18 maggio 2010

Il Fenomeno 2012

Fine del Mondo
di R. Smoley
Traduzione di Anticorpi.info

Volendo elencare tutte le date che negli ultimi due millenni sono state associate alla Fine dei Tempi, l'elenco sarebbe molto lungo.

Nel 12° secolo il profeta italiano Gioacchino da Fiore asserì che il 1280 avrebbe segnato l'alba dell'Era dello Spirito Santo e della libertà spirituale.

William Miller, predicatore americano dei primi anni del XIX secolo, previde sulla base del suo studio dei testi biblici che Cristo sarebbe tornato in un giorno compreso tra il 21 marzo 1843 ed il 21 marzo 1844. Sebbene i suoi seguaci rimasero delusi, dal movimento di Miller scaturirono varie denominazioni dell'avvenirismo, tuttora in uso.

Nel 19° secolo Charles Taze Russell, mercante di Pittsburgh appassionato di scritture misteriche, affermò che il 1874 sarebbe stato il 6000° anno dalla creazione dell'uomo, e avrebbe introdotto la fine dei tempi e l'avvento della salvazione.
Volendo concedere a Russel un quarantennio di margine, potremmo giungere al 1914. Gli eventi bellici di quell'anno sulle prime sembrarono dare ragione a Russell. Alla sua scomparsa - nel 1916 -  la Prima guerra mondiale era in corso ma non si era verificata alcuna salvazione provvidenziale.

Al termine della guerra i seguaci di Russell, noti come Bible Students, affermarono che il 1914 fosse stato solo l'inizio della fine. Lo zoccolo duro del movimento (rinominato Testimoni di Geova nel 1931 - v. correlati)  indicò poi la data del 1975, dato che i nuovi calcoli la indicavano come il 6000° anno dalla creazione. Tuttavia anche quell'anno trascorse senza gravi danni per il cielo o la terra.

Alla fine del Ventesimo secolo, la profezia di Nostradamus riguardo il 1999 fu accolta con una certa apprensione, ma, anche in quel caso i fatti smentirono la profezia.

La new age ha fatto propria la tendenza alle speculazioni apocalittiche interrompendo la consuetudine di desumerle dalla lettura della Bibbia, e ha identificato la fine dei tempi nel 2012.
Curiosamente il miglior articolo che ho avuto modo di leggere sul fenomeno 2012 è stato pubblicato su un sito chiamato Cracked.com. Scritto da Luis Prada, il post è intitolato Le Sei Migliori Teorie sul 2012  (e perché sono tutte stronzate).

Prada scrive: "Potreste aver notato la recente tendenza ad adattare qualsiasi profezia all'anno 2012. Le teorie sono infondate, le loro connessioni sono inconsistenti e le conseguenze percepite sono completamente prive di fondamento. Sorprende che queste profezie siano diventate così enormemente popolari ".

Vi è una teoria che riconduce l'anno 2012 allo stesso Nostradamus, il quale tuttavia nelle sue profezia non fa alcun riferimento all'anno 2012. Tra le altre cose, tutte le date precise che il veggente francese ebbe modo di menzionare - 1580, 1609, 1703, 1999 - si sono rivelate quasi sempre errate.

Come mai allora anche Nostradamus è stato associato al 2012? Non se ne vedono i motivi. Probabilmente solo perché in generale si tende ad associare il suo nome alle profezie apocalittiche.
Dice Prada: "Nessun altro personaggio nella storia ha provocato più svuotamenti dei supermercati per gli approvvigionamenti di sopravvivenza.  Era inevitabile che il 2012 e Nostradamus fossero collegati in qualche modo.

Ci si è messo anche History Channel, che dopo aver realizzato che argomenti come La Saga del Fucile nel Kentucky o La Tattica Aerea del Terzo Reich non riscuotessero più molti ascolti, ha pensato di produrre documentari su temi più appetitosi, come appunto Nostradamus e il 2012.

Ecco come History Channel presenta il documentario Doomsday 2012: The End of Days: "Un numero sorprendente di profeti, antichi oracoli e web crawler identificano il 21 dicembre 2012 come la Fine dei Giorni."

Mentre nel documentario: Nostradamus e il 2012, ci viene detto che "... il 21 dicembre 2012 sta giungendo verso di noi con una velocità allarmante. Dovremmo prendere coscienza di tutti gli avvisi che ci sono stati forniti. (...) Potrebbe essere un momento decisivo per la età moderna."  Presumibilmente il "potrebbe" prevede una brutta fine nel caso in cui non dovessimo prestare particolare attenzione agli avvisi.

Questi documentari hanno finito per attirare molte critiche. John M. Jenkins, autore di Maya Cosmogenesi 2012, ha descritto il documentario di History Channel: Decoding the Past: Doomsday and Maya Profecy (per cui è stato intervistato) come "45 minuti di insulso sensazionalismo."

Dubito che History Channel sia rimasto costernato dalle critiche. Ho avuto modo di partecipare personalmente ad alcune di tali produzioni, e posso testimoniare che nei fuori campo i conduttori a volte hanno difficoltà a non ridacchiare sotto i baffi.

Ciò detto, è chiaro che questi programmi non totalizzerebbero ascolti tanto elevati se non si adattassero a una necessità della coscienza collettiva. Il pensiero di un giorno del giudizio suscita un piacere strano, forse in tutti coloro i quali nutrano sentimenti profondamente ambivalenti sulla civiltà contemporanea.
Questa civiltà ci offre tecnologie e stili di vita senza le quali a stento riusciremmo a sopravvivere per una settimana, ma è così esigente e artificiale che spesso ci ritroviamo ad odiarla. 
Fantasticare sulla apocalisse offre un modo, non troppo soddisfacente, di conciliare tali contraddizioni coesistenti in noi.

Ma perché proprio il 2012?
Fu Valum Votan - al secolo José Argüelles - il primo a diffondere questa data come momento della apocalisse (o di un rinnovo spirituale universale) determinati dalla fine di un ciclo e dall'inizio di un nuovo ciclo. Argüelles è meglio conosciuto come il profeta della Convergenza Armonica dell'Agosto 1987. Affermò che in quella data la filosofia New Age sarebbe entrata nella cultura pop, situazione che Argüelles criticava. Come ebbe modo di dirmi in una intervista del 1998, "Era l'inizio della New Age venduta come una merce, evoluzione del fenomeno che nessuno di noi aveva voluto."

In ogni caso, dalla sua complicata interpretazione del calendario Maya (o calendari, dato che ve ne sarebbero 17 tipi diversi), Argüelles sosteneva che il 16 Agosto 1987 avrebbe avuto luogo la fine di un ciclo infernale per questo pianeta, e che nei successivi anni sarebbe stata fatta "pulizia" in attesa di una nuova era, che avrebbe avuto inizio il 21 dicembre 2012. 

Argüelles spiega:
"Nel 2012 la Terra si troverà in una condizione senza precedenti, di rapida evoluzione e cambiamento in funzione della illuminazione della specie umana. L'unicità dell'umanità è data dalla capacità di risvegliarsi mediante la telepatia universale, con un ritorno ai cicli naturali. Proprio per queste ragioni non ci sarà più alcuna necessità di essere governati da chiccessia, e l'umanità abbandonerà la tecnologia industriale per lo sviluppo delle sue doti spirituali, in funzione della ascensione al quarto stadio, telepatico-dimensionale. I comfort saranno forniti da strumenti di cristallo telepatico e tecnologie ad energia solare. La razza umana vivrà in armonia e le sue genti saranno riunite da UR, la Religione Universale sulla Terra. L'ordine di realtà sarà noto come il Dominio del Tempo  E tutti si prepareranno al grande momento della sincronizzazione galattica, che avverrà il 26 luglio 2013, con il completamento della costruzione delle macchine del tempo telepatiche "Terra 2013" e l'avvento del Manitou Planetario, il cervello galattico sulla Terra."
Arguelles esortava il mondo ad adottare il calendario Maya, basato su una benefica proporzione 13:20. Il ciclo annuale dei Maya è di 260 giorni, o 20 volte 13 - sosteneva - mentre il pernicioso calendario babilonese è basato su una proporzione 12:60 (con 12 mesi in un anno), ed essendo deformato ha finito per  danneggiare la coscienza umana.

Le argomentazioni di Argüelles tuttavia non rendono più chiaro il perché proprio quella data precisa. Una spiegazione più lucida è quella fornita da John M. Jenkins, il quale sostiene che il 21 dicembre 2012, sarà il giorno in cui il punto del sole nascente al solstizio d'inverno coinciderà con la zona oscura della Via Lattea, non osservabile dalla Terra. I Maya erano a conoscenza di questo "allineamento galattico" - come Jenkins lo definisce - e sulla base di ciò essi presagirono un radicale rinnovamento del mondo».

Terence McKenna è un altro profeta apocalittico, subentrato nel 1990 a Timothy Leary nella veste di papa della psichedelia. Mediante alcuni complicatissimi calcoli basati sulla interpetrazione dei Ching, McKenna ha previsto il verificarsi di una storica 'singolarità' per la metà di novembre del 2012. Tuttavia quando venne a conoscenza della profezia Maya adattò la sua profezia ad essa.

Quanto detto è anche collegabile alla aspettativa dell'Era dell'Acquariosebbene in questo caso la data dell'evento è assai più vaga. Ancora una volta il tutto avrebbe a che fare con la posizione del sole nascente, in questo caso presso l'equinozio di primavera. Nel corso degli ultimi 2.150 anni  il sole è sorto sotto il segno dei Pesci. Ad un certo punto avrà luogo un passaggio di segno, ed il sole sorgerà sotto il segno dell'Acquario; il che segnerà l'alba dell'era dell'Acquario. Non esistono date sicure in merito a questo fenomeno, dal momento che non esiste una "linea" netta tra le zone dei Pesci e dell'Acquario nello spazio. Le date che ho esaminato spaziano dal 1600 al 2500. C.G. Jung, che per lavoro si occupa di queste tematiche, ha suggerito che potrebbe essere iniziata nel 1997.

Un terzo elemento che converge in tale corrente di pensiero apocalittico new age è il concetto indù del Kali Yuga, l'età delle tenebre nella quale l'umanità starebbe vivendo con grande fatica.
Secondo i calcoli 'ufficiali' tale Era sarebbe iniziata il 23 gennaio del 3012 aC, tuttavia la data della sua fine è, di nuovo, oggetto di controversia. Molti induisti sostengono che ci troviamo tuttora nel Kali Yuga e che ne stiamo uscendo. Sri Yukteswar, maestro del celebre yogi Paramahansa Yogananda, sostenne invece che essa si sia conclusa nel 1699.

La data iniziale del Kali Yuga si avvicina vagamente a quella dello inizio del ciclo del calendario Maya, lungo 5,125.36 anni. Conteggiando all'indietro a partire dal 2012, ci ritroviamo allo 11 agosto 3.114 aC, non proprio la precisa data iniziale del Kali Yuga, ma ragionevolmente attigua.

Esiste un'altra risonanza, ancor meno esatta, con il calendario ebraico tradizionale, che fa risalire la creazione del mondo al 3.761 aC. Data che si discosta di molte centinaia di anni dall'inizio del ciclo maya, ma che ampliando la nostra visione potremmo fare ricadere pressappoco nello stesso periodo. Considerando che la tradizione ebraica assegna al mondo un ciclo di vita di 6.000 anni, arriveremmo ad una fine del mondo nel 2239 dC.

La maggior parte delle persone reagisce a questi calcoli arcani in due modi: li liquida come troppo oscuri o li abbraccia incondizionatamente proprio per la loro oscurità. Praticamente tutti coloro che attendono con impazienza la data del 2012 come inizio del risveglio planetario comprendono i relativi calcoli solo vagamente, e tuttavia sono convinti che siamo alle porte di una era di catastrofi o illuminazioni.

E' utile notare come le profezie del 2012 siano state strumentalizzate dalla cultura di massa, in particolare da History Channel. Quasi tutti i veggenti del 2012 vedono quella data come foriera di una nuova coscienza illuminata, ma i maghi della TV hanno trasformato tale visione in qualcosa che assomiglia molto al Giudizio Universale.

Ironia della sorte, tutto ciò contribuisce a spiegare come mai il fenomeno sia diventato così popolare. Il genere apocalittico fa parte della cultura occidentale già dal II secolo aC.  Oggi la mentalità occidentale è stata talmente secolarizzata che molte persone trovano ridicole le previsioni basate sui versi biblici riscontrabili in Daniele, Ezechiele, e l'Apocalisse. Allo stesso tempo l'attesa apocalittica resta talmente radicata nella coscienza collettiva che - nonostante la fede religiosa ormai perduta - la gente continua a cercare altrove i segni del giorno del giudizio. Visioni psichedeliche, calendari Maya, sciamanesimo, calcoli basati sui Ching, profezie di Nostradamus sembrano avere assunto molta più risonanza e autorevolezza delle Sacre Scritture. Di qui al 2012.

Come già sottolineato, la profezia è di gran lunga più significativa se letta in funzione di ciò che incarna in rapporto alle esigenze della coscienza collettiva. Insomma, una questione di appagamento del desiderio.
Mi sembra ridicolo individuare date specifiche, sebbene il modello generale sembri avere una certa plausibilità. Come abbiamo visto, diversi calcoli tradizionali datano l'inizio della attuale era intorno al 3000 aC. Ed una cosa è indubitabile in merito a tale periodo: si tratta dello spartiacque tra storia e preistoria. Circa 5000 anni fa, incominciò la civiltà come la conosciamo in Egitto, Mesopotamia ed India; di ciò che accadde prima, non sappiamo alcunché ad eccezione dei miti e le fantasiose teorie propugnate da alcuni archeologi analizzando dei cocci di ceramica. Il mondo non è stato creato nel 3000 o 4000 aC, ma il nostro mondo, il mondo della nostra civiltà, fece i suoi primi passi proprio allora.

Purtroppo, la storia umana è una storia di crimini, follie e fallimenti. Anche i momenti più brillanti sono deboli. Una civiltà raggiunge una fioritura sublime, e solo una generazione più tardi si immerge nel buio e nella decadenza. Un santo emerge per ricordare all'umanità i valori della sapienza e della bontà, e pochi decenni dopo i suoi seguaci trasformano i suoi insegnamenti in una scusa per esercitare coercizione e violenza.

Nel complesso, non è una storia ispiratrice, e in un certo senso la previsione che tutto possa proseguire allo stesso modo, come sempre, è più tragica e allarmante di qualsiasi previsione apocalittica. Oggi ci troviamo a dire con Joyce Stephen Dedalus: "la Storia è un incubo da cui stiamo cercando di svegliarci". 

Non potrebbe essere che le profezie del 2012, per quanto ridicole possano apparire, sottolineino la speranza di una umanità finalmente in grado di prevenire ad un risveglio collettivo?

Io credo che sia probabile. Di più non posso dire. Non sono un profeta, e come questo libro dimostra, non credo nei profeti. Ma ho come la sensazione che la razza umana stia cercando di  risvegliarsi da un terrificante, lungo sonno.
Ciò che potrebbe accadere dopo il risveglio non ci è dato saperlo. Si tratta di visioni ermeticamente precluse da un muro impenetrabile come quello che ci impedisce di vedere la preistoria.

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito: Reality Sandwich
Link diretto:
http://www.realitysandwich.com/nostradamus_and_2012

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Post correlati: Tutte le Volte che il Mondo Non è Finito
Post correlati: 2012: Realtà o Illusione? - D. Icke
Post correlati: L'Anticristo
Post correlati: Be Prepared!
Post correlati: Taos Hum: il Suono dell'Apocalisse?
Post correlati: Biochip, Apocalisse e NWO
Post correlati: I Testimoni di Geova
Post correlati: Tag Apocalisse

Le Grandi Profezie della Storia - Libro



Autori Vari


Manuale dell'Apocalisse - Libro

Cinquanta ipotesi sulla fine del mondo

3 commenti:

  1. Ottima traduzione ragazzi!

    Questa data ha tutte le caratteristiche per prestarsi ai soliti sporchi giochi di potere, l'uomo dovrebbe essere libero di pensare e agire grazie alla sua personale esperienza di vita! Ieri, Oggi non nel 2012!

    A breve scriverò qualcosa in merito..

    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  2. grazie, amico.
    ... sebbene attualmente la esperienza di vita ci dica che le catastrofi sono aumentate a dismisura. pure casualità naturali? eventi indotti artificialmente? mah ... la cosa secondo me non è chiarissima, tanto è vero che tempo fa abbiamo dedicato un sondaggio all'argomento. per la cronaca, il sondaggio si è concluso con un plebiscito a favore delle cause artificiali.

    a presto

    RispondiElimina
  3. La Terza Guerra Mondiale nel 2011 - meteoriti colpiscono la Terra in pericolo sentiero Honda 45 / р nell'agosto 2011 - 26 agosto esplosione nella Eastern Star 2011 - Shaul Mofaz = Anti-Krist -

    http://emam-mahdi-1390.blogfa.com/

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE