30 novembre 2014

Lo Strano Mito di Hiram Abif

allegoria massonica
A cura di Anticorpi.info

"La colonna spezzata indica la prematura scomparsa del nostro Gran Maestro Hiram Abiff; la bella Vergine piangendo osserva il Tempio incompiuto; il libro aperto davanti a lei indica che quelle virtù mentono perpetuamente; il rametto di acacia nella mano destra indica la scoperta tempestiva del suo corpo; l'urna sulla sinistra, che le sue ceneri sono state serbate in sicurezza per perpetuare il ricordo di tale eccezionale personaggio; e la figura in piedi dietro di lei intenta a pettinarle i riccioli indica che tempo, pazienza e perseveranza conducono a compimento tutte le cose..."
Letture Iniziatiche del Maestro Massone

Prefazione - Anticorpi.info

Tra i personaggi meno noti appartenenti alla cultura massonica vi è il leggendario Hiram Abif, architetto del tempio di re Salomone, entrato a far parte del mito per via delle leggende sorte intorno all'evento della sua morte. Il relativo insegnamento riveste un ruolo essenziale del percorso di ogni massone, ma continua a sollevare polemiche.
L'articolo che segue, tratto da alcuni saggi in lingua inglese reperibili in rete (link in coda), si prefigge di esporre sinteticamente tutto quanto gravita intorno al mito di Hiram Abif, tra chi lo ritiene un feticcio anti-cristiano e chi la fonte di un prezioso insegnamento.
Buona lettura.

La Storia di Hiram Abif.

Una figura di spicco nella Massoneria moderna è senza dubbio il figlio della vedova, noto ai membri della confraternita (massoneria - n.d.t.) con il nome oscuro di Hiram Abif. Questo nome domina il mito malgrado né l'Apprendista Ammesso né il Compagno d'Arte sappiano alcunché di lui. È vero che quando il Maestro recita per il Compagno d'Arte quella che viene chiamata 'la prima parte della storia tradizionale', cioè il passaggio verso i segreti del terzo grado, il Compagno d'Arte è tenuto ad affermare di essere certamente a conoscenza che Hiram sia stato il primo architetto della costruzione del Tempio di Re Salomone.

Hiram, come molti altri uomini importanti nella storia, si distinse nel modo di morire, al punto che la vicenda della sua morte diventò leggenda, una tragedia che dona ampiezza alla sua figura. Al di fuori del tempo, del luogo e dello strumento del suo omicidio, la Massoneria conosce il personaggio assai poco, e ancora di meno lo conosce la cultura convenzionale. Tutto ciò che si sa di lui è contenuto nel Volume della Legge Sacra, in una forma peraltro confusa.

Secondo l'autore del secondo libro delle Cronache (cap. II) Salomone inviò dei messaggeri al sovrano di Tiro, per conoscere quel re amichevole e informarlo del proprio progetto di erigere un tempio, invitandolo a contribuire inviando uomini e materiali che contribuissero agli imminenti lavori. Per prima cosa Salomone gli richiese i servigi di un artigiano che fosse particolarmente dotato. "Inviami" - gli mandò a dire - "un uomo che sia abile a lavorare l'oro, l'argento, l'ottone, il ferro, la porpora, lo scarlatto e il blu, e che possa aggregarsi agli altri esperti che sono con me in Giudea e in Gerusalemme."

Il re di Tiro accolse l'ambasciata con cordialità, e rispose favorevolmente a Salomone. "Ho incaricato di raggiungerti un uomo molto esperto" - dice - "dotato di comprensione. Figlio di una donna delle figlie di Dan, il cui padre era un uomo di Tiro."

I dati concordanti che emergono sono che Hiram fosse di razza mista, figlio di un ottonaio, e uomo di abilità professionale così elevata da aver meritato il patrocinio del proprio re, e di rappresentare in terra straniera la reputazione del proprio paese. La sua posizione elevata si deduce dalla descrizione resa dall'autore delle Cronache, il quale allude a lui come ad Hiram Abi, dove il termine 'Abi' non è inteso nel senso del sostantivo 'padre' ma come l'aggettivo 'maestro', titolo di rispetto e distinzione.

Il nome è senza dubbio fenicio, ma qualunque fosse la sua vera discendenza e il significato del suo nome, il figlio della vedova si recò a Gerusalemme e da quel giorno la sua figura fu identificata con la costruzione del Tempio.
Ma quali furono i suoi reali meriti nella costruzione di quella grande opera?

L''Enciclopedia ebraica sottolinea la discrepanza sostanziale vigente tra la testimonianza inclusa nel Primo Libro dei Re ed il secondo libro delle Cronache. Secondo la prima fonte Hiram era un abile ottonaio, perciò contribuì in misura limitata, in particolare realizzando le colonne Jakin e Boaz, il mare di metallo con i dodici buoi, i dieci strati con le relative basi, e altri manufatti tutti in ottone. Le Cronache invece lo dipingono come un uomo eclettico, e lasciano intendere che sovrintendesse tutti i lavori del Tempio. Josephus cerca di conciliare le due versioni asserendo che Hiram fosse esperto in tutti i campi della costruzione, ma che la sua specialità fosse la lavorazione di oro, argento e ottone.

Il Mito di Hiram Abif.

Qui finiscono le nozioni certe in merito al misterioso personaggio. La storiografia non lo nomina mai. Il testo della Legge Sacra non fa alcun accenno al suo destino. Il confratello Robert Freke Gould, rifacendosi all'undicesimo versetto del IV capitolo del secondo libro delle Cronache, asserisce che "era certamente in vita al completamento del Tempio."

Su questa base sottile la Massoneria ha creato un personaggio meravigliosamente vivido. L'Ordine sostiene che Hiram sia stato l'architetto a capo alla costruzione del Tempio e lo associa al sovrano di Tiro ed a Salomone, re d'Israele, quanto a valore massonico. La Massoneria suggerisce che fossero i personaggi più elevati dell'allora mondo massonico e che i segreti massonici non potessero essere comunicati a terzi senza il consenso di tutti e tre.

La costruzione del Tempio impegnò numerosi maestri muratori, ma a quanto pare nessuno di essi fu ammesso alla conoscenza dei segreti e dei misteri dell'Alto e Sublime Grado.

"Nella versione che ci è stata tramandata Hiram aveva diviso i suoi operai in 3 livelli e assegnato a ogni livello una parola segreta (per identificarsi al momento della riscossione della paga). Secondo la tradizione massonica gli apprendisti erano identificati con la parola Boaz, gli operai con Jachin e i maestri con Jehovah. Secondo la tradizione massonica più conosciuta Hiram venne ucciso da tre lavoratori che volevano sapere la parola segreta per passare ad un grado successivo. Venne colpito tre volte alla testa e le sue spoglie furono sepolte, per poi essere recuperate da Salomone, che assicurò all'uomo un'appropriata e degna sepoltura." (Fonte)

"Presa alla lettera" - osserva Charles William Heckethorn in Società Segrete di Tutte le Ere e Paesi - "la storia di Hiram non offre alcunché di così straordinario da meritare di essere ricordata dopo 3000 anni in tutto il mondo massonico con riti e cerimonie. La morte di un architetto non è importante con tanti filosofi e dotti che hanno perso la vita per la causa del progresso umano. In realtà la leggenda è puramente allegorica. La parte drammatica dei misteri dell'antichità è sempre girata intorno al concetto di un uomo che perisce per mano di un potere malvagio e risorge in un'esistenza più gloriosa. 
(...)

Sulla base di tali  presupposti, quindi, come mai la storia della morte di Hiram ha suscitato così tante speculazioni nella Massoneria? In realtà all'iniziato di terzo grado viene insegnato che l'oggetto peculiare del Terzo Grado sia ascoltare il cuore a cercare la felicità nella coscienza di una vita ben spesa, e invitare ad una riflessione sulla morte per rendersi conto che nessun uomo debba temere una morte giusta e virtuosa, non macchiata dalla falsità e il disonore. Un eccellente insegnamento morale, se non fosse che ben poco ci è dato di sapere della vita e la condotta di Hiram Abif prima della sua dipartita. Elemento non da poco. Dunque a quanto pare la soluzione dovrebbe essere cercata altrove.

Molti scrittori - principalmente non-massoni - concordano sul fatto che la storia della morte di Hiram sia semplicemente il modo massonico di riproporre un antico mistero. Secondo John Fellows "la storia di Hiram non è che un'altra versione, come quella di Adone e Astarte, di Cerere e Prosperine, del mito di Osiride e Iside (v. correlati) La somiglianza è così precisa da non ammettere dubbi. La ricerca del corpo di Hiram; l'intelligenza ricevuta, il rametto sulla tomba, il corpo di Hiram che resta nella tomba per 14 giorni prima di essere scoperto, ogni elemento allude palesemente al mito di Oiride e Iside. Perfino la condizione in cui si trova la tomba di Hiram, ricoperta di muschio verde e tappeto erboso, corrisponde nella descrizione alla tomba di Osiride."

Il Falso Cristo della Massoneria.

Secondo esponenti della Chiesa cattolica, la Massoneria avrebbe sostituito Cristo quale speranza di salvezza dell'uomo con il personaggio chiamato Hiram Abif. Anziché accettare Cristo come modello di verità, fede e salvezza avrebbero trasferito la loro fede su tale figura fantomatica.

L'insegnamento del mito di Hiram Abif - sostengono i detrattori - si concretizza in questi termini: "Se abbiamo la stessa fedeltà scrupolosa del nostro Gran Maestro al momento della sua tribolazione, la nostra ricompensa finale sarà quella dell'uomo giusto e perfetto."

Hiram diventa il Salvatore della Massoneria e colui del quale bisogna seguire l'esempio per garantirsi una vita gloriosa. Anziché considerare Cristo come la via, la verità e la vita, la Massoneria guarda ad un altro tipo di 'ricompensa finale.'

Secondo l'insegnamento del terzo grado massonico, c'era una parola mistica nota solo a tre persone: il re Salomone, il re di Tiro, e un personaggio massonico immaginario di nome Hiram Abif. Costoro selezionarono i 15 artigiani che presiedettero i lavori per la ricostruzione del Tempio. A lavori quasi ultimati gli artigiani, intenzionati a carpire i segreti custoditi dai tre maestri muratori, ordirono una cospirazione per estorcerli con la violenza. Al momento di tradurre in pratica quell'atto efferato, dodici di essi cambiarono idea. I restanti tre invece sequestrarono Hiram Abif e lo minacciarono di morte se non avesse confidato loro i segreti dei maestri massoni (dal rituale inglese, pgg. 68, 69)
(...)

La storia è stata già narrata nei paragrafi precedenti, con l'eroico Hiram Abif che rifiuta di rivelare i segreti ai criminali profani e muore con onore.

Mentre esistono le testimonianze che il re di Tiro (chiamato Hiram) abbia effettivamente assistito il re Salomone nella costruzione del primo Tempio, le Scritture non recano alcuna menzione di un Hiram Abif, personaggio in realtà inventato dalla massoneria. Nelle Sacre Scritture non vi è alcuna menzione all'omicidio di Hiram, in quanto si tratta di una parabola extra-biblica la quale appartiene solo alle società segrete; un'elaborazione massonica.

Tale fissazione massonica si contrappone al credo degli evangelici che vedono Cristo come perfetto e unico redentore dell'uomo. Le società segrete sembrano promuovere Hiram come alternativa a Cristo.

Gesù ci mette in guardia in Giovanni 10: 1
"Chi non entra per la porta nell'ovile, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante." 

Subito dopo chiosa:
"Io sono la porta: per me se uno entra sarà salvato ed entrerà e uscirà e troverà pascolo." 
Giovanni 10: 9

E appaiono vere e solenni le parole della Sacra Scrittura:
"Verrà il tempo in cui non si sopporterà più la sana dottrina; ma secondo le loro passioni essi accumuleranno altri insegnanti per la smania di udire; distoglieranno le orecchie dalla verità, e le rivolgeranno alle favole." 
Timoteo 4: 3-4

Il teologo Albert Barnes commentò tali parole in questo modo: "... una delle arti di maggior successo dell'avversario delle anime è quella di mescolare menzogne e verità; quando non può sovvertire la verità mediante opposizione diretta, cerca di neutralizzarla infiltrandola di concetti falsi o frivoli."

Questo è esattamente ciò che ha fatto la Massoneria. Insegnano sotto forma di verità tutta una serie di concetti falsi. Hanno volutamente inquinato la verità contenuta nel testo della Scrittura mischiandolo a una serie di leggende erronee. Hanno distorto il racconto biblico della vita dei principali personaggi del Vecchio Testamento e hanno aggiunto eventi in realtà mai accaduti. Hanno palesemente alterato la Parola di Dio e l'insegnamento accettato che è estraneo alla Scrittura. Hanno accettato e diffuso segretamente un dogma che si pone in contrasto totale con il testo ispirato.

Tratto da due articoli in lingua inglese
Link diretti:
http://freemasonrywatch.org/hiramabiff.html
http://www.evangelicaltruth.com/hiramabiff.htm

Traduzione e sintesi a cura di Anticorpi.info

Post correlati: Mitologia e Simbolismo di Sirio, la Stella Fiammeggiante
Post correlati: Simbologia della Pasqua
Post correlati: Cultura Manipolata, Religione ed Illuminati
Post correlati: Intervista ad un Maestro Massone
Post correlati: L'Orfismo e i Misteri Orfici
Post correlati: Programmazione Predittiva e Religione Globale
Post correlati: Le Origini della Massoneria Moderna
Post correlati: Obelischi: Mitologia, Simbolismo, Storia
Post correlati: Le Rivoluzioni Occulte degli Illuminati
Post correlati: Occhio Che Tutto Vede e Piramide (Gran Sigillo Massonico)
Post correlati: Kolbrin: la Bibbia Parallela che Annuncia 'il Distruttore'
Post correlati: Il Mito di Ulisse
Post correlati: Tag Mitologia

La Leggenda del Tempio e la Leggenda Aurea
Versione nuova




Il Segreto di Hiram - Libro


...ovvero la chiave del tempio...



Nessun commento:

Posta un commento

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE