30 gennaio 2017

Pensieri, Parole, Tagliole (Reati d'Opinione) + Aforismi

repressione del pensieroa cura di Anticorpi.info

"Non esiste una libertà degli altri; esiste una libertà di tutti. Se un «altro» è impedito nell'esercizio della libera espressione, la campana è suonata per tutti: è suonata anche per me."
F. Ulivi, Che cos'è la libertà di pensiero

dal sito Tempi (B. Frigerio)

Le leggi contro l’omofobia simili all’italiano ddl Scalfarotto e già introdotte in paesi come Francia e Gran Bretagna «sono strumenti del totalitarismo e non di democrazia».

La tesi di Paul Coleman, portavoce dell’Alliance Defending Freedom, è stata discussa in un incontro con l’Osservatorio sull’intolleranza e la discriminazione contro i cristiani in Europa, durante il meeting dell’Osce del 3 e 4 luglio scorsi a Vienna. Secondo Coleman, come riporta Catholic News Agency, le leggi che introducono reati di opinione si contrappongono ai diritti umani, nati «per limitare il potere dello Stato e aumentare la libertà dei cittadini».

Concetti Vaghi.
Il primo rischio è rappresentato da un’interpretazione arbitraria delle norme da parte della magistratura, dal momento che «il discorso d’odio non è un concetto universalmente riconosciuto, come ha affermato la Corte europea dei diritti dell’uomo». Non a caso le leggi in questione «utilizzano parole generiche, concetti manipolabili come “insulto” o “disprezzo”», che permettono «un’applicazione arbitraria».

Questa vaghezza induce «i giudici in tentazione», spingendoli a «comportarsi in modo antidemocratico e a inserire i propri giudizi personali e di valore nell'interpretazione della legge». Un altro rischio è rappresentato dal vantaggio di cui gode l’accusa quando si prendono in esame i reati di opinione: «Queste norme spesso non hanno un parametro obiettivo in grado di stabilire cosa s’intenda per “insulto” o “disprezzo”», perciò «i giudici si concentrano di più sui sentimenti soggettivi di chi è stato insultato, senza prendere in considerazione la verità oggettiva dell’affermazione».
------

Silvana De Mari: Insulti e Verità Oggettive. 


Canale YT Pascendi Dominici Gregis
------

Origine dei Reati d'Opinione. 
Il fatto poi - continua Coleman - che l’origine storica dei primi reati di opinione risalga «ai paesi comunisti, all’Unione Sovietica e ai suoi alleati, alla pressione politica dei regimi totalitari», anche se «questo non basterebbe di per sé a dire che essi vanno rigettati», «dovrebbe almeno far sorgere qualche sospetto sull'obiettivo di coloro che oggi li sostengono». Istituire un reato di opinione, come nel caso delle leggi sull'omofobia, laddove vietano di esprimere opinioni negative sull'omosessualità o il matrimonio gay, limita «la realizzazione propria dell’individuo», essendo «il libero scambio di opinioni diverse essenziale». Di fatto il «reato d’opinione» restringe «le possibilità di arrivare alla verità (…). Se queste leggi sopprimono la possibilità di un libero scambio d’idee, sopprimono anche la possibilità di scoprire che magari le nostre idee erano sbagliate, di correggerci e migliorarci». A repentaglio ci sarebbe anche il meccanismo alla base della democrazia, che si fonda sulla «libera discussione» e che non può valere «solo per le idee che sono popolari o inoffensive», ma «anche per le parole che possono offendere, scioccare o disturbare».

Leggi che Alimentano l'Odio. 
I reati di opinione, inoltre, sono l’opposto della tolleranza: «Anziché promuoverla, possono portare addirittura a intolleranza e discriminazione maggiori, spingendo le idee impopolari verso la clandestinità, in cui rimangono e crescono come problemi irrisolti». E così aumenterebbe anche l’odio fra chi «ha differenti punti di vista, in particolare su argomenti come matrimonio e religione». (...)
------

dal sito NotaLibera

Reato di consulenza anti-abortista.
A quanto è dato vedere in Francia, i socialisti 2.0, versione “liberal”, adorano comprimere e reprimere le libertà fondamentali, e in particolare la libertà di opinione. Così, eccoli, che, dopo aver introdotto il reato di omofobia, partono di nuovo all'attacco, questa volta tentando di far approvare una legge che mira a reprimere le consulenze e l’assistenza delle donne che decidono di abortire. I sedicenti “progressisti” d’Oltralpe, vogliono così fare uno scherzetto di pessimo gusto al prossimo governo, che sarà certamente di destra, portando avanti un disegno di legge che introduca l’ennesimo reato di opinione. La legge è all'esame del Parlamento e verrà discussa dall'Assemblea Nazionale, oggi 1 dicembre.

Ma di che cosa si tratta esattamente? Ebbene, si tratta di estendere il cosiddetto délite d’entrave all'interruzione volontaria di gravidanza, e mira a reprimere e rendere fuori legge tutti quei siti web che fanno consulenza e assistenza alle donne che sono incerte sulla possibilità di abortire. Secondo i proponenti, questi siti sarebbero rei di condizionare, ovvero fare pressioni sulle donne che intendono abortire affinché desistano dal loro proposito.
(...)
-----

dal sito Secolo d'Italia

Arbitrarietà e doppiopesismo.
Ma ancor più legittimamente fa discutere la mancanza di equilibrio dell’applicazione di tutte queste leggi, che puniscono solo “alcune” opinioni. Se chiami una persona “sporco straniero” è reato; ma se invece uno straniero ti chiama “sporco italiano”? In teoria è un reato affermare la superiorità di qualunque religione, popolo, razza o nazione sulle altre, ma la regola vale per tutti? Perché è reato parlare bene del regime fascista ma non è reato inneggiare alla dittatura comunista? Perché è un “simbolo d’odio” passibile di sequestro e denuncia la croce celtica, ma non la stella delle Br? Con l’eventuale legge sul negazionismo sarà passibile di arresto anche chi nega altri stermini, come ad esempio quello degli italiani da parte dei comunisti in Istria e Dalmazia?

Mettere in carcere una persona perché esprime un’opinione, anche folle o stupida, è già abbastanza agghiacciante, ma arrestare solo chi esprime “certe” opinioni lasciando invece piene libertà a chi ne esprime altre almeno altrettanto scandalose non è un fatto gravissimo? L’Italia vuole veramente continuare su questa strada?
---

Da mezzo indispensabile a diritto limitato.

La Libertà di Parola nel 1927 (Corte Suprema USA) 
"Le libertà di pensare come si vuole e di parlare come si pensa sono mezzi indispensabili per la scoperta e la diffusione della verità politica."
Louis Brandeis (giudice della Corte Suprema USA, 1927)

La Liberà di Parola nel 2017
"La libertà di parola è considerata, nel mondo moderno, un concetto basilare nelle democrazie liberali. Il diritto alla libertà di parola non è tuttavia da considerarsi illimitato: i governi possono, sotto l'aiuto delle Nazioni Unite e dei Paesi che vi prendono parte, decidere di limitare particolari forme di espressione (...) (corsivo aggiunto in questo articolo).
(Wikipedia, 2017)

Traduzione: secondo la definizione di Wikipedia, la libertà di parola nel 2017 non è una prerogativa umana universale ed innata, ma un diritto concesso e passibile di restrizioni da parte del potere politico.
----

Aforismi sulla Libertà di Parola.

"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
AA.VV., Costituzione della Repubblica Italiana (Art. 21), 1948

"La maggior parte della gente non desidera realmente che il proprio prossimo goda della libertà di parola, desidera solo che goda della libertà di dire ciò che intende sentirsi dire."
Mokokoma Mokhonoana

"Tutto ha inizio con la soppressione di alcune libertà, e prima che te ne renda conto diventa vietato parlare senza il permesso dell'autorità. Poi finalmente ti svegli e sai una cosa? E' troppo tardi."
A. Amanyire

"La libertà è di tutti o di nessuno. Non si può frazionare o razionare. Nel dibattito e nel contrasto delle idee, ogni interlocutore sostenendo le proprie afferma implicitamente la libertà dei suoi contraddittori."
Rodolfo Arata, in AA.VV., Che cos'è la libertà di pensiero, su La Fiera Letteraria, 1973

"Chi intenda rovesciare la libertà di una nazione deve iniziare sottomettendo la libertà di parola."
Benjamin Franklin, Silence Dogood, The Busy-Body, and Early Writings

"Per quanto riguarda la libertà di parola ci sono fondamentalmente due posizioni: o difendiamo con forza anche il punto di vista che odiamo, oppure scivoliamo in una deriva di norme staliniste / fasciste. E' un peccato che ancora oggi sia necessario sottolineare simili ovvietà."
Noam Chomsky, Sull'Anarchismo 

"Ognuno è per diritto naturale assoluto padrone dei propri pensieri, ed il fallimento totale quindi sarà rappresentato in ogni tentativo - da parte di una comunità - di costringere gli uomini a parlare solo come prescritto dal sovrano, nonostante le loro opinioni siano diverse e opposte."
Baruch Spinoza, Trattato di Teologia Politica 

"Quando un popolo viene costretto a non parlare, esso perde il diritto di restare in silenzio."
Criss Jami, Killosophy 

"Nel momento stesso in cui si dichiari sacro un qualsiasi sistema di pensiero, che si tratti di un sistema di credenze religiose o un'ideologia secolare, in cui si imponga che una qualsiasi idea sia immune da critiche, da satira, da derisione, da disprezzo, la libertà di pensiero diventa impossibile."
Salman Rushdie, In Difesa del Diritto di Essere Offeso, 7 febbraio 2005

"La libertà è sempre la libertà del dissenziente (Freheit ist immer die Freiheit der Andersdenkenden)"
Rosa Luxemburg

"Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere."
Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (Articolo 19), 1948

"Credo che ogni pensiero, finché resti a livello astratto (e non implichi soluzioni concrete in grado di danneggiare gli altri), debba e possa essere espresso nella più assoluta e veramente garantita libertà. Non deve esistere il reato di idea o di opinione, perché colpire il pensiero è colpire l'uomo nella sua più intima e nobile essenza."
Massimo Grillandi, in AA.VV., Che cos'è la libertà di pensiero, su La Fiera Letteraria, 1973

"Se la libertà significa qualcosa, significa dire alla gente ciò che la gente non vuol sentirsi dire."
George Orwell, La Fattoria degli Animali

"La criminalizzazione delle parole giudicate offensive è un pericolo molto più grande ed essenziale per la libertà di quanto lo sia il terrorismo. Chiunque criminalizzi le parole altrui differisce dai terroristi solo di grado, non in natura."
Andy Levy

"Se non possiamo dire ciò che pensiamo sotto il nostro tetto, vuol dire che non possediamo un tetto."
André Aciman

"Dal momento che la società con la sua complessa organizzazione esercita un potere senza precedenti sull'Uomo, la dipendenza dell'Uomo da essa è giunta a tal punto che egli ha quasi cessato dall'avere un'esistenza intellettuale autonoma. Siamo così entrati in un nuovo Medio Evo. Con un atto di volontà collettivo, la libertà di pensiero è stata messa fuori gioco, poiché molti rinunciano a pensare come liberi individui, per lasciarsi guidare dal collettivo al quale appartengono."
Albert Schweitzer, La responsabilità della filosofia nella decadenza della cultura, 1923

"Se la gerarchia non fosse penetrata così profondamente nell'animo da togliere all'uomo il coraggio di avere davvero pensieri liberi, [...], si considererebbe la libertà di pensiero un'espressione altrettanto priva di significato della «libertà di digestione»."
Max Stirner, L'unico e la sua proprietà, 1844

"Se non fosse stato, per lungo tempo, permesso, nell'impero romano, di pensare liberamente, sarebbe stato impossibile ai cristiani stabilire i loro dogmi. Se dunque il Cristianesimo si affermò solo in grazia della libertà di pensiero, per quale contraddizione, per quale ingiustizia, vorrebbe oggi annientare quella libertà su cui si è fondato?"
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

"Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo."
Stephen G. Tallentyre (Evelyn Beatrice Hall), Gli amici di Voltaire, 1906 (attribuito a Voltaire) 

"O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza."
Ernesto 'Che' Guevara

“Tutta la saggezza del mondo resta inefficace se la forza non si pone al suo servizio per tutelarla e sostenerla.”
Adolf Hitler

“Se la realtà non si adatta al materialismo storico, tanto peggio per la realtà.”
 Vladimir Lenin

“Chiunque con le sue azioni e pensieri - si, coi suoi pensieri - abusi dell'unità dello stato socialista, verrà da noi distrutto con la sua specie.”
Joseph Stalin

"Il Partito non è un circolo di discussioni."
Joseph Stalin


Post correlati: La Tirannia del Politicamente Corretto
Post correlati: Il Marchio Infamante
Post correlati: Come Distruggere la Società in Pochi Semplici Passi
Post correlati: 25 Esempi di Correttezza Politica Psicopatica
Post correlati: Il Paradosso dell'Uguaglianza Gender - H. Eia
Post correlati: Vladimir Bukovskij sull'Unione Europea
Post correlati: Linguaggio: la Guerra dietro Ogni Guerra (Fase Nigredo)
Post correlati: Pussy Riot, CIA e Terrorismo Culturale
Post correlati: Maccartismo: Meglio Morti che Rossi

LETTURE CONSIGLIATE



L'anima Suprema, l'amore, l'amicizia, la Politica

4 commenti:

  1. Solo 10 condivisioni?! E' finita diciamocelo buona dittatura a tutti

    RispondiElimina
  2. il politically correct è un deterrente fortissimo. tento di cappello ai pochi che hanno condiviso.

    RispondiElimina
  3. L'informazione libera ha le ore contate, se dovesse passare il ddl s2688. Inizio a pensare che da queste parti la libertà d'espressione non sia poi così importante... e allora così sia

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE