo

tu sei un terroristadi Alice J. Webb
Traduzione di Anticorpi.info

Qualcuno potrebbe supporre che le liste di cittadini 'attenzionati' dal governo siano compilate con nominativi di soli estremisti radicali e violenti. Ebbene, quel qualcuno potrebbe essere in errore.
Ormai da tempo è in corso una 'guerra al terrore.' Concetto che già di per se dovrebbe suonare ridicolo a qualsiasi essere umano pensante e razionale. Il terrore è una conseguenza della guerra stessa. E' possibile combattere il terrore con qualcosa che produce terrore? E' un circolo vizioso. Ma il terrore non esiste solo all'estero; a quanto pare, secondo il governo, esistono persone apparentemente molto pericolose anche sul nostro territorio nazionale. Pericolose perché non seguono il gregge, non recepiscono gli input, non camminano in fila per tre. Persone spaventevoli, le quali si oppongono ai sistemi corrotti.

C'è gente che si sente onorata nel guadagnare un posto nelle liste di sorveglianza di questo governo. E a quanto pare non sembra troppo difficile farne parte (è sufficiente avere un pensiero indipendente che non assorba indiscriminatamente ogni balla che propinino i media ... o comunque essere una persona non troppo normale e noiosa). Di seguito vado ad elencare una serie di requisiti tutt'altro che terrificanti, i quali potrebbero fare inserire il vostro nominativo in una lista di sorveglianza del governo.

1. Applicare adesivi sul vostro veicolo.
Chi ritiene che esporre adesivi attivisti sul retro del proprio minivan sia una forma di auto-espressione, purtroppo si sbaglia. Quello sticker potrebbe essere giudicato sovversivo. Secondo quanto dispone il manuale di formazione utilizzato nel programma statale e locale di anti-terrorismo per le forze dell'ordine (finanziato dal Dipartimento di Giustizia) alcuni adesivi potrebbero rivelare la volontà di compiere segrete attività terroristiche. Gli adesivi considerati sospetti includono quelli contenenti slogan pro-life e pro-libertà, anti-ingegneria genetica, anti-Onu, e di tipo patriottico (dato che da qualche tempo: patriottismo = terrorismo). Avete applicato qualcosa del genere sul vostro paraurti? Ebbene, potreste essere pericolosi terroristi. Perché è cosa ampiamente nota che i terroristi usino annunciarsi attraverso l'esposizione di adesivi sulle loro auto.

2. Acquistare troppe provviste.
L'acquisto di prodotti alimentari sfusi per un fabbisogno che superi i 7 giorni, potrebbe essere interpretato come un'attività sospetta. Non importa se l'acquisto di grandi quantità di alimenti risparmi alla gente troppi viaggi al supermarket, o se magari il consumatore debba nutrire una grande famiglia (tutte situazioni che potrebbero essere delle coperture). Fare grosse scorte di burro di arachidi, carta igienica e ravioli potrebbe suscitare il sospetto che siate dei terroristi.

3. Pagare in contanti.
Una roba inquietante, non è vero? Perché mai qualcuno dovrebbe pagare i propri acquisti in contanti? Naturalmente la ragione più probabile è che costui stia complottando affinché il potere non possa controllare i suoi acquisti, come avverrebbe se invece pagasse elettronicamente. Pensateci bene prima di tirare fuori delle monetine per pagare il caffè del mattino. Per non parlare del terrore che potreste provocare nel pagare in contanti il burro di arachidi e la carta igienica.

4. Votare al di fuori del bipartitismo.
Tiratevi fuori dall'illusione del bipartitismo, e potreste essere considerati una minaccia terroristica. Un rapporto attuativo (2009) realizzato dal Missouri Information Analysis Center (MIAC) ha indicato i liberali (tra cui i sostenitori di Ron Paul) come potenziali minacce terroristiche. Nel 2011 il vice presidente Biden equiparò ai terroristi i sostenitori del Tea Party. Ma in effetti non è nemmeno necessario che uno vada a votare per un'organizzazione esclusa dai blocchi del bipartitismo; è sufficiente 'pensare' di supportare qualcuno al di fuori del sistema bipartitico per mettersi nei guai con la 'psico-polizia.'

5. Esibire una bandiera americana.
Secondo quanto asserito dalla suddetta relazione del MIAC, le persone che espongano la bandiera degli Stati Uniti (o una qualsiasi bandiera storica americana, come la 'Betsy Ross'  o la 'Gadsden') potrebbero essere associate a gruppi estremistici e terroristici nazionali. Siate molto cauti durante il Giorno dell'Indipendenza, quando i potenziali terroristi sono ovunque.

6. Homeschooling.
A meno che non stiate insegnando ai vostri bambini ad assemblare un fucile in meno di un minuto, probabilmente credete che l'istruzione domestica non abbia alcunché di sospetto. Fogli di lavoro e visite ai musei una volta non erano considerati una minaccia per la sicurezza nazionale. Eppure il film documentario 9/11: The Road To Tyranny, mostra un simposio FEMA per primi soccorritori, in cui un docente afferma che gli homeschoolers siano terroristi e dovrebbero essere trattati con estremo sospetto e brutalità in questi tempi di emergenza nazionale. Wow. Ed io che pensavo si trattasse solo di questioni scolastiche.

7. Coltivare un orto.
Chi ama coltivare le proprie verdure o semplicemente si diverte a sporcarsi le mani, potrebbe essere considerato un terrorista nazionale. Secondo un veterano delle forze dell'ordine (18 anni di servizio), il Department of Homeland Security sta tenendo corsi di formazione per le polizie locali affinché siano in grado di individuare i potenziali terroristi nazionali. Sulla lista dei possibili elementi indiziari è inclusa l'autosufficienza. E se per caso vi piacesse confezionare le vostre conserve di pomodori, tale attività potrebbe essere interpretata come 'accumulazione di stock alimentari', altro elemento indicato sulla loro lista di criteri. Anche l'acquisto di fertilizzante per il vostro giardino potrebbe attirare l'attenzione dell'FBI, soprattutto se gli acquisti sono numerosi e ravvicinati.

8. Scattare foto e girare video.
Chi non scatta qualche foto ai monumenti, mentre si trova in vacanza? Tuttavia se mostraste troppo interesse o scattaste foto 'inappropriate' di importanti punti di interesse, potreste trovarvi ad avere a che fare con l'FBI. Pensateci bene prima di scattare delle foto ricordo davanti al Capitol Building, se capitaste in vacanza presso Washington DC.

9. Credere alle teorie cospirative.
Dopo aver letto questo articolo, potreste incorrere nel sospetto che sia in atto una insana cospirazione governativa finalizzata alla schedatura di diverse tipologie di cittadini americani. Attenzione, perché credere nelle cosiddette: 'teorie del complotto' ... beh, è un motivo sufficiente per finire su una lista di sorveglianza del governo.

Articolo pubblicato sul sito Waking Times
Link diretto:
http://www.wakingtimes.com/2016/03/03/9-easy-ways-to-get-your-name-on-a-government-watch-list/

Traduzione a cura di Anticorpi.info


Post correlati: 10 Sistemi con cui ci Schedano (Grande Fratello)
Post correlati: Obama e la Detenzione 'Indefinita' (Eng)
Post correlati: Are You Interested? - COG
Post correlati: Tu Sei un Terrorista
Post correlati: USA: 20 Sintomi di Totalitarismo (Addio Libertà)
Post correlati: America: Freedom to Fascism - A. Russo
Post correlati: La Normalizzazione dei Chip Corporei (RFID)

LETTURE CONSIGLIATE



eBook - Il Grande Fratello


3 commenti:

  1. É un bell'articolo, magari ancora lontano dagli standard italiani. Magari no..

    RispondiElimina
  2. Il punto 5 è tutto da ridere... Qua se si esibisce la bandiera americana ti eleggono immediatamente capo dei servizi segreti!!!

    RispondiElimina
  3. 10. Devolvere soldini ad un' associazione per l' infanzia.
    Potreste incappare in controlli a distanza mirata, che sempremente controlla che non diate "il pane"
    a una nuova generazione di terroristi potenziali.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE