17 aprile 2013

Il Cospirazionismo fa Parte della Cospirazione?

Intro - Heartaware

Questo articolo tocca un tema delicato e rilevante. Lancia l’ipotesi che il cosiddetto cospirazionismo – cioè quel sistema di pensiero strutturato che fa discendere i mali del mondo da una longa manus nascosta, malevola ed ingannatoria che persegue interessi egoistici, di lucro e potere – possa, in qualche modo, far comodo al sistema. Se il venire a conoscenza di determinate informazioni ci lascia nella rabbia, nella frustrazione, con un implacabile senso di vuoto e di impotenza, allora esso diventa funzionale agli scopi del Governo mondiale Occulto, che potrebbe perfino essere interessato alla sua divulgazione.

Non basta propendere alla Verità soltanto a livello concettuale ed informativo; occorre saper trasformare le informazioni sensibili – a volte persino sgradevoli e disturbanti – in propositi costruttivi e in atteggiamento positivo. Solo se, nel profondo centro del nostro essere, riusciamo a non farci colpire né coinvolgere dalla parte oscura degli accadimenti planetari, potremmo assurgere autenticamente al ruolo di costruttori di pace e di bene. Finché invece perdureremo nel nostro senso di rabbia e di protesta contro il sistema, che ci piaccia o no, saremo di grande utilità energetica per quegli stessi piani oscuri che ci proponiamo di combattere.

In coda all’articolo, riportiamo un breve monologo audio nel quale questi concetti espressi sono innalzati su un piano metafisico ancora più elevato. L’osservazione centrale è: “Siamo sicuri che il cospirazionismo non sia che una semplice enorme eggregora energetica, una forma pensiero condivisa collettivamente?”. In tal caso, più la si “conosce” più ne si fa parte. Forse è per questo che i maggiori conoscitori e teorici del cospirazionismo – quelli che dipingono il mondo a tinte così fosche e sono così propensi a vedere ovunque controllo e la manipolazione – potrebbero essere considerati a ragione come appendici funzionali del sistema che credono di denunciare. Come diceva Robert A. Wilson, “Il vero segreto degli Illuminati, è che tu non sai di farne parte.”

Di certo, l’unico modo di non farne parte, è rimanere imperturbabili nella Luce, proseguendo le nostre vite costruttivamente centrati nella positività, in un incessante cammino verso il continuo perfezionamento di noi stessi e del mondo. Spesso i cospirazionisti, quelli che “sanno” chi muove le fila del mondo, scherniscono gli altri con l’epiteto di positivisti, sciocchi, giulivi e illusi, perchè tanto “faremo tutti la stessa fine, quella già decisa e prestabilita da coloro che governano occultamente il mondo”. Ebbene, forse adesso possiamo capire il perché di tali affermazioni, ora sappiamo da che parte stanno: loro invece, forse non l’hanno capito ancora.

Verità Comode al Cospirazionismo

di L. Antinozzi

Perché oggi si parla tanto di cospirazionismo, dando in pasto alla massa incolta, soprattutto quella televisiva, verità che a tutta prima sembrano così scomode al potere? È mai possibile che vogliano svegliarci improvvisamente dal nostro letargo? A chi giova parlarne? Siamo di fronte a ciò che troppo superficialmente viene definito il processo rigenerativo della disclosure, oppure si tratta di un affinamento della strategia del potere per un’ulteriore e più radicale manipolazione mentale?

L’ispirazione per proporre le seguenti riflessioni mi è venuta da un amico che mi riferisce il fatto che la programmazione televisiva di History Channel tocca spesso argomenti scottanti come la presenza occulta nella storia umana di società segrete come quella degli Illuminati.

Com’è possibile, mi chiedeva il mio amico, che un canale televisivo a larga diffusione ci conceda il privilegio di mostrarci determinate verità di natura cospiratoria, ancora sconosciute alla maggioranza, che dovrebbero essere assai scomode per chi detiene il potere globale? Tanto più che provengono da network televisivi, di assoluta dominanza sul pubblico mondiale, molto vicini, se non dirette emanazioni, di quegli imperi economici, politici e mediatici che li controllano?

Questo, a prescindere da come in genere vengono trattati in televisione i temi legati al mistero, per cui prima si avanza una serie di ipotesi del tutto credibili, per poi alla fine rimangiarsi tutto, ponendo la questione solo sul piano delle mere ipotesi speculative. Cosa di cui anche la nostra televisione italiota è maestra con programma assai seguiti come “Misteri”.

Sta di fatto che l’effetto ottenuto sul pubblico, comunque, è quello di offrire degli squarci tanto inediti, ma ormai non più di tanto, quanto inquietanti, sugli aspetti nascosti della nostra storia. Quel che negli anni passati era tacciato per bieca e ingenua dietrologia cospirativa, prerogativa di poche menti paranoiche, ormai sta diventando un argomento ufficiale di dominio pubblico. In questo contribuiscono anche gli eventi concreti, sempre più minacciosi e angoscianti, che caratterizzano le notizie degli organi di informazione, che non possono che confermare indirettamente l’intervento di una potente ed oscura longa manus che dirige tutto, dietro il palcoscenico della realtà storica.

Due considerazioni. La prima è banale: il vero potere è e rimane nascosto, altrimenti che potere è? Se si parla tanto degli Illuminati, oppure del gruppo Bilderberg, che tra un po’ verrà citato anche nei programmi di ricette gastronomiche, è perché si è deciso di addebitare a queste, o simili compagini, tutte la responsabilità degli eventi. Evidentemente chi sta loro dietro, sia sul piano materiale che su quello di altre realtà dimensionali, si sente così sicuro che non viene minimamente toccato dal dare in pasto al pubblico certe informazioni. In fondo la domanda “chi c’è dietro?” è una questione sempre pertinente, ma anche irrisolvibile data la struttura gerarchica pressoché infinita del cosmo.

La seconda considerazione è meno banale e vale la pena meditarci sopra. Quel che appare in questi tempi è che il potere abbia compiuto un notevole salto di qualità nella manipolazione di massa delle menti. Ormai si punta direttamente non solo a controllare la conoscenza, ovvero i pensieri della gente, ma anche e soprattutto la loro anima. Indipendentemente dal significato da attribuire a questo termine astratto, che ha un senso diverso per ogni individuo, a seconda del proprio credo religioso od esistenziale, con anima intendo l’aspetto più sostanziale della nostra vita, l’energia vitale delle persone, quella che determina, in un modo o nell’altro, la qualità stessa della propria coscienza.

Mi spiego meglio. A chi giova veramente il portare a conoscenza che tutto è manipolato, che tutto ciò che ci hanno raccontato, a cominciare dalla scuola, è solo il frutto di una infinita serie di menzogne? Ci sono due possibili risposte a questo genere di informazioni, entrambe estremamente funzionali a chi dirige il gioco.

Ci sono quelli che sembra abbiano scoperto chissà cosa, vedono che finalmente qualcuno dice come stanno realmente le cose, si sentono completamente d’accordo e rispondono con un sentimento di grande indignazione ed hanno quindi la reazione di schierarsi da una parte, contro i manipolatori cattivi. Il risultato è quello di creare un’ulteriore separazione tra gli uomini, un’altra divisione tra bene e male, inaugurando un altro conflitto su cui dominerà ancora meglio chi lo gestisce attraverso il famigerato dividi et impera. Il che implica, prima ancora di questo, una separazione interiore, perché la rabbia divide dentro e toglie la possibilità di esprimere amore e accettazione di se stessi e dell’altro.

Ci sono poi gli altri che invece si sentono annichiliti da queste rivelazioni, ammutoliscono, sono così sconvolti da creare un pericoloso vuoto dentro di loro. Si dicono: ma allora io dove ho vissuto fino ad oggi? Se ho basato tutta la mia vita su questo ed ora mi dicono che non è vero niente, con che cosa lo sostituisco? La sensazione è quella di venir derubato di tutto, tutto ciò per cui ho costruito la mia vita.

Il risultato in entrambi i casi è quindi la paura, il vuoto, la frustrazione, la rabbia e il conflitto. Occorre molto equilibrio interiore per digerire e metabolizzare certe rivelazioni; soprattutto occorre che insieme alle informazioni mi si dia qualcosa che possa riempire e sostituire immediatamente il vuoto terribile che si viene a creare, dentro e fuori di me.

Se mi dici come stanno veramente le cose e poi non mi dai gli strumenti per gestire queste informazioni in modo da farmene una ragione e soprattutto per dirigere la mia energia in senso costruttivo nella mia vita, il risultato è devastante, perché distruggi il mio entusiasmo, la mia voglia di vivere per uno scopo, annichilisci la mia energia vitale per dirigerla verso quelle emozioni che possono essere solo cibo per energie sterminatorie.

Se per esempio oggi si insiste molto, da parte di numerosi fonti, che Gesù Cristo è tutta un’invenzione di certe elites politiche, che i vangeli sono stati radicalmente modificati ad hoc, che tutto ciò che ha sempre predicato la Chiesa era funzionale alla manipolazione mentale [clicca per approfondire →, n.d.H.], e poi non si dice che prima ancora di essere eventualmente una figura storica, il Cristo è il simbolo di un’energia spirituale cosmica, l’energia cristica, appunto, che agisce nella storia e all’interno di ciascuno di noi, e che esistono modi e pratiche per entrarvi concretamente in contatto a livello interiore, si sta facendo solo un’operazione di un’ulteriore riduzione in schiavitù della nostra sovranità individuale.

Ma in fondo il discorso che dietro la storia ufficiale ci siano entità ed energie che l’hanno sempre guidata e controllata, non è uguale alla lezione data fin dai primi del Novecento dalla psicoanalisi, in base alla quale l’Io cosciente crede di fare liberamente le sue scelte di vita, ma si illude perché dietro c’è un inconscio che conserva traumi, nevrosi e quant’altro e che dirige realmente il corso della sua esistenza?

Se ad una persona perfettamente integrata nella società, che ha il suo lavoro, la sua famiglia, le sue sicurezze, cominci a istillargli insistentemente il dubbio che la sua libertà di scelta è solo un’illusione, sfruttata da una parte di se che lo ha sempre condizionato, non si fa un’operazione distruttiva che porta quella persona ad entrare in crisi? Sarebbe questo il risultato, se un intervento del genere non fosse attuato in un setting analitico dove l’analista continuamente e accuratamente provveda ad equipaggiare il paziente di strumenti idonei a gestire la situazione sul piano della propria consapevolezza.

Vien da sé che la capacità di approfondire i contenuti rimossi della propria coscienza rende anche possibile la facoltà di tradurli in una maggiore intelligenza di leggere gli eventi della società e della storia. Le due ricerche, quella esteriore e quella interiore, devono sempre viaggiare insieme. È violento, scorretto, immorale, pretendere che l’una via sia esplorata senza l’altra.

Possiamo dunque comprendere bene quale possa essere la strategia brutale e spietata di dare in pasto alla massa impreparata del pubblico televisivo certe pseudo-verità che, lungi comunque dall’essere complete, sono solo funzionali alla solita e inveterata volontà del potere di dominare sempre più profondamente sulle persone.



Autore dell’articolo: Leopoldo Antinozzi
Fonte: www.pickline.it/verita-comode-al-cospirazionismo
Audio estratto da: Italo Cillo – Tempo di Cambiare podcast ep.23

Articolo pubblicato sul sito Hearthaware
Link diretto:
http://hearthaware.wordpress.com/2013/02/24/il-cospirazionismo-fa-parte-della-cospirazione/

Post correlati: Ordine dal Caos
Post correlati: Il Tabù del Complotto
Post correlati: La Demolizione Controllata dello Status Quo
Post correlati: Il Pensiero Collettivo
Post correlati: Controinformazione, Istigazione, Strumentalizzazione
Post correlati: Risvegliarsi dal (Falso) Risveglio
Post correlati: La Ribellione Programmata
Post correlati: La Apocalisse nella Scena Finale di The Truman Show
Post correlati: Risvegliarsi dal Risveglio

La Paura - Libro

10 commenti:

  1. Bell'articolo.Ci stavo pensando giusto oggi,e mi chiedevo il perchè questi complottisti sanno così tanto di certi fatti e che il complottismo faccia comodo ai potenti.Un'ipotesi surreale e molto irreale sarebbe anche che in realtà i veri "Illuminati" siano quelli che stanno dietro le teorie del complotto,ed è per questo che certe cose(come i fatti descritti nelle carte degli Illuminati)si avverano nei minimi dettagli.Pensando a cose più plausibili e reali,si può dire che in effetti certa campagna scandalistica complottarda può fare anche comodo al potere e alle sue elitè,e che comunque le cose sono un pò più complicate di quelle che sembrano,ovvero è molto più probabile che ci siano tanti gruppi di potere in combutta tra loro,come d'altronde è sempre stato nella storia umana,che ci sia una cospirazione di un determinato gruppo culturale,etnico o razziale(reazionari,prgressisti,capitalisti,comunisti,fascisti,massoni,ebrei,cristiani,islamici,neopagani ecc)contro il resto dell'umanità,una teoria assai manichea e troppo "fiabesca".Saluti

    RispondiElimina
  2. Fa comodo sicuramente ,tuttavia sono in disaccordo con molti punti espressi nell'articolo .
    Il Vero Potere non rimane MAI Occultato alle masse , rimane occultato alle masse solo quando teme per se stesso poichè sa di non essere abbastanza grande e se si misurasse con le altre forze potrebbe essere sconfitto .
    L'uscita allo scoperto della "Mano Nera" significa semplicemente che stanno affermando : " Siamo qui , stiamo agendo e siamo telmente potenti che nessuno di voi puo' fermarci ".
    Il Dominio Pubblico è anche a loro utile affinchè la gente sentendo tutti i giorni parlare di loro e dei loro progetti si abitui e diventi tramite la loro influenza familiare a certe tematiche della loro agenda ed anche se tuttavia questi loro progetti vengono pur sempre visti come "Utopie" o "Sciocchezze" dai Dormienti in ogni caso viene loro impiantato il seme dell'Idea .
    La manipolazione mentale che loro portano avanti non è mai aperta ma è sempre indiretta , in notizie vere infiltrate da abili menzogne .
    Nel mischiare verità e menzogna piano piano distruggono le capacità interpretative , analitiche delle persone e le "svuotano" in modo da lasciarle preparate ad accetare i loro programmi.
    Menti Deboli che si devono confrontare con Avvenimenti Forti possono essere facilmente portate dovunque si voglia.
    Sicuramente il Cospirazionismo fa parte della cospirazione ma molto dipende da come viene vissuto.
    Un sacco di cospirazionisti non sono altro che solo persone ben informate , molti altri , credo la maggior parte invece utilizzano la cospirazione come vettore delle loro paure mettendo il tutto su un piano emozionale .
    Questi ultimi sono quelli che maggiormente fanno loro comodo in quando spandono energie negative.
    Vermente un ottimo articolo!

    RispondiElimina
  3. sono orgoglioso dell'articolo e anche dei commenti degli anonimi, le parole sono forzatamente menzognere per la natura dualistica del nostro sistema celebrale essendo punti di vista soggettivi possiamo assottigliare quanto più possibile la menzogna nei nostri dialoghi ma mai annullarla del tutto finchè siamo in vita (auguro un felice percorso verso la telepatia(comprensione a frequenza supersonica che rende obsoleto il nostro tempo che riusciamo a percepire alla modica velocità della luce)

    RispondiElimina
  4. Bel articolo,posso dire solo qualcun altro si è posto i miei stessi dubbi,dopo avere fatto ricerche per un certo periodo, dopo essermi trovata in mezzo a dibattiti fra complottisti che litigavano fra loro per stabile la gerarchia del potere,se i più folli erano i massoni in generis o i gesuti anch'essi massoni o gli ebrei,mi allontanai da tutto, proprio perchè questi dubbi mi s'insinuarono nella mente, sulle basi della mia conoscenza delle idee filosofiche orientali mi chiedevo se lasciarsi travolgere da rabbia, frustrazione,vendetta non fosse il mezzo più diretto per entrare a far parte di questa cospirazione dando così al "cane" il suo osso in pasto, mi chiedevo se non riuscire a rimanere lucidi ed equanimi davanti a tutto ciò alla fine non si trasformasse nel loro stesso gioco.
    Sono lieta di leggere tali parole,lieta che nel mezzo di tutto ciò che sta accadendo in questa era buia e pessimista dove si sta allargando un egregora di distruzione, qualcun altro cominci a pensare,o la pensa come me che questa egregora negativa debba essere contrastata con una altrettanto positiva e atta a seguire sentimenti e progetti più nobili a dispetto delle cospirazioni, secondo ilsuo personale sentire e senza farsi opprime da questa ondata di "rivelazioni" che odorano tanto di strategia di manipolazione di massa,ma allo stesso tempo non prenderle alla leggera con superficialità, perchè si finirebbe in altro modo di far e il loro gioco, prenderne atto,parlarne,e essere accorti, ma senza abbandonarsi a finte rivoluzioni e senza farsi piegare.
    Un saluto, rinnovo la mia stima per il vostro sito.
    Carola

    RispondiElimina
  5. ma dire che il complottismo potrebbe essere "funzionale al sistema" ma non e' anchesso "funzionale al sistema " ? :-)

    la questione invece e' molto semplice: e piu' solido un sistema che occulta tutte le sue porcherie o uno che non lo puo' fare e le deve lasciare filtrare ? Non ci facciamo appunto fregare dal senso di impotenza , nessuno anche se si organizzasse potrebbe rovesciare un sistema complesso finche esso rimane efficiente , e il sistema rimane efficente finche gran parte delle sue componenti rimangono ad esso collaborative.

    E la conoscenza delle porcherie del sistema serve solo a spezzare questa adesione, nessuno puo' impedirci di " secedere " dal sistema e quando questo sara' fatto da milioni di persone il sistema crollera', anche se poi i libri di storia scriveranno ,come sempre, che cio' sia avvenuto sotto l' urto della solita "avanguardia rivoluzionaria ".

    RispondiElimina
  6. basti pensare che la teoria del complotto è ovunque, ci sono diverse pagine su wikipedia (su wikipedia?), che parlano di complotto. guardando la tv ,ogni programma televisivo ha un simbolo (semi) occulto da proporre ,a partire dalla scenografia a finire all'abigliamento usato negli stacchetti. E anche un modo per dire, "ei tu stai iniziando a capire come gira il mondo? noi siamo dappertutto ! non puoi farci nulla" , non parliamo poi della musica. c'è una frase che dice -il modo per nascondersi dal proprio nemico è stargli vicino- un po quello che fanno loro da sempre. secondo me l'articolo è perfetto, ma fa notare che chi tesse le fila ha paura, perchè usa la minaccia, l'omicidio, l'insabbiamento etcetc.. ,come stare meglio? cercare un'equilibrio interiore costante, poi viene tutto da se.

    RispondiElimina
  7. Scrive Marco Aurelio, l’imperatore filosofo in “A sé stesso”: “La vita assomiglia più ad una lotta che ad una danza”. Orbene, non tutto è piacevole e facile nell’esistenza: acquisire consapevolezza di questioni cruciali implica di per sé una maturazione. E’ naturale che certe notizie scabrose devono essere centellinate e proposte anche in dosi omeopatiche, ma non si può neppure pensare di autocensurarsi pur di non seminare il timore che comunque, in quanto emozione, è temporaneo.

    Se desideriamo solo “verità” tranquillizzanti, se temiamo di confrontarci con interrogativi abissali, con il dubbio persino che la libertà umana potrebbe essere fortemente condizionata, se non addirittura un’illusione, allora possiamo rimanere nel sistema e permettere che gli altri vi rimangano. Come spesso ripete l’amico Corrado, venire al corrente di una realtà brutale come la Biogeoingegneria, sùbito ha un effetto traumatico, ma poi ti spinge ad avviare dei percorsi di ricerca, a studiare possibili rimedi, ad addentrarti nei meandri di una storia e di una scienza negate. Di fronte ad un male tanto illogico, si rafforza il convincimento che non si può rimanere indifferenti, si forma l’idea di una vittoria finale del bene.

    E’ indubbio: alcuni ricercatori squadernano delle verità indigeste, senza nel contempo additare delle prospettive, ma ciò dipende per lo più dal loro approccio da cronisti e non dall’intento di generare angoscia. Al contrario, coloro che vogliono edulcorare tutto e ricondurre situazioni sgradevoli (si pensi ad Adam Kadmon) a rassicuranti “verità”, sono più dannosi, perché mentono ed in quanto distorcono i fatti ora per ingannare i lettori ora per convogliarne le energie verso le chimere della New age deteriore.

    Per quale ragione serie come “History channel” lasciano filtrare indizi di verità censurate? Si deve ricordare che la censura è micidiale: poco sfugge alle sue fitte maglie. Essa si esplica o con un controllo capillare e spesso anche con l’assassinio di investigatori indipendenti. Vogliamo forse pensare che costoro siano agenti del sistema? Dunque se talvolta, attraverso certi programmi e pubblicazioni, trapelano frammenti di verità, non sempre siamo di fronte a bieche strategie (questo vale per “Mistero” e per il libro “Illuminati”), ma all’azione repressiva degli apparati, un’azione che costringe a compromessi nella divulgazione. Questo spiega per quale ragione un canale digitale ha proposto di straforo due puntate della serie “That’s impossible” sempre di “History channel”, per poi cancellare il format in fretta e furia dal palinsesto.

    Tralasciando altri addentellati del tema, si potrebbe concludere ricordando che la Conoscenza in sé, quando è preceduta da un itinerario ad hoc ed associata ad una natura in grado di accoglierla, è già risposta. Tuttavia, come ci insegna la tradizione esoterica, la Gnosi implica esperienze forti, persino sconvolgenti. Perciò è scritto nel Vangelo detto di Giuda Tommaso: “Chi cerca troverà, chi troverà resterà turbato, chi resterà turbato regnerà”. Insomma, se vogliamo regnare, è inevitabile passare per il turbamento. Chi non è interessato a regnare, si balocchi con lo zuccheroso blog di Paolo Attivissimo: lì troverà riscontri rasserenanti, la conferma della sua ignoranza spacciata per “scienza”.

    Certamente non proverà alcuna paura, anzi terrore… se non quando vedrà una foto che ritrae Attivissimo.

    RispondiElimina
  8. Ottimo articolo ed eccellenti commenti, tutti condivisibili.

    Tramite questa discussione si potrebbe sondare il terreno per analizzare quante persone “libere” ci sono in giro, non credete?

    Come sostiene Zret dopo l’inevitabile sofferenza viene la consapevolezza.
    La consapevolezza genera AMORE, l’amore è la cosa che più temono perché è più forte di loro.

    Un abbraccio a tutti. Marcello.

    P.S.: Scusa Zret, ma perché infierisci sempre sul povero Paolo Attivissimo? Cosa pensi che lui non abbia i suoi problemi . . . . con se stesso? Perché non pensiamo un modo per aiutarlo? Sono ragionevolmente convinto che ne abbia bisogno e che lui lo sappia, ma come potrebbe chiederlo?

    RispondiElimina
  9. Ciao Marcello, la mia è una battuta. Troveremo il modo di aiutarlo.

    RispondiElimina
  10. Ciao Zret, meno male, non l'avrei sopportato.
    Marcello.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE