15 marzo 2013

Vita Ultraterrena - Proof of Heaven - E. Alexander

di M. Adams
Traduzione di Anticorpi.info

"Esiste un segreto di gran lunga più importante della libertà, la politica, la salute, la scienza e perfino di tutta la storia del genere umano. Tale segreto ancora oggi risulta misconosciuto e a volte condannato dalla comunità scientifica, benché sia in effetti il più grande segreto in assoluto. Si, il più grande di tutti.

A quale segreto mi riferisco? Al semplice fatto che noi tutti non moriamo con la morte dei nostri corpi. La nostra coscienza sopravvive, e quando questo sogno terreno giunge a conclusione con la morte, la nostra coscienza trascende la realtà materiale e sperimenta una esperienza incredibile e potente al punto che il linguaggio umano non può nemmeno avvicinarsi a descriverla."

Questo è quanto asserito dal dr. Eben Alexander (v. correlati), autore del libro in uscita Proof of Heaven (La Prova del Paradiso - n.d.t.). Di recente ho letto il libro e l'ho trovato affascinante e capace di apportare un nuovo contributo ad alcune teorie che sto sviluppando in merito alla natura della vita e del Creatore.

Abbiamo a che fare con uno scienziato positivista che per tutta la vita non ha mai creduto in Dio, nello aldilà o nella coscienza. Prima di scrivere questo libro il dottor Alexander operava come neurochirurgo e aveva una mentalità del tutto scettica. Non credeva nella esistenza della coscienza, del libero arbitrio e di una realtà spirituale, non fisica. Formatosi nell'ambiente della medicina convenzionale occidentale, e circondato da colleghi votati ad una visione materialistica dell'universo, Alexander era sempre stato fermamente convinto che la cosiddetta 'coscienza' fosse solo un'illusione creata da alcune reazioni biochimiche del cervello.

Si tratta di una tesi perorata da quasi tutti gli scienziati ufficiali odierni, tra cui fisici come Stephen Hawking , i quali asseriscono che gli esseri umani non sono altro che 'robot biologici' privi di coscienza e libero arbitrio.

Il dottor Alexander avrebbe conservato questa mentalità fino al letto di morte se non avesse vissuto una esperienza così bizzarra e miracolosa da sfidare qualsiasi spiegazione convenzionale scientifica: Alexander è 'morto' per sette giorni, arco di tempo in cui ha sperimentato un viaggio vivido nell'aldilà. Dopodiché è rientrato nel suo corpo fisico, ha vissuto una guarigione miracolosa e ha scritto Proof of Heaven.

La malattia e il coma.
Tutto è iniziato quando i batteri della e.coli infettarono il midollo spinale e il cervello di Alexander. Il batterio cominciò letteralmente a cibarsi del suo cervello, ed Eben ebbe violentissime crisi fatte di esplosioni verbali e spasmi muscolari, prima di scivolare in un coma in cui il suo cervello smise di produrre attività elettrica (morte cerebrale).

In questo stato di coma, fu tenuto in vita solo attraverso un respiratore e fluidi IV. I medici che lo avevano preso in cura previdero che sarebbe morto nel giro di pochi giorni, e che nella remota possibilità che fosse sopravvissuto, avrebbe trascorso il resto dei suoi giorni in stato vegetativo. Statisticamente il tasso di mortalità per infezione da e.coli al cervello è del 97%.

E' proprio a questo punto che inizia la parte stupefacente della storia, perché anziché sperimentare il vuoto assoluto, il nulla, durante quei 7 giorni di incoscienza il dottor Alexander visse una sorta di risveglio dal sogno della vita terrena; una espansione incomprensibilmente grande della sua coscienza, in una dimensione non terrena.

Questa esperienza viene descritta dettagliatamente nel libro, ma qui ne riporterò i punti salienti:


  • L'esperienza della vita dopo la morte è talmente 'reale' ed immensa che la vita sotto forma di essere umano sulla Terra viene percepita come un sogno 'artificiale' al confronto.
  • Non esiste una dimensione cronologica nella vita ultraterrena. Il tempo non è un 'flusso', come appare nel nostro universo. Un attimo può durare un'eternità, e la coscienza può muoversi senza sforzo attraverso ciò che percepiamo come 'tempo.' (L'idea secondo cui tutto il tempo in realtà si sviluppi nello stesso istante ha enormi implicazioni nella comprensione della natura del libero arbitrio e del multi-verso, e dell'apparente flusso temporale percepito dalla nostra coscienza in questo regno).
  • La trama della vita dopo la morte è ordita con un tessuto di puro amore. L'amore domina la vita dopo la morte al punto tale che la presenza del male è percepita come infinitamente piccola.
  • Nell'aldilà, la comunicazione avviene in forma telepatica. Non c'è bisogno di oralità, e decade ogni senso di separazione tra l'io e tutto il resto.
  • Non esiste ignoranza, ed è sufficiente la semplice manifestazione di un interrogativo per ottenere all'istante la risposta, la quale giunge con una profondità ed un dettaglio da mozzare il fiato.
  • L'inferno esiste, ed Alexander lo ha descritto come un tormentoso luogo sotterraneo infestato dalle radici nodose degli alberi e da volti demoniaci. Sostiene di esserne stato tirato fuori da alcuni esseri 'angelici.'

Dio ed il multi-verso.
Uno dei passaggi che ho trovato più interessanti si trova a pagina 48 del libro, in cui Alexander scrive:
Attraverso l'Orb, [Dio] mi ha rivelato che non esiste un unico universo, ma in realtà ve ne sono più di quanti potremmo immaginarne. L'amore tuttavia è al centro di ognuno di essi. Anche il male è presente in ognuno di essi. Il male è necessario in quanto consente l'esercizio del libero arbitrio, in assenza del quale non esisterebbe alcuna crescita, alcun movimento in avanti, e dunque alcuna possibilità di diventare ciò che Dio desidera che diventiamo. Per quanto in un mondo come il nostro il male sia percepito a volte come orribilmente potente, in un quadro più ampio l'amore domina a dismisura ed è - in ultima analisi - trionfante.
Questo passaggio ha toccato una corda molto sensibile in me, che sono convinto che il Creatore abbia creato il nostro universo insieme ad un numero infinito di altri universi, ciascuno differenziato da variazioni di tipo biologico e di leggi della fisica. Inoltre quanto asserito dal dr. Alexander è una nuova conferma del fatto che la nostra vita sulla Terra sia una 'prova' di crescita personale, e che il solo modo per fare progressi in tale prova sia combattere il male diffondendo amore e compassione.

Inoltre questo passaggio conferma anche l'esistenza del libero arbitrio, ed aiuta a rispondere alla domanda che spesso mi viene posta: "Perché creare un mondo pieno di malvagità, ignoranza, oscurità ed inganno?" La risposta potrebbe essere che la Terra sia in realtà un banco di prova per alcune anime selezionate dal Creatore.

La Terra come banco di prova.
Sebbene il libro non faccia riferimento a quanto sto per dire, la mia ipotesi di studio è che il nostro pianeta sia uno dei mondi più infestati dal male all'interno del grande multi-verso. Solo le anime più coraggiose scelgono di venire sulla Terra, incarnarsi in corpi umani e spogliarsi dei loro ricordi.

Da quel momento incomincia per esse una sfida molto complessa:

Capire chi siano e perché si trovino qui.
Imparare a riconoscere e vincere il male (la tirannia, la schiavitù, l'oppressione, il Grande Governo, ecc.)
Imparare a diffondere l'amore, la compassione, la guarigione e la conoscenza.

Alla nostra morte siamo giudicati da un potere superiore che valuta le nostre azioni in questi settori. Abbiamo raggiunto una adeguata consapevolezza? Abbiamo lavorato per combattere il male? Abbiamo espresso amore e compassione? Abbiamo aiutato gli altri nel loro percorso di conoscenza e consapevolezza?

Come probabilmente avrete già capito, molti esseri umani falliscono questi test. Muoiono come aridi, egoisti, avidi servi del male che cadendo nel tranello si convincono di stare vincendo la partita della vita, mentre in realtà avviene l'esatto opposto, cioè perdono l'unica prova che conti davvero.

La parte più significativa di una esistenza umana non è l'acquisizione di denaro, fama e potere sul prossimo, ma superare questa prova denominata 'vita'; resistendo alle malie del male, diffondendo l'amore e ampliando la consapevolezza di ciò che è vero.

Le anime che al termine della prova abbiano dimostrato di rispettare la vita, praticato umiltà e ampliato la consapevolezza di se; che si siano adoperate per diffondere la conoscenza e la saggezza e abbiano resistito alla tirannia, l'oppressione, l'ignoranza e il male, potrebbero essere elette per compiti speciali nel multi-verso. Compiti nella esistenza 'reale', dato che la vita terrena è solo un sogno, un lasso di tempo che in realtà è un batter d'occhio in un quadro più ampio.

La verità è che sei più del tuo corpo. La tua anima è infinitamente più consapevole, intelligente e creativa di quanto possa essere sperimentato o espresso con il cervello di un essere umano. Cercare di comprendere la vera essenza della realtà attraverso il cervello umano è come cercare di insegnare ad un insetto a comporre sinfonie mozartiane.

Il multi-verso brulica di vita intelligente, tra cui esseri multidimensionali.
L'esperienza sperimentata dal dr. Alexander conferma anche l'esistenza di forme di vita intelligente al di là della Terra. Come spiega nel libro:
Sono stato testimone della abbondanza della vita negli innumerevoli universi, tra cui intelligenze molto più evolute di quella umana. Ho visto che esistono innumerevoli dimensioni superiori, ma che l'unico modo per conoscerle è accedendo ad esse e sperimentandole direttamente. Non è possibile conoscerle o comprenderle dalle dimensioni inferiori, mentre da quei mondi è possibile accedere nel nostro in qualsiasi momento.
Tutto ciò non solo conferma l'esistenza di altre civiltà intelligenti nel nostro universo, ma soprattutto l'esistenza di esseri multidimensionali capaci di entrare e uscire dalla nostra realtà a loro piacimento.

In tutte le culture del mondo ci sono miti che narrano di una civiltà evoluta che avrebbe visitato la Terra in passato, avrebbe tramandato ai primi uomini le basi della civiltà e si sarebbero perfino incrociati con essi (v. correlati). La stessa dottrina cristiana ha alla base il concetto di un essere onnipresente multidimensionale (Dio) capace di intervenire a proprio piacimento nei fatti umani, e capace di trascendere il tempo e lo spazio.

Anche ricercatori alternativi come David Icke parlano di esseri multi-dimensionali che avrebbero infestato il nostro pianeta. Secondo Icke i controllori globalisti del nostro pianeta sarebbero in realtà letteralmente rettili muta-forma che hanno invaso il nostro mondo con lo scopo di controllare e schiavizzare l'umanità (v. correlati). Sebbene nulla di quanto appena detto sia menzionato nel libro di Alexander, tali concetti sono indirettamente confermati dal succo del suo racconto. Vale a dire che esisterebbero realtà multidimensionali; che alcuni esseri di elevata vibrazione sarebbero in grado di attraversare a piacimento tali piani dimensionali, e che la Terra è infestata da un grande male con lo scopo specifico di testare il carattere di chi la abita.

Gli scienziati scettici si sbagliano (di nuovo).
Indipendentemente dalle opinioni che ognuno può avere sui temi specifici appena trattati, emerge un aspetto incontestabile in tutto ciò: gli scienziati scettici si sbagliano di grosso.

L'attributo 'scettici' è inappropriato. Non si tratta di scetticismo. Più semplicemente queste persone professano la loro religione, che come ogni altra religione contempla l'obbligo di osservare un insieme di assiomi sacri e indiscutibili. Questi includono il culto della visione materialistica dell'universo. Allo stesso tempo, i cosiddetti 'scettici' non credono di essere dotati di coscienza in quanto convinti che la coscienza sia solo un 'artefatto' prodotto dalle funzioni biochimiche del cervello.

Non c'è vita dopo la morte, insistono. La mente non influenza la guarigione, l'effetto placebo è inutile, e non esistono cose come la premonizione, la visione a distanza o altri fenomeni psichici. Oh sì, e poi insistono sul fatto che inocularsi mercurio, MSG e formaldeide attraverso i vaccini faccia bene; che sostanze chimiche come il fluoro siano benefiche per la salute pubblica e che dovremmo mangiare più OGM, pesticidi e sostanze sintetizzate con la chimica.

Non sorprende che questi membri della setta religiosa del culto scientista si siano convinti che non esista  una vita dopo la morte. E' proprio questo bias che permette loro di commettere crimini di genocidio contro la razza umana mediante gli OGM, la medicina sperimentale, i vaccini tossici e altre cose mortali (ad esempio le scie chimiche - n.d.t.) Secondo il loro punto di vista, non esistendo l'anima, uccidere altri esseri umani non comporta alcuna conseguenza.

Come asserisce il dottor Alexander:
Alcuni membri della comunità scientifica, del tutto immersi in una visione del mondo materialista, hanno insistito più e più volte che la scienza e la spiritualità non possano coesistere. Ebbene, si sbagliano.
Beh, certo che si  sbagliano. Gli scienziati 'scettici' di solito muoiono prima che spunti qualcosa di nuovo che smentisce tutti i concetti che hanno passato la vita a difendere. Ma il loro errore più grande sta nel negare l'esistenza della loro stessa anima. Inutile dire che sono tutti destinati a fallire nella 'prova' che si ipotizzava qualche paragrafo sopra. Quando giungerà il loro giorno queste anime tristi sperimenteranno qualcosa di sorprendente ...

Al posto loro mi dispiacerebbe affrontare Dio un giorno, dopo aver vissuto una vita da scienziato scettico, e sentirmi chiedere come possa avere fatto a dubitare di lui. Come si fa a guardare il mondo che ci circonda e non intuire i segni di un Creatore intelligente? Persino le leggi della fisica sono state ottimizzate proprio con il corretto equilibrio così che il nostro universo fosse in grado di supportare la formazione di stelle e pianeti, e tutte le forme di vita basate sul carbonio.

Non esiste spiegazione scientifica dell'esperienza vissuta dal dr. Alexander.
Gli scettici che stanno leggendo questo articolo sappiano che il dottor Alexander ha passato in rassegna nove possibili ipotesi biochimiche che giustificassero la sua esperienza, per poi scartarle una per una mediante percorsi razionali meticolosi e scientifici. A quali conclusioni è giunto? Semplicemente, che la sua esperienza sia stata reale. In verità, 'più reale' della sua stessa vita 'normale.'

Ricordate che il dr. Alexander è un neurochirurgo. Questo signore conosce i segreti del cervello come pochi altri. Le 9 possibili spiegazioni mediche che ha esaminato e poi scartato sono le seguenti:
  1. Attività del tronco cerebrale primitivo.
  2. Richiamo di ricordi distorti da parte del sistema limbico.
  3. Blocco del glutammato endogeno con eccito-tossicità.
  4. DMT dump.
  5. Isolata attività di regioni cerebrali corticali.
  6. Perdita di neuroni inibitori che conducono ad elevata attività tra le reti neuronali con conseguente creazione di una apparente 'ultra-realtà.'
  7. Attivazione del talamo e conseguente tempesta cerebrale.
  8. Fenomeno di 're-boot.'
  9. Generazione di memorie insolite da antichi percorsi ottici.
Quella fornita dal dr. Alexander è probabilmente la più credibile testimonianza circa la vita ultra-terrena, dell'intera storia umana. L'esperienza narrata nel suo libro è la più accuratamente documentata nella attuale cultura occidentale. Il fatto che una simile esperienza metafisica vivida ed iper-reale sia stata vissuta da un neurochirurgo materialista che fino a quel momento non credeva nella vita dopo la morte - e che costui abbia poi trovato il coraggio di documentare l'esperienza e pubblicarla in un libro - aggiunge una notevole credibilità alla storia.

Infatti stavolta non abbiamo a che fare con un mitomane in cerca di soldi e notorietà. In realtà, l'avere scritto questo libro gli è costato dal punto di vista della 'reputazione' e gli è valso lo scherno dei suoi ex 'colleghi' scienziati. Insomma, Alexander avrebbe avuto molte più ragioni per non scriverlo, questo libro. Ma la grazia di Dio lo ha guarito della sua infezione da E.coli, ripristinando le sue funzioni cerebrali, e concedendogli di ritornare per cercare di descrivere la sua esperienza con le parole e la scrittura.

Personalmente, sono convinto che l'esperienza del dottor Alexander rispecchi quella sperimentata da molte altre persone, di ogni cultura, tutte le volte che raccontano le loro NDE (near death experience - esperienze di premorte - n.d.t.). Esiste la vita dopo la vita, ed il processo di evoluzione della nostra specie ad un livello superiore di comprensione inizia, credo, proprio nel momento in cui abbracciamo la verità della immortalità delle nostre anime (e l'esistenza di un infinito creatore).

Cosa vuol dire tutto ciò?
Il percorso spirituale del dott. Eben Alexander ci offre molte informazioni che possono contribuire a fornire significato e scopo alle nostre vite quotidiane.

Per cominciare, potrebbe voler dire che tutte le nostre azioni si imprimano nel cosmo e siano 'contabilizzate' nella vita ultraterrena. Se il messaggio vi suona familiare è perché si tratta del concetto su cui si fonda ogni grande religione della Terra, tra cui il cristianesimo.

Significa, inoltre, che le anime di alcune persone che vivono oggi su questo pianeta potrebbero essere destinate ad avere una brutta sorpresa, mentre ad altre anime - come quella del dottor Alexander - potrebbe essere mostrata una realtà più grande. Ciò che scegliamo di fare nella nostra vita quotidiana determina il percorso delle nostre anime dopo la morte del nostro corpo fisico.

Ciò che conta realmente, quindi, non è se il tuo 'avatar' riuscirà a 'sconfiggere il male' qui sulla Terra, quanto piuttosto come si rapporterà a tutte le sfide e le tribolazioni che si troverà ad affrontare. Tutto questo è un test, capito? Ed è il motivo per cui la vita a volte sembra fare proprio schifo. Non è una panacea, è un banco di prova per le anime più coraggiose - quelle che hanno scelto di misurarsi nel regno del male e che stanno battendosi per elevarsi al di sopra di esso, prima della scadenza della loro esperienza terrena.

Articolo in lingua inglese pubblicato sul sito Divinity Now
Link diretto al sito:
http://www.divinitynow.com/

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Post correlati: Il Neurochirurgo che ha Visitato l'Aldilà
Post correlati: Life After Life- R. A. Moody
Post correlati: Miti e Leggende della Creazione: Ibridazione Progressiva?
Post correlati: Intervista a David Icke
Post correlati: Cosa Succede Dopo la Morte?
Post correlati: Hidden Hand: Una Finestra di Opportunità
Post correlati: Tag Metafisica

Esperienze di Premorte

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

14 commenti:

  1. Credo fermamente nella vita dopo la morte perche'ho'vissuto un'esperienza particolare e come il dott.eben e' convinto di cio' che ha vissuto ed e in grado di discernere fra un sogno o una nde,ringrazio per la presentazione sopracitata.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo articolo!
    Il Risveglio è possibile, anche durante la vita umana. Dobbiamo lavorare per raggiungerlo.
    Grazie!

    RispondiElimina
  3. Grandissimo articolo lo rileggero' piu' volte in quanto merita molto ,contiene concetti di grande valore .

    Grazie

    RispondiElimina
  4. nessuno ci giudica dopo il passaggio...siamo noi che "risvegliati" facciamo i conti con noi stessi e ci "puniamo" se restiamo legati questo mondo andiamo in una specie di limbo..luogo fatto di nebbia dove cercheremo di vivere come siamo abituati qui cercando di scappare da noi stessi...in parte ne ho esperienza diretta...

    RispondiElimina
  5. Bell'articolo, fa ben sperare.
    Condivido in pieno però l'approccio propostovi circa il fatto che la vita la si possa prendere come una palestra x la crescita interiore.
    Vorrei aggiungere un paio di cose che ho letto: 1) Secondo varie persone ed altre teorie, nell'altra vita incontreremo ciò che in questa abbiamo pensato che ci sia. E abbiamo costruito a livello di visualizzazione/immaginazione. Per cui anche in questo potrebbe esistere il libero arbitrio. 2) secondo il buddismo la personalità non sopravvive alla morte, ciò che resta è solo il cd "magazzino del karma", con tutte le sue cause + e - , che servirà ad una nuova anima ( e quindi ad una nuova personalità), in una nuova incarnazione. Sarà vero? Staremo a vedere..

    RispondiElimina
  6. Queste testimonianze sono interessanti ma non bisogna fare il "salto più lungo della gamba"..
    Chi ne parla sono solo quelli "ritornati", ovvero quelli che non hanno compiuto il "viaggio" sino alla fine...
    Cò che descrivono, come in questo caso, è semplicemente un potente viaggio astrale, un'esperienza intensa fuori dal corpo fisico, plasmata in base al proprio imprinting culturale. Quindi, accanto a esperienze ricorrenti come il tunnel e la luce, il cattolico vedrà i propri cari, un tibetano vedrà i demoni e i deva, ecc.
    Quello che succede al momento della morte dell'organismo corpo-mente è un dissolversi dei 5 involucri-veicoli che il Sè utilizza per fare esperienza in questa manifestazione. Quello fisico è il primo a saltare e per questo si sperimenta un senso di dilatazione, leggerezza, si osserva il proprio corpo dall'esterno. Piano piano però, in base a quanto è stata forte l'identificazione coi veicoli, anche gli altri 4 involucri si dissolvono. Forse in alcuni casi, a causa di traumi o identificazioni molto forti, questo può richiedere moltissimo tempo... questo potrebbe quindi spiegare l'esistenza dei cosiddetti "fantasmi", ovvero corpi sottili "erranti" che tardano a dissolversi...
    Già in questa vita si possono fare esperienze che dimostrano la "scindibilità" di questi veicoli tramite meditazione o con droghe varie. Tuttavia la vera "spiritualità" inizia a mio parere proprio nel momento in cui ci si interroga sulla natura di questo "spirito", di quella realtà consapevole che proietta questi veicoli ed il mondo in cui potrà fare esperienza attraverso di essi. Questa è la vera "iniziazione" alla Realtà senza forma, immanifesta, al di là delle apparenze. Tutto il resto è invece giocare con concetti relativi ed apparenti...

    RispondiElimina
  7. Ci fosse uno di quelli che fanno viaggi astrali (NDE, OBE, consultazioni dell'Akasha che dir si voglia), ce ne fosse uno che torna e ci dà qualche buon consiglio pratico, informazioni utili...

    Ce ne fosse uno che torna e ci dice chiaramente nome, cognome e indirizzo di chi andare a prendere per ripulire il pesce dalla testa.

    Ce ne fosse uno che torna a dirci come si chiama l'uomo (o la donna) in cui si è reincarnata l'anima di Arthur Rimbaud, di Leonardo da Vinci, di Giulio Cesare, di Noè, di Toht!

    Mi pare che tutti questi "illuminati" dal post-morte, in quell'occasione - come nel resto della loro vita terrena - pensino soprattutto ai cazzi loro, a mettersi il cuore in pace che tanto, una volta varcata la soglia, è tutto fico, luminoso e pieno di angeli che ti reggono il moccolo.

    Cazzo! Perché una bella OBE non capita a Viator?!?

    :-)

    T

    RispondiElimina
  8. @tnepd ... l'inferno non ti basta? :)
    chi ti dice che non mi sia mai capitata una obe? ieri sera fluttuavo sopra di te mentre stavi su youporn :)
    che fai, riapri la baracca?

    RispondiElimina
  9. Ebbene... per ora ho chiuso con il self-fisting (TNEPD).

    Adesso faccio analisi dei trend per youporn nelle categorie "wet black ass" e "blondie gang bang".

    Se parti in OBE, fammi un fischio che vado in pausa caffè.

    T

    RispondiElimina
  10. Bell'articolo, e quotissimo per NonDuale.
    Sensazione personale: mi sembra un po' neweggiano, nel senso che tende ad esaltare l'ego facendo credere al lettore di essere un'anima eletta, che la Terra sia il posto per i più coraggiosi ecc (tipica cosa da channelling iuessei).
    E poi quell'infelice riferimento alle "anime tristi"? Sembra il risultato di una bella politica New Age di divide et impera: noi lettori di questi contenuti online tanto spirituali vs. il resto del mondo, che quando saremo morti guarderemo dall'alto in basso pervasi dalla grazia del Creatore. In ciò riscontro anche la diffusissima procrastinazione della realizzazione di sé, tipica della mente, e portatrice di tanto dolore e illusione (sarò santo solo quando tutto il mondo lo sarà; sarò in pace quando la rivoluzione che ho in mente sarà compiuta; sarò me stesso quando riuscirò ad avere quel lavoro, ecc.).
    Secondo me, mutuando il pensiero dei Maestri del Cerchio 77, i nostri comportamenti sono determinati dal nostro sentire di coscienza, il quale ovviamente ha i suoi limiti, diversi per ognuno di noi. Gli scienziati, più che come "anime tristi", andrebbero visti come anime a cui manca la presa di coscienza di determinate cose. Se avessero un diverso sentire di coscienza anche il loro comportamento sarebbe diverso: i frutti dipendono dall'albero. Chi siamo noi per ergerci a giudici e scremare le anime perdute da quelle elette? Forse l'esperienza provata dal dott. Alexander gli ha permesso proprio di ampliare la sua coscienza, senza giudici né giudicati, che ne dite?

    RispondiElimina
  11. Io mi chiedo: perchè dovrebbe essere necessario un "banco di prova", prova di cosa... ma soprattutto perchè devo dar prova di ... Non è merito mio se vado oltre, e non è colpa se non ci riesco (anche perchè in questo caso non mi porrei neppure il problema...). Eppoi i "cattivi" appunto (cattivi per non stà affà 'n elenco infinito ), in realtà sono degli inconsapevoli... ahimè incolpevoli, quindi...?
    Datemi un appiglio...!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Gabriella, credo che tu stia ragionando troppo con la personalità. Che del resto è quello che facciamo tutti tranne qualche Risvegliato. Non è assolutamente detto che i "cattivi" siano inconsapevoli, anzi... vi ricordate la mitica intervista a Hidden Hands? Molto bella! (sempre che sia vera :P)

    RispondiElimina
  13. Io vorrei sapere se qualcuno di questi "ritornati" sa dirci con certezza almeno se rivedremo e soprattutto se staremo sempre accanto alle anime dei nostri cari, dopo la morte! qualcuno può dirlo? ci descrivono mondi bellissimi, esperienze di pace, incontri con esseri superiori e via dicendo, ma la cosa fondamentale è se ci riuniremo o no con le persone a cui siamo stati legati durante la nostra vita "terrestre".. penso che nessuna persona che abbia cuore e coscienza possa concepire una vita/o delle vite oltre questa senza le persone che ha amato durante il viaggio terreno.. altrimenti sarebbe nientemeno che un inferno senza fine, per come la vedo io

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE