16 ottobre 2015

I Dinosauri Sono una Bufala?

dinosauri inventati come babbo natale
di D. Wozney
Traduzione di Anticorpi.info

Introduzione
Quando i bambini si recano in un museo dei dinosauri, le figure esposte hanno a che fare con la scienza oppure con l'arte e la fantascienza? E' possibile che fin dall'età precoce siamo stati lavati di cervello affinché credessimo ad una favola? Domande del genere andrebbero poste a chi si arricchisce con il business dei dinosauri.

Questo articolo discute la possibilità secondo cui fin dalle prime, recenti 'scoperte' di 'fossili' di dinosauro abbia avuto luogo un continuo sforzo per costruire nell'immaginario collettivo un nuovo concetto artificiale di animale preistorico definito 'dinosauro.' Tutto ciò tramite l'uso di calchi in gesso combinata alla modificazione e riassemblaggio di ossa fossili di balene, elefanti, alligatori, rinoceronti, iguane, giraffe, bovini, canguri, struzzi, emù, ecc.

Quale sarebbe stato lo scopo di un tale sforzo ingannevole? La motivazione più evidente concerne la creazione di indizi a suffragio della Teoria dell'Evoluzione darwiniana, confutare o mettere in dubbio la Bibbia cristiana e l'esistenza del Dio cristiano, e ridicolizzare la Teoria della Terra Giovane. Eh, già; una simile mistificazione recherebbe in se importanti implicazioni politiche e religiose.

Il concetto dell'esistenza dei dinosauri implica che se Dio esiste, armeggiò con essi per un bel po', quindi scartò quella creazione e infine creò l'uomo. La storiografia circa i dinosauri, abbinata alla teologia, allude ad un Dio imperfetto che ripiegò sull'uomo per via di un ripensamento.

I gratificanti benefit economici elargiti a musei, enti educativi e di ricerca, dipartimenti di paleontologia, scopritori e proprietari di ossa di dinosauro, uniti al coro assordante dei media con migliaia di libri, prodotti televisivi e cinematografici, hanno creato un ambiente culturale fortemente avverso e dispregiativo nei confronti di chiunque si avventuri in una indagine di prima mano onesta e professionale sull'esistenza dei dinosauri.

La Scoperta dei Dinosauri.
Il trattato Prime Scoperte dei Dinosauri in Nord America ci fornisce informazioni interessanti sulla nascita di tale 'cultura.'
"La specie dei dinosauri fu citata per la prima volta da Sir Richard Owen nel 1842, durante un lungo discorso che catturò l'interesse dell'uditorio. I primi esemplari presi in esame furono il Megalosauro, l'Iguanodonte e lo Ileosauro, ma di essi si sapeva ben poco. Verso la metà del 19° secolo, per merito dei ritrovamenti avvenuti nel Nord America, finalmente la gente poté avere un quadro più chiaro in merito ai dinosauri."
"Si ritiene che la prima scoperta di fossili di dinosauro in Nord America fu effettuata nel 1854 da Ferdinand Vandiveer Hayden nel corso dell'esplorazione del fiume Missouri superiore."
"Alla confluenza tra i fiumi Judith e Missouri la squadra di ricerca di Hayden rinvenne alcuni denti isolati, descritti nel 1856 negli atti dell'Accademia di Scienze Naturali di Philadelphia dal paleontologo Joseph Leidy."
Dunque, ricapitolando: la prima descrizione dei dinosauri risale al 1842, cioè 12 anni prima che la loro esistenza fosse provata dalla scoperta di Ferdinand Vandiveer Hayden. Viene quasi da pensare che le scoperte siano state un atto di cortesia verso quelle descrizioni.
"Gli scheletri dei dinosauri furono rinvenuti per la prima volta, ed in gran numero, verso la fine del 1870, presso il Garden Park in Colorado e Como Bluff, Wyoming, Questi ritrovamenti diedero inizio alla prima grande 'corsa al dinosauro' in America del Nord, guidata in gran parte dagli sforzi dei paleontologi Edward Drinker Cope di Philadelphia e Othniel Marsh, dell'Università di Yale."
"Questi due uomini, che iniziarono collaborando amichevolmente, finirono per diventare acerrimi nemici in una faida di proporzioni leggendarie. Gli aneddoti narrano di guerre campestri armati di tutto punto, spionaggio e missioni di intercettazione per sottrarsi reciprocamente i fossili."
Wayne Grady ne scrive nel libro The Lost Dinosaurs:
"Da Cope, Sternberg aveva appreso la spietatezza necessaria per la caccia al dinosauro. Con il suo rivale Othniel Charles Marsh, professore di paleontologia dell'Università di Yale, Cope fu impegnato dal 1870 al 1880 in quelle che furono definite 'le guerre delle ossa.' Si trattò di una feroce rivalità scientifica, nella quale si consumarono alcuni degli imbrogli più subdoli della storia della scienza, ma che permise di accumulare in breve tempo molte stupende collezioni di fossili."
"La seconda grande 'corsa al dinosauro' ebbe luogo nei calanchi del Deer Red River, sud Alberta. Resti di dinosauri erano stati individuati sul posto già nel 1884, ma fino al 1910 la zona non divenne teatro di scavi. Fu allora che si sviluppò la seconda grande rivalità nella caccia alle ossa, tra Barnum Brown del Museo di Storia Naturale di New York e CH Sternberg del Geological Survey of Canada."
Ciò detto, come mai non risultano scoperte di fossili effettuate dai nativi americani che nei millenni precedenti avevano girovagato in lungo e in largo nel continente americano? Perché non esiste alcun mito e credenza riguardante i dinosauri nella cultura dei nativi americani?

E ampliando il discorso, come mai in qualsiasi altra parte del mondo non si udì mai parlare di simili scoperte nei secoli che precedettero il XIX secolo? Secondo la World Book Encyclopedia:
"Prima di fine '800 nessuno aveva idea dell'esistenza dei dinosauri."
"Dalla fine dell''800 all'inizio del '900 si rinvennero grandi depositi di fossili di dinosauri in America occidentale e del Nord, in Europa, Asia e Africa."
"Depositi di fossili di dinosauro furono rinvenuti anche in Belgio, Mongolia, Tanzania, Germania Ovest, ed in molte altre parti del mondo."
Il Belgio, la Mongolia, la Tanzania, la Germania Ovest (così come le Americhe) furono abitati e ben esplorati per migliaia di anni, ma fino al XIX Secolo nessuno ventilò nemmeno lontanamente l'ipotesi dell'esistenza dei dinosauri. Perché?

Nel testo Dinosauria: Fossil Record apprendiamo che:
"Il Diciannovesimo secolo è stato il ​​'periodo d'oro' della paleontologia dei dinosauri. Fu in tale epoca che molti animali a noi oggi molto familiari furono scoperti e catalogati. Oggi sembra che stiamo vivendo una nuova epoca d'oro, con molti nuovi dati che vanno accumulandosi rapidamente."
"La Prima Vera Prova dell'Esistenza dei Dinosauri."
"Otto anni dopo la pubblicazione del primo libro di riferimento fu mostrata la prima forma scheletrica completa appartenente ad un dinosauro. L'Hadrosaurus Foulkii, portato alla luce presso Haddonfield, New Jersey. Più alto di una casa, aveva la struttura pelvica di un uccello, la coda di un lucertola e, incredibilmente, camminava in posizione eretta su due zampe."
Hadrosaurus Foulkii

Dunque: struttura pelvica di uccello e coda di lucertola (alligatore). Parti anatomiche strettamente rassomiglianti a quelle di animali ben noti e reali.

Gli Scopritori e la Natura delle Scoperte.
Le scoperte mai furono compiute casualmente e da persone disinteressate quali agricoltori, allevatori, escursionisti, personale edile durante scavi di fondazioni, addetti alle operazioni di scavo di gasdotti, minatori, ecc. ma sempre a seguito di una precisa volontà di trovare, e da persone molto interessate al settore come paleontologi, scienziati, professori universitari e personale a libro paga dei musei; tutta gente che aveva studiato a fondo l'anatomia dei dinosauri. Nella maggior parte dei casi i reperti furono rinvenuti nel corso di specifiche spedizioni di caccia alle ossa, in remote regioni già abitate ed esplorate da millenni. Tutto ciò suona altamente inverosimile. In alcuni casi la scoperta del reperto da parte di persone disinteressate fu indotta da 'suggerimenti' di 'professionisti' del settore, in merito alle zone in cui cercare. E' anche interessante notare come ogni cacciatore di ossa dilettante / indipendente sia ancora oggi obbligato ad ottenere una licenza per ricevere l'autorizzazione a scavare in un limitato numero di 'zone speciali' destinate a tale attività.

Informatevi su come furono scoperti il Dilophosaurus e il dinosauro di Haddonfield per farvi un'idea più precisa al riguardo.

Inoltre un gran numero di ossa di dinosauri furono ritrovate stranamente nei medesimi luoghi, elemento che induce a sospettare una preventiva 'semina' delle ossa. I tre paragrafi seguenti sono tratti dal saggio di Bob Newland: The Seizure of Sue the T. rex.
"I Larsons stavano ancora lavorando su tale ritrovamento, che avevano denominato Ruth Mason Cava. Il ritrovamento conteneva i resti di almeno duemila bestie. Resta intatto il dubbio sul perché così tante ossa fossero raggruppate nello stesso luogo. La cosa può essere dovuta all'opera di trascinamento da parte di un corso d'acqua esistente nel Cretaceo. Oppure potrebbe essere accaduto che una grande tempesta li intrappolò su una lingua di terra, dove annegarono. Molti dei fossili appartenevano ad esemplari di Emontosaurus Annectens, dinosauri dotati di becco, che emigravano in branchi. Tuttavia mischiati a tali ossa furono trovati resti di dinosauri carnivori come i T. Rex, 'elemento che potrebbe significare che questi ultimi siano stati sorpresi mentre scavavano nei resti delle altre bestie. Ma si tratta solo di ipotesi', ha concluso Pete."
"Nel luglio del 1990 Maurice Williams, proprietario di un ranch nelle vicinanze, si recò presso la cava. Quei lavori lo avevano talmente affascinato da indurlo ad invitare i paleontologi ad iniziare nuove ricerche sui propri appezzamenti. Pete accettò l'offerta, e gli disse che alla prima buona occasione avrebbe approfittato dell'invito." (...)
Appena un mese più tardi "durante le ricerche nel ranch di Williams, il team avvistò un enorme femore che spuntava con altre ossa sul fondo di una rupe che affacciava sulla prateria. Pete diede comunicazione della scoperta a Williams, il quale affermò che in passato era transitato nei pressi della rupe in diverse occasioni, senza però mai accorgersi di quel grande osso che sporgeva dal terreno."
Come mai il ranchero Williams non notò mai "Sue" dopo tanti anni trascorsi a viaggiare in lungo e in largo nella sua proprietà? Non è piuttosto insolito? La merce 'rara' denominata: 'Osso di T-Rex' che attualmente si trova in vendita per la bellezza di 12.000.000 di dollari, sembra provare che mettere su una azienda specializzata in un simile commercio, sia potenzialmente molto redditizio!

Altra stranezza si riscontra nel fatto che le persone associate al reperimento del maggior numero di reperti siano troppo spesso in rapporti di lavoro con qualche museo. Una scoperta in una remota regione Argentina è stata descritta come segue:
"Nel novembre 1997 il dr. Luis Chiappe e il dr. Lowell Dingus si recarono in Patagonia con un team di spedizione che scoprì un sito di nidificazione contenente migliaia di uova di dinosauro, tra cui embrioni fossilizzati e pelle fossilizzata. (...) La concentrazione di uova era così massiccia che in un'area di circa 200 iarde furono contati circa 195 gruppi di uova."
La Comptons Encyclopedia cita alcuni paleontologi di primo piano e la loro incredibile vena prolifica in tema di nuove scoperte:
"Florentino Ameghino (1854-1911). Paleontologo argentino che descrisse ben 6.000 specie fossili ritrovate grazie agli scavi effettuati dal fratello Carlo, in Argentina. Ciò diffuse la convinzione che l'Argentina sia una zona particolarmente ricca di reperti fossili. Gran parte dei fossili di Ameghino sono esposti presso il museo di paleontologia di La Plata.
Earl Douglass (1862-1931). 'Cacciatore di dinosauri' statunitense che nel 1909 nello Utah rinvenne grandi giacimenti di fossili che oggi sono diventati il Dinosaur National Monument (sorta di riserva naturale - n.d.t.). Nel corso della sua carriera Douglass inviò 350 tonnellate di ossa di dinosauro al Carnegie Museum of Natural History di Pittsburgh."
Enormi quantità di reperti fossili concentrati in zone limitate e rinvenute da una o poche persone. Si tratta di una costante che contraddice la legge delle probabilità e suggerisce che possa aver avuto luogo una qualche sorta di piantagione concentrata.

I fossili di dinosauro rinvenuti dal museo Cleveland-Lloyd Dinosaur Quarry sono elencati nel dettaglio:
"Più di 30 scheletri completi, 12.000 singole ossa e uova di dinosauro sono stati rinvenuti tutti in questo prolifico letto di fossili (...) Nel corso degli anni le ossa sono state estratte dalla cava che conteneva parti anatomiche di almeno 70 diversi animali e 14 specie. Le ricostruzioni risultanti dall'assemblaggio di tali reperti sono oggi esposti in oltre 60 musei di tutto il mondo."
"Circa 147 milioni di anni fa questa zona era un lago d'acqua dolce superficiale con fondo fangoso. Tanto i dinosauri erbivori predati che i carnivori predatori occasionalmente restavano intrappolati nel fango. Col passare degli anni gli scheletri di questi animali si accumularono fino a quando il sito non diventò un complesso mix concentrato di reperti ossei. Il fondo del lago fu poi prosciugato e coperto da grandi quantità di cenere vulcanica. Fiumi e mari poco profondi depositarono su di esso spessi strati di sabbia e fango. Le ossa fossilizzate restarono in questo stato fino a quando l'opera di erosione dell'acqua e del vento non rese nuovamente sottile lo strato di deposito, avvicinandole alla superficie e rendendo possibile il loro rinvenimento per mezzo di scavi archeologici."
Una storia piuttosto difficile da accettare. Ad esempio non si spiega come mai la trappola del fango abbia imprigionato solo dinosauri e nessun altro antico animale.

Dallo Scavo al Museo.
Consideriamo ora in che modo le ossa di dinosauro sono preparate e trasportate dallo scavo archeologico all'esposizione.
"Le impacchettiamo con strisce di tela imbevute di gesso. Dopo aver applicato un separatore in tessuto che impedisca il contatto diretto tra il gesso e la superficie dell'osso, applichiamo sull'intera superficie queste strisce di gesso che diventano come un guscio protettivo. Il risultato finale è un osso del tutto racchiuso in una sorta di sudario rigido, pronto per essere trasportato in completa sicurezza."
Tutto questo intonaco in giro solleva qualche sospetto.
"Attraverso stampi e colate possiamo fabbricare dal nulla arti, costole, vertebre, ecc. per riprodurre i pezzi che completino lo scheletro da esporre. I materiali per i calchi di solito sono gesso, fibra di vetro e resine epossidiche. Nel lavoro di ricostruzione sulle ossa singole usiamo sanare le crepe con gesso miscelato a destrina, un amido che conferisce al materiale una qualità adesiva ed una maggiore durezza rispetto al comune intonaco da stampaggio. Anche gli stucchi epossidici sono indicati. I grandi frammenti mancanti possono essere riprodotti con gli stessi materiali."
"I fossili la cui estrazione dal campo si sia rivelata particolarmente problematica, sono ancora più difficili da preparare in laboratorio. La pulizia, consolidazione, riparazione di taluni campioni può richiedere mesi o anche anni di laboratorio. Quella del preparatore di reperti è una vera e propria arte."
Mesi o anni... a far cosa? Quindi al pubblico sarebbero mostrate versioni alterate dei reperti? Stiamo parlando di scienza o di fantascienza?
"La ricostruzione originale dell'Hadrosaurus foulkii conformò una creatura dall'assetto simile a quello di un canguro; un animale che utilizzava la coda come terza gamba. Il corpo dell'animale fossile era stato ritrovato quasi intatto, eccetto che per la testa, la quale mancava in quanto il teschio si era frantumato. Sulla base dei pochi frammenti del teschio si appurò che dovesse essere molto simile a quello di un'iguana, così il cranio di un'iguana moderna fu usato come modello per il teschio che fu costruito per completare lo scheletro da esporre nel 1868. Il teschio dell'iguana è tutt'ora in mostra presso l'Accademia di Scienze Naturali di Philadelphia in qualità di curiosità storica."
Dunque apprendiamo che per completare la ricostruzione dell'Hadrosaurus foulkii (somigliante a ... un cangurofu usato il cranio di un'iguana. Tuttavia al pubblico questo dettaglio non fu comunicato. Viene da chiedersi cos'altro non venga comunicato.

Intaglio e scultura di Ossa.
Esiste la possibilità che fondamentali reperti ossei di dinosauro siano stati modificati artificialmente attraverso attività di scultura ed intaglio. La scultura ossea non è un'attività sconosciuta. Molte culture usano creare oggetti artificiali manipolando le ossa; oggetti che una volta completati risultano del tutto diversi dalle ossa da cui sono ricavati.  E' possibile che l'industria dei dinosauri tenda ad abusare di questo tipo di attività? E' possibile che interi scheletri di dinosauro siano segretamente assemblati usando ossa artificiali combinate ad ossa di animali moderni? Perché preoccuparsi di reperire veri fossili, quando simili presunte 'repliche' soddisfano pienamente le aspettative del pubblico?

Credibilità delle Illustrazioni ed Impressioni Artistiche.
Numerose illustrazioni in cui si ricostruisce l'aspetto dei dinosauri appaiono piuttosto assurde, con grandi animali a due zampe del tutto squilibrati, dato il peso di testa e addome visibilmente maggiore rispetto a quello della coda, che dovrebbe fungere da contrappeso. È possibile che l'industria dei dinosauri rappresenti uno di quei casi in cui la scienza cerca di compiacere le aspettative e i desideri del pubblico? Nel film Jurassic Park - ad esempio - i dinosauri raffigurati sono molto più grandi rispetto alle dimensioni denotate dagli scheletri nelle esposizioni museali (non esistono reperti ossei delle dimensioni degli animali di Jurassic Park). E' curioso notare come dopo l'uscita del film molti articoli si siano interrogati sulla plausibilità di quella ricostruzione. Anche la premessa del film secondo cui il dna dei dinosauri potesse estrarsi dall'ambra, si è rivelata del tutto infondata.

Il popolare reperto fossile 'transitorio' denominato Archaeopteryx, è una delle poche prove su cui viene appoggiata la teoria dell'evoluzione.
"Tuttavia Sir Fred Hoyle, eminente scienziato britannico, nel libro Archaeopteryx: l'Uccello Primordiale - Un Caso di Contraffazione di Reperti Fossili, sostiene che qualcuno modificò un piccolo fossile di specie nota, usando del cemento ed una piuma moderna. Il fabbricatore vendette poi la 'bufala' al British Museum per 36.000 marchi d'oro, cifra considerevole per il 1861."
Datazione Radiometrica.
La scienziata Margaret J. Helder, nel libro Completing The Picture, A Handbook On Museums And Interpretive Centres Dealing With Fossils, sostiene che:
"Gli scienziati hanno creduto per molto tempo che le datazioni radiometriche fossero totalmente affidabili, per lo meno riguardo alcuni tipi di roccia. Da qualche tempo non ne sono più così sicuri. Dopo aver avuto a che fare con numerose datazioni che si sono rivelate troppo antiche o troppo moderne rispetto alla collocazione che si aspettavano, ora hanno iniziato ad ammettere che simili tecniche sono molto più inaffidabili di quanto si ritenesse. Il pubblico non ha idea della fallibilità delle datazioni radiometriche. L'impressione diffusa nella maggior parte della gente è che numerose rocce presenti sulla Terra siano molto antiche e che oggi la scienza possiederebbe la tecnologia per misurare accuratamente l'età di ognuna di esse."
Fossilizzazione.
Margaret J. Helder spiega che la fossilizzazione è un processo di rarità davvero estrema:
"In quali circostanze interi organismi restano intatti abbastanza a lungo per trasformarsi in fossili? Nella maggior parte dei casi ciò ha luogo quando gli organismi vengono sepolti rapidamente da grandi carichi di sedimenti, che altrettanto in fretta devono trasformarsi in roccia. Non solo simili fattispecie richiedono il verificarsi di una situazione catastrofica, ma è anche necessario che il tipo di sedimento coinvolto possegga precise caratteristiche necessarie al processo. I geologi generalmente tendono a ritenere che basti un comune letto di limo, ma in realtà il semplice letto di limo provoca il decadimento del cadavere molto prima che possa avere luogo la litificazione.
La fossilizzazione è anche discussa nel dibattito tra evoluzionismo e creazionismo.
"... al giorno d'oggi non si riscontra in alcun luogo terrestre un qualsiasi processo di formazione di fossili su larga scala simile a quello che si sarebbe verificato nel passato remoto. Quando un pesce muore il suo organismo non va a depositarsi sul fondo marino per diventare un fossile, ma si limita a decadere e diventare cibo per altri pesci e animali. Allo stato attuale non esiste traccia fossile dei milioni di bufali che nel passato remoto popolarono fittamente le praterie (alcune mandrie erano talmente estese da ricoprire un intero stato)."
Il Paradosso delle Dimensioni.
Il saggio Dinosaurs and the Expanding Earth di Stephen Hurrell sottolinea il paradosso esistente tra le dimensioni dei dinosauri ed il loro presunto stile di vita.
"I calcoli effettuati in merito alle sollecitazioni dinamiche strutturali all'interno delle ossa dei più grandi dinosauri indicano che fossero troppo grandi per muoversi velocemente senza ferirsi. Eppure tutte le ricostruzioni effettuate sul loro stile di vita e di sopravvivenza li descrivono come creature molto attive ed agili. La dinamica strutturale dei dinosauri indica che le sollecitazioni a cui erano sottoposti i loro scheletri era di gran lunga più gravosa rispetto a quella degli animali odierni. In taluni casi i calcoli indicano che le ossa dei più grandi dinosauri avessero una forte probabilità di spezzarsi sotto il loro stesso peso. Tali calcoli confermano la teoria secondo cui i dinosauri per scongiurare shock ossei fossero costretti a muoversi molto più lentamente rispetto a ciò che si ritiene. Ma la lentezza nei movimenti risulta del tutto incompatibile con il ritratto confezionato al giorno d'oggi dello stile di vita dei dinosauri, secondo cui la loro sopravvivenza era strettamente connessa alla loro velocità, agilità, attività. Ecco: questo è il paradosso esistente tra la dimensione dei dinosauri e il loro supposto stile di vita."
L'unico modo per dirimere un simile paradosso è tenere fuori dal discorso la gravità terrestre!

Origine Abiotica del Petrolio.
Il petrolio è spesso indicato come 'energia fossile.' Tuttavia, l'astrofisico Thomas Gold sostiene che in effetti gli idrocarburi siano presenti in numerosi luoghi in cui è improbabile o impossibile l'esistenza di fossili, ad esempio su asteroidi, comete e pianeti quali Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone, e le loro lune, come Titano e Tritone. All'interno delle meteoriti sono stati rinvenuti carbone e idrocarburi policiclici aromatici (IPA). Esiste una teoria secondo cui il petrolio non sarebbe un 'combustibile fossile' derivato da organismi provenienti dalla superficie. Sulla base di detta teoria si può ipotizzare che la presunta esistenza nel passato remoto di dinosauri (o di qualsiasi altro organismo vivente) non sia collegata con l'origine del petrolio.

Motivazioni.
Le ossa di dinosauro valgono un gran mucchio di quattrini. Si tratta di un business particolarmente redditizio. Esiste una diffusa, potente pressione sugli accademici affinché producano documentazione su tale argomento. I musei guadagnano cifre astronomiche dalla produzione di grandi scheletri assemblati da mostrare al pubblico, il quale non manca mai di restarne incantato. Anche il cinema e gli altri mass media hanno guadagnato molti soldi in molti modi grazie al business dei dinosauri e dei reperti archeologici ad essi collegati. E' indiscutibile che ci sia davvero molto da guadagnare mediante la conversione di un comune osso di specie note nell'impressionante scoperta di uno scheletro di dinosauro, sul quale ognuno potrà poi costruire le proprie interpretazioni ed i propri business, piuttosto che mostrare al pubblico un triste mucchietto informe di schegge ossee. Il mondo è stracolmo di gente che farebbe di tutto pur di avere il prestigio, la fama e l'attenzione del pubblico.

E poi ci sono individui ed organizzazioni che perseguono precise agende politiche e religiose.

Durante il XIX secolo ebbe luogo l'inaugurazione di una nuova visione del mondo (Evoluzionismo) grazie a personaggi influenti come Darwin e Marx. E fu proprio durante tale periodo che furono fatte le prime scoperte archeologiche di fossili di dinosauri. E' possibile che queste 'scoperte' furono fatte per compensare la penuria di elementi scientifici a supporto della teoria dell'evoluzione?

Ecco una lista dei personaggi più influenti che contribuirono ad instaurare nella cultura umana il pensiero evoluzionistico:

Jean-Baptiste Lamarck (1744-1829) 
Thomas Malthus (1766-1834) 
Georges Cuvier (1769-1832) 
William Smith (1769-1839) 
Étienne Geoffroy Saint-Hilaire (1772-1844) 
Adam Sedgwick (1785-1873) 
Patrick Matthew ( 1790-1874) 
Mary Anning (1799-1847) 
Sir Richard Owen (1804-1892) 
Louis Agassiz (1807-1873)

Selezione Naturale:

Alfred Russel Wallace (1823-1913) 
Thomas Henry Huxley (1824-1895) 
Ernst Haeckel (1834-1919) 
Edward Drinker Cope (1840-1897) 
Henry Fairfield Osborn (1857-1935)

Il finanziamento statale delle organizzazioni che all'epoca (e ancora oggi) promuovevano il concetto di dinosauro potrebbe essere considerato uno strumento strategico di guerra psicologica contro un impianto culturale che a quel tempo si basava su una base dottrinale cristiana e sul racconto biblico della creazione operata da Dio.
Le motivazioni per un'eventuale invenzione di sana pianta dell'esistenza delle creature che chiamiamo 'dinosauri' potrebbero includere elementi che corroborino la teoria dell'evoluzione e allo stesso tempo confutino o insinuino dubbi sul racconto biblico, sulla teoria della 'terra giovane' e sulla stessa esistenza di Dio.

Ricapitolando.
I seguenti elementi sollevano dubbi in merito all'integrità del settore di studio dei dinosauri, e sul fatto che i dinosauri siano mai esistiti:

1- I rinvenimenti di fossili di dinosauro si sono verificati solo negli ultimi due secoli ed in grandi quantità concentrate in zone circoscritte. Il che contraddice le leggi della natura e della probabilità.

2- I 'non scopritori' di fossili di dinosauro in generale sono anche coloro i quali non ricavano alcun vantaggio economico dalla loro 'scoperta.'

3- L'abituale pratica di 'preparare' i reperti esposti al pubblico accende una spia rossa in merito alla reale integrità e fonte di provenienza dei fossili, e lascia sospettare la possibilità di manomissione e sostituzione delle ossa, quindi la possibilità di attività fraudolente su base sistemica.

4- La conformazione anatomica dei dinosauri denota forti squilibri e posture irrealistiche che la fisica di base ha evidenziato mediante i suoi studi.

5- Sproporzione quantitativa esistente tra i rinvenimenti di fossili di dinosauro e quelli di fossili di qualsiasi altro animale preistorico.

6- La scoperta dei dinosauri ha avuto delle enormi implicazioni nella diffusione della teoria dell'evoluzione e successiva convinzione che l'uomo non sia stato creato a immagine di Dio, e può implicare l'esistenza di programmi politici o religiosi occulti al servizio di precise ideologie.

7- La totale assenza di fondi e finanziamenti verso organizzazioni e individui che mettano in discussione o che siano scettici nei confronti delle 'scoperte' esposte al pubblico.

Conclusione
Esiste la concreta possibilità che i dinosauri non siano esistiti. L'industria dei dinosauri dovrebbe essere studiata, e bisognerebbe iniziare a porre tutta una serie di domande in merito. Non sono a conoscenza di alcuna prova inconfutabile che possa indurre a confermare in modo assoluto l'antica esistenza dei dinosauri sulla Terra. E' possibile che l'intera disciplina sia stata un'invenzione di alcune persone vissute tra il XIX e XX secolo, le quali è risaputo che perseguissero un'agenda finalizzata a screditare il Cristianesimo.

L'esistenza dei dinosauri non è ancora stata dimostrata. Porre in discussione ciò che viene raccontato alle masse, invece, è la scelta più saggia. Si tratta di questioni che dovrebbero essere valutate molto attentamente per il bene della buona scienza.

"O Timoteo, sii fedele senza lasciarti irretire dalle profane vacuità di parole della falsa scienza."
1 Timoteo 6:20

La scelta è tra il credere alla parola degli evoluzionisti o alle parole riportate nella Bibbia. In entrambe i casi si tratta di una questione di fede.

Articolo in lingua inglese pubblicato sul sito: Love for Life
Link diretto:
http://loveforlife.com.au/content/10/09/14/dinosaur-deception-dinosaurs-never-existed-dinosaur-fossils-are-hoax-dinosaurs-scie

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Ndt - A proposito, ultimamente gli scienziati hanno dovuto ammettere che il triceratopo - notissimo esemplare di dinosauro crestato e cornuto esposto nei musei e raffigurato in centinaia di prodotti mediatici ... non è mai esistito. Ciò dà la misura degli standard tutt'altro che rigidi seguiti nella divulgazione di questa branca scientifica.


Post correlati: Teoria dell'Evoluzione: 44 Ragioni che la Smontano
Post correlati: Evoluzione: Fatto o Fede? (Doc sugli Errori di Darwin)
Post correlati: La Vera Origine della Vita - Lloyd Pye (P.1)
Post correlati: Lo Scienzianesimo - Nuovo Mondo
Post correlati: Il Falso Tempo della Storia - G. Conforto
Post correlati: Fantascienza, Programmazione Predittiva e Religione Globale
Post correlati: Fede nel Nulla - A. Zichihi
Post correlati: La Pompei Sepolta nel 1631 Svela i Mille Anni Mai Esistiti

LETTURE CONSIGLIATE



Fidati! Gli esperti siamo noi


16 commenti:

  1. Sempre più convinto che tutto quello che ha copertura dei media a tamburo battente è una bufala, figuriamoci i lucertoloni giganti!! Godzilla!!!! Ahahahah

    RispondiElimina
  2. http://www.atlanteanconspiracy.com/2015/09/dinosaur-hoax-dinosaurs-never-existed.html

    RispondiElimina
  3. buon esercizio di "stretching mentale", ma difficile da credere

    RispondiElimina
  4. Ottimo articolo. Avevo già letto qualcosa in merito in passato, e ho sempre creduto che i dinosauri siano una bella bufala confezionata apposta per dar credito alla loro folle linea temporale della storia.

    RispondiElimina
  5. Quest'articolo si sbaglia. È stata scoperta in Turchia la città di Göbekli Tepe, risalente a più di 9000 a.C. con incisioni, vasi e sculture di dinosauri insieme a uomini. Il Criolophosaurus, per esempio, è stato trovato in Antartide e sono state ritrovate nel mondo orme di dinosauri insieme a orme di uomini. Se c'è una cosa su cui forse mentono è l'estinzione dei dinosauri prima della comparsa degli uomini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che siete proprio de coccio, ma de quello tosto, senza offesa eh

      Elimina
  6. Se qualche perditempo come me avrà la pazienza di leggervi, spero si ponga delle domande... Commento solo 1 cosa: prima dite che ci vogliono condizioni molto particolari perché avvenga la fossilizzazione, poi a sostegno della ridicola tesi dite che i ritrovamenti concentrati in pochi punti sono sospetti per il calcolo delle probabilità?!? Forse credete più facilmente ad Agarthi o al Capitano Nemo. La paleontologia non sarà scienza, ma nemmeno quella che propinate qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui non si 'propina' alcunché. l'accesso è gratuito e del tutto facoltativo. si offrono, attraverso un lavoro non retribuito, fondate obiezioni in merito ad alcune verità, quelle si, 'propinate' in modo bulgaro dall'intero impianto culturale mediatico scolastico e accademico. non si pretende di avere la verità in tasca, come invece accade in altri ambiti. chi non gradisce può navigare altrove e nessuno si offenderà

      Elimina
  7. Philip K Dick scrive di fantascienza, ha vinto premi Hugo, come Asimov. Cappellini non aveva alcun interesse a creare nuove scienze (era geologo affermato) e di magnati statunitensi complottisti si può parlare anche per la spedizione Carnavon-Carter (ultime news: sulla maschera di Tutankamon è stata trovata la scritta "MADE IN CHINA"): mi trovo perfettamente d'accordo con Voi e Fox Mulder: gli alieni compiono viaggi di durata superiore alla vita individuale per librarsi sopra alle distese desertiche o fagocitare vacche nelle praterie dell'Arizona: loro lo chiamano "sport estremo" (è uno dei segreti della NASA che nessuno vuole rivelare per paura del levitare dei costi dei carburanti per fare altrettanto su Riegel).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli alieni? probabile bufala, proprio come i lucertoloni ;)

      Elimina
  8. Mi sento offeso,offeso di appartenere alla stessa specie di chi ha scritto un articolo così ridicolo, assurdo all'inverosimile.Ma come si può ancora essere così beceri? Sono sicuro che voi cattolici incalliti avreste preferito di gran lunga che la terra fosse ancora piatta e al centro dell'universo come le "infallibili" scritture decantano,aspetta o forse ancora dubitate anche di questo? Dovete aprire gli occhi e curarvi da quelle cateratte d'ingoranza di cui siete appestati o rimarrete solamente una palla al piede dello sviluppo di cui l'umanità sentirà solo il peso. Però di una cosa vi ringrazio, continuate a farci fare delle grasse risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sarete stressati? se reagite così ad un articolo che parla di dinosauri non vorrei essere nei panni di uno che vi tamponi con la macchina.
      ad ogni modo l'articolo riporta obiezioni, ma nessuno di voi signori argomenta nel merito di quelle obiezioni. il titolo ed il contenuto non affermano, ma esprimono dei dubbi. il tuo tono denota intolleranza, oppure malafede. o forse sei solo sotto shock. poi magari godzilla ed il mostro di lockness sono realmente esistiti, milioni e milioni di anni fa, e le loro ossa sono state scoperte solo dall'800 in avanti perché in precedenza l'umanità non aveva ancora imparato a scavare. saluti

      Elimina
  9. Sembri un testimone di Geova... L'articolo può essere anche interessante, ma i continui riferimenti al Cristianesimo sono ridicoli e fuori luogo, come se qualcuno stesse attaccando la tua religione. La frase tratta dalla bibbia a fine articolo mi ha fatto scadere tutto quello che ho letto sopra. Non accetto le idee di una persona che non crede ai dinosauri ma crede nella bibbia, ridicolo a dir poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo, il punto non è credere o meno nella Bibbia, ma raccogliere informazioni per ottenere spunti di riflessione. Se voglio avere un'idea esaustiva dei 'crimini' imputati alla Chiesa e al Cristianesimo, non mi informo leggendo i libri delle Edizioni Paoline. se voglio trovare conferma dei punti deboli che mi capita di riscontrare nelle nozioni diffuse dall'imperante ateismo scientista, non mi informo sui siti/libri degli atei scientisti. La religione non c'entra, è solo un metodo di ricerca. l'autore dell'articolo ha voluto chiudere con una citazione biblica, e la traduzione ha semplicemente rispettato la volontà dell'autore. valutare la bontà di un concetto sulla base di un pregiudizio culturale, non è una buona idea. saluti

      Elimina
  10. Eppure la citazione sulla Buona Scienza è profetica....

    RispondiElimina
  11. Internet è piena di riferimenti ad ossa finte nei musei. Poi sai che c'è dove c'è il denaro, tanto denaro ci sono anche le bufale per accumularlo.
    Chi non ha ancora notato questo nella propria esistenza è un allocco e secondo me può anche prepararsi per l'imminente migrazione della razza umana su Marte.

    RispondiElimina

Se il post ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo e lasciare un commento.

N.B. Non saranno pubblicati commenti espressi con linguaggio offensivo o violento, e critiche non motivate / argomentate.

Leggendo le nostre DOMANDE FREQUENTI potrai crearti un'idea più precisa sul nostro approccio ai temi trattati nel blog.

GRAZIE per il contributo e la collaborazione

SISTEMA


MITI E LEGGENDE