30 agosto 2010

Albert Einstein: Plagio e Frode (Olinto De Pretto)

Albert Einstein santificatodi I. Mosley
Traduzione di Anticorpi.info
.
Albert Einstein è oggi venerato come il padre della scienza moderna. La sua faccia rugosa ed i capelli scompigliati sono diventati simbolo di genialità, e la celebre equazione: E = mc ^ 2 è usata come simbolo di scienza e intelletto.

Tuttavia è da anni sempre più evidente che questo 'padre della scienza moderna' altro non sia stato che un truffatore, per lo più dedito a rubare il lavoro e la ricerca altrui.

La prova più lampante riguarda proprio la 'sua' più famosa equazione. Numerose fonti riportano che E = mc ^ 2, ossia la Teoria della Relatività da sempre collegata alla figura di Einstein in realtà non fu originariamente pubblicata da Einstein.

Secondo gli studi di Umberto Bartocci, docente presso l'Università di Perugia e storico della matematica, questa famosa equazione fu pubblicata da Olinto De Pretto ben due anni prima della pubblicazione delle equazioni di Einstein.

Nel 1903 De Pretto pubblicò la sua equazione sulla rivista scientifica Atte, e nel 1904 la stessa equazione fu pubblicata dal Regio Istituto di Scienze Veneto. Le ricerche di Einstein non furono pubblicate fino al 1905 ... Einstein parlava un buon italiano, e visse anche nel Nord Italia per un breve periodo.

Di conseguenza l'equazione "E = mc ^ 2" dovrebbe essere chiamata 'Equazione De Pretto' e non 'Equazione di Einstein.'

Tali argomenti sollevano la questione su che genere di personaggio fosse realmente Einstein. Esistono altre prove che possa essere stato incline a comportamenti non etici?

Un sito web riporta che "Einstein ... era ben lontano dall'essere un marito ideale. Un anno prima di sposarsi la sua compagna Mileva diede alla luce una figlia, Lieserl, mentre Einstein era via. Il destino della piccola è sconosciuto, ma si presume che sia stata data in adozione probabilmente sotto la pressione di Einstein stesso, che sembra non abbia mai nemmeno veduto la sua primogenita.

Dopo il matrimonio Mileva gli diede altri due figli, tuttavia la coppia era già sull'orlo della separazione. Einstein intraprese una relazione con la cugina Elsa Lowenthal durante un viaggio a Berlino nel 1912, per poi lasciare Mileva e i figli due anni dopo.

Einstein e Mileva divorziarono nel 1919, dopo che Einstein ebbe inviato alla consorte un elenco di 'condizioni' in base a cui sarebbe stato disposto a restare sposato. La lista annoverava richieste autocratiche del tipo: "Non dovrete aspettarvi alcuna intimità, né dovrete mai rimproverarmi in alcun modo."

Dopo il divorzio, Einstein vide poco i suoi figli. Il più grande - Hans Albert -  in seguito considerò che 'probabilmente l'unico progetto abbandonato da mio padre, sono io.' Il figlio minore Eduard morì in manicomio dopo una diagnosi di schizofrenia.

Subito dopo il divorzio Einstein sposò Elsa, ma pochi anni dopo iniziò una relazione con Betty Neumann, la nipote di un amico.

Alcuni sostengono che l'opera di plagio di Einstein si estese al lavoro di numerosi altri fisici. Una domanda che continua a suscitare discussioni riguarda quanto Einstein trasse dal lavoro di Hendrik Lorentz e Henri Poincaré nel formulare la Teoria della Relatività Speciale. Alcuni elementi della teoria di Einstein del 1905 risultano identici a parti di alcuni documenti datati 1904 redatti da Lorentz e Poincaré.

Einstein sostenne di aver letto tali opere dopo il 1905.
Un dato apparentemente schiacciante è che il documento di Einstein del 1905 non recava riferimenti, lasciando intendere che egli fosse consapevole di stare nascondendo qualcosa.

Una fonte osserva che "David Hilbert presentò un articolo contenente le equazioni di campo della relatività generale cinque giorni prima di Einstein."

Un'altra fonte precisa che "Einstein presentò il proprio documento il giorno 25 Novembre 1915 a Berlino, quando Hilbert aveva presentato il suo il giorno 20 novembre 1915 a Gottinga. 

Il 18 novembre, Hilbert ricevette una lettera di ringraziamento da parte di Einstein, a proposito dello invio di una bozza di progetto che Hilbert aveva intenzione di presentare il 20. 

Quindi, in realtà, Hilbert aveva inviato una copia del suo lavoro ad Einstein con almeno due settimane di anticipo. Sicché il lavoro di Hilbert diventò quello di Einstein. (David Hilbert morì nel 1943)

Tali dati storici sono facilmente disponibili sebbene sia risaputo che molti scienziati e storici preferiscono tacere al riguardo. La determinazione secondo cui la luce abbia una velocità finita fu realizzata da Michelson e Morley decenni prima di Einstein.

Hendrik Lorentz determinò attraverso le sue equazioni la concezione relativistica del tempo e le contrazioni di lunghezza che diventano significative via via che si avvicinano alla velocità della luce.

Questi signori, insieme a David Hilbert e Olinto De Pretto sono stati boicottati in modo tale che Einstein avesse potuto assumere il merito delle loro determinazioni.

Einstein sembrò appoggiarsi molto alla sua prima moglie, studentessa di talento di tre anni più anziana di lui, per compensare la sua limitata capacità.

Un altro sito web scrive: "... nel 1927 H. Thirring scrisse che 'H. Poincaré aveva già completamente risolto il problema alcuni anni prima della comparsa dei primi lavori di Einstein (1905). . . . "

Sir Edmund Whittaker, nella sua indagine dettagliata, Storia delle Teorie su Etere ed Elettricità, volume II, (1953), intitolò un capitolo: 'La teoria della relatività di Poincaré e Lorentz'.

Whittaker documentò accuratamente la autentica storia dello sviluppo della teoria e dimostrò - citando fonti primarie - che Einstein non ebbe alcun merito circa gran parte della teoria. Einstein di contro non addusse controargomentazioni alle accuse del celebre trattato di Whittaker. . .

Insomma, volendo mantenere al riguardo una certa moderazione, si può affermare che Einstein fosse poco più di un comprimario, per non dire un ladro intellettuale e fanfarone pretenzioso. Quando il libro di Whitaker fu pubblicato Einstein era ancora in vita, eppure non rispose. Nessuna querela per diffamazione, nessuna smentita, nessun comunicato pubblico.

relatività, Olindo De Pretto

Einstein è stato il primo grande truffatore e ladro di idee della scienza moderna. Il suo furto dell'equazione di Olinto De Pretto E = mc ^ 2 gli diede una notevole credibilità scientifica, su cui poi costruì una carriera scientifica. De Pretto non fu un fisico professionista, e trascorse la sua vita come industriale, venendo a mancare nel 1921.

De Pretto pubblicò la sua equazione in ben due occasioni, e restò senza dubbio molto meravigliato che qualcuno avesse potuto rivendicare il merito del suo lavoro.

Mileva Einstein
Addirittura si sospetta che i primi lavori di Einstein fossero in realtà opera della sua prima moglie, Mileva, studentessa di gran lunga più brillante di lui. (Probabilmente fu riluttante a denunciare il plagio in quanto il fisico era il padre dei suoi figli.)

Alcuni docenti universitari usano appropriarsi del lavoro dei loro studenti laureati, e sarebbe interessante vedere se qualcuno degli studenti di Einstein si sia mai lamentato di un simile furto. E' raro che un plagiatore smetta di plagiare, specie se continua a farla franca.

Le denunce contro Einstein tuttavia sembrano scomparire nel buco nero di orwelliana memoria. Einstein costituisce ovviamente una vacca sacra per molti. Alcuni hanno addirittura adoperato la parola 'eresia' per censurare critiche serie e ben documentate aventi per oggetto i plagi di Einstein.

Tuttavia alla lunga la verità viene sempre a galla, e un giorno Einstein sarà conosciuto come un plagiatore, piuttosto che come un grande fisico.

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito: AlterMedia.info
Link diretto all'articolo:
http://us.altermedia.info/news-of-interest-to-white-people/albert-einstein-plagiarist-and-fraud-2_7593.html#more-7593
Post correlati: Tag Revisioni
Post correlati: Tag Personaggi Storici

Albert Einstein e Olinto De Pretto: la Vera Storia della Formula più Famosa del Mondo


Esperimenti Scientifici Non Autorizzati - Libro




14 commenti:

  1. Posso confermare che la moglie di einstein era molto più addentro del famoso marito nella conoscenza deila matematica su cui si basano le sue famose teorie della relatività

    Probabilmente la sua prima moglie (da lui tanto bistrattata) è in buona compagnia con molte altre donne, insigni matematiche o fisiche, che non poterono emergere nel mondo scientifico ed essere apprezzate per quello che valevano proprio perché, in quanto donne, dovevano sottostare a quella condizione di inferiorità rispetto ai maschi che la società del tempo aveva decretato.

    Come la teologia è appannaggio di soli maschi, così la scienza e la matematica per molto tempo sono state appannaggio quasi esclusivo dei maschi, e molte donne valenti ed intelligenti hanno subito furti intellettuali.

    Anche la scopritrice del DNA era una donna, cui rubarono la scoperta.

    Del resto il furto di idee tra colleghi maschi è un altro classico. Vedi il premio Nobel per la fisica che Segré ottenne dopo avere rubato l'idea ad un altro collega con cui si era confrontato.

    Ma Segré scrisse poi libri di storia della fisica!

    Se posso alla prossima inserisco i link di approfondimento.

    RispondiElimina
  2. Come dire non c'è nulla di nuovo sotto il sole.
    Einstein assomiglia a tanti altri uomini passati ed attuali.
    Ci sono i predatori e le vittime. In genere i predatori si uniscono tra di loro, fanno corporazioni ad hoc e le vittime restano tali. Einstein ha anche ricevuto un premio nobel per la fisica nel 1921!! Come avrà fatto? Appunto corporazioni.

    RispondiElimina
  3. "come avra fatto".... please rendersi conto della sua origine. Loro possono molto...e da molto tempo

    RispondiElimina
  4. 1. Le equazioni alla base della teoria della relatività si chiamano trasformazioni di Lorenz.
    2. Lorenz e Poincarè credevano nell'esistenza dell'etere (mai sentito parlare di principio degli stati corrispondenti?).
    3. La matematica della teoria generale era appena stata creata (da italiani) e come riporta Jabba Einstein citò tutti i matematici che l'avevano aiutato.

    P.S.: Einstein non prese il premio Nobel per la teoria della relatività.

    P.P.S.: No, Einstein non fece solo la relatività, spiegò il moto browniano e contribuì a fondare la meccanica quantistica (per il quale prese il premio Nobel e che poi rinnegò).

    RispondiElimina
  5. Viva il NWO? Ma chi sei il figlio di Paperoga? E poi chi è jabba? quello di star wars? citare fonti, testi, articoli no? ... Ma l'hai letto l'articolo o hai fatto solo finta? ... geniaccio, vai a farti chippare che sei già pronto

    RispondiElimina
  6. Ora non ritrovo il link (se qualcuno l'avesse potrebbe postarlo), ma ricordo qualcosa riguardo ad una connessione tra Einstein e la casata Rothschild.

    Sintesi

    RispondiElimina
  7. Filippo Scòzzari31 agosto 2010 12:28

    Renzo Boscoli - Roberto Monti
    "EPPUR SI FONDE"
    Dalla fine della relatività alla fusione nucleare fredda
    Primo Carnera Editore, Roma, Maggio 1989

    RispondiElimina
  8. Viva il nwo è uno dei soliti...

    RispondiElimina
  9. io credo che quello che scrivete sia falsoe tendenzioso

    RispondiElimina
  10. Mi rivolgo direttamente agli amministratori del sito, i quali forse non sapendo fare altro nella vita hanno pensato bene di cercare notorietà speculando su personaggi purtroppo non più in grado di rispondere (chissà magari da questo proviene il loro coraggio). Il problema è che non siete stati neanche abbastanza non dico intelligenti ma quantomeno furbi da prendere un personaggio che non abbia fatto quello che ha fatto Einstein, ve la siete presa con un signore che ha rivoluzionato non solo il mondo scientifico ma anche quello che si stacca da un discorso matematico, è una filosofia scientificamente provata la sua, vi sfido ad eguagliare chi è stato eletto addirittura uomo del secolo dal New York Times, o credete che sia stato davvero tutto grazie ai suoi agganci da "ebreo"? Non apro il dibattito sul razzismo altrimenti potrei diventare ancora più pesante, quasi quanto un treno merci carico di innocenti con destinazione "Inferno". Comunque tralasciando i commenti degli utenti ancora più stupidi e certamente ignoranti in materia vi espongo le mie argomentazioni che mie non sono perchè sono oggettive:
    - per quanto riguarda De Pretto, si sa che l'idea della relatività era già diventata virale, sopratutto in Italia visto che Einstein soggiornò in Italia e conosceva abbastanza l'italiano, quindi non era difficile giungere alla conclusione come tutte le teorie scientifiche la cosa difficile era dimostrarla con un lungo percorso matematico e fisico, voi non credo sappiate cosa menzionate ma vi assicuro che De Pretto, il quale era un imprenditore con interesse di fisica (certamente non ai livelli di Einstein), non sarebbe stato in grado di fornire, ecco perchè il merito, e non il Nobel, che vinse per ben altri motivi, andò ad Einstein.
    -per la questione di Lorentz sappiate che lui ammette l'etere come stato di quiete, l'etere è praticamente fantasia non esiste da nessuna parte. Lorentz afferma che se un corpo è nello stato dell'etere vede la contrazione di un altro corpo che non è in stato di quiete, mentre il corpo che non è in quiete non vede nessuna contrazione. Dove la vedete la relatività in questo concetto? A volte c'è la contrazione e a volte no? Non può essere, quindi pur essendo Lorentz uno dei più grandi fisici e pur avendo certamente partecipato con altre scoperte alla formulazione della Teoria della Relatività DI EINSTEIN, non può essere stato plagiato da quest'ultimo.
    - Arrivando ad Hilbert, altro grandissimo scienziato, i due collaborarono molto per le loro scoperte in fisica, ma lo stesso Hilbert scrisse in un articolo pubblicato pochi giorni dopo quelli di Einstein "Le equazioni differenziali della gravitazione che ho ottenute mi sembrano in accordo con la magnifica teoria della relatività generale enunciata da Einstein nel suo ultimo articolo" è evidente quindi che tra loro ci fosse un rapporto di grande stima reciproca già mostrata nelle copiose lettere scambiate dai due, ovviamente sempre di argomento fisico, molto prima della pubblicazione dell'articolo. In ultima analisi i due collaborarono per verificare le loro teorie che erano strettamente collegate, la quasi poetica Teoria della Relatività (questa volta Generale) sempre di Einstein e quella del Metodo Assiomatico di Hilbert, le quali si confermavano reciprocamente.
    Parlate di meno, pensate di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura il New York Times!!! Ebbè, allora... Rilassati Anonimo, e dai un'occhiata al libro segnalato in coda al post

      Elimina
    2. http://lmgtfy.com/?q=einstein+de+pretto
      Anonimo, meglio che torni a leggere i tuoi bei libriccini e il NYT

      Elimina
    3. anche Einstein credeva all'etere mi pare o no?

      Elimina
  11. il punto vero non è chi le ha elaborate ma se queste teorie sono dimostrabili o no

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE